Categorie

George Berkeley

Traduttore: D. Bertini
Editore: Bompiani
Collana: Testi a fronte
Anno edizione: 2004
Pagine: 502 p. , Brossura
  • EAN: 9788845211225

Con questo volume la già ampia collana "Testi a fronte" dell'editore Bompiani, che offre a prezzi accessibili numerosi classici della filosofia, si arricchisce di un nuovo titolo, anzi due. Vengono infatti presentate le due opere forse più note di George Berkeley, il Saggio su una nuova teoria della visione e il Trattato sui principi della conoscenza umana, in una traduzione che - come spiega il curatore - cerca di essere il più possibile fedele alla terminologia dell'autore, naturalmente corredata di testo a fronte. Le due opere in questione, insieme ai Tre dialoghi tra Hylas e Filonous, costituiscono il terzetto di opere giovanili di Berkeley, e - a torto o a ragione - sono spesso state considerate come le più rappresentative del suo pensiero, quelle in cui viene esposta la famosa dottrina "immaterialista", secondo cui - per servirsi di un'abusata formula da manuale - esse est percipi. Il curatore sottolinea l'unità di ispirazione del Saggio e del Trattato, concepiti nello stesso periodo, e dunque la sostanziale coerenza delle tesi in essi esposte. L'edizione è completata da due puntuali ed equilibrate introduzioni alle opere, un breve glossario e una bibliografia essenziale, ma soprattutto da ricche note al testo, in cui vengono affrontate sia questioni filologico-editoriali (sono per esempio segnalate le differenze testuali tra le varie edizioni), sia questioni interpretative.

Guido Bonino

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Jimmy

    14/04/2007 17.00.25

    Soprattutto il Trattato: la cosa spaventosa è che è stato scritto da Berkeley a 25 anni!! Io lo considero uno dei testi filosofici, aldilà che uno ne condivida o no gli assunti, più importanti di sempre. Dovrebbe essere letto per il fatto che vi si trova la cosiddetta "illuminazione" che pochissimi (Aristotele, Hegel e qualcun altro) hanno avuto. Ripeto, spaventoso in tutto. O meraviglioso, che è lo stesso.

Scrivi una recensione