copertina

Saggi libertini

Gilberto Sacerdoti

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Quodlibet
Collana: Saggi
Anno edizione: 2020
In commercio dal: marzo 2020
Pagine: 256 p., Brossura
  • EAN: 9788822904522
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 19,00

In uscita da: marzo 2020

Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In un'Inghilterra imbevuta del lascito di Machiavelli e Bruno (che a Londra pubblica i suoi capolavori), fiorisce, nei secoli XVI e XVII, una scrittura "libertina" che coinvolge autori fondamentali come Marlowe, Shakespeare, Bacone, Ralegh (il fondatore della Virginia) e Toland (freethinker e protomassone). Sacerdoti, in questo libro, cerca di penetrare la malizia di questi autori, «vecchi diavoli incarnati», mettendo in evidenza come, nella loro diversità, possono essere chiamati "saggi libertini". I motivi sono principalmente due: innanzitutto per il contenuto dei loro lavori, che ruota attorno al contrasto tra Libro della Scrittura e Libro della Natura (quest'ultimo libera gli uomini dalle catene della religione rivelando loro la vera natura delle cose); in secondo luogo per la forma della loro scrittura, in cui audacia, prudenza e pedagogismo si fondono, raggiungendo vertici di virtuosismo.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Note legali