Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 1 lista dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Saint Ange
8,90 €
DVD
Venditore: TUTTOSULVIDEO
8,90 €
disp. immediata disp. immediata (Solo 1 prodotto)
+ 5,00 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
TUTTOSULVIDEO
8,90 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
DVDEQUIPE
10,99 € + 3,99 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Dischi Fenice
15,00 € + 3,50 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
TUTTOSULVIDEO
8,90 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
DVDEQUIPE
10,99 € + 3,99 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Dischi Fenice
15,00 € + 3,50 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Saint Ange di Pascal Laugier - DVD
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Anna deve trascorrere qualche giorno a Saint Ange, un vecchio orfanotrofio che sta chiudendo, per preoccuparsi delle ultime pulizie. Nella vecchia casa, oltre ad alcune inservienti, rimane con lei Judith, una ragazza cresciuta nell'orfanotrofie ed imprigionata nei ricordi di una mente instabile. Col passare dei giorni Anna comincia a sentire dei rumori strani di passi e di voci di bambini, che fanno crescere in lei la sensazione di essere continuamente spiata da presenza minacciose. Presto inizia a rendersi conto che quell'edificio sperduto tra le montagne nasconde un atroce segreto.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2004
DVD
5050582355901

Informazioni aggiuntive

CDI, 2011
Universal Pictures
98 min
Italiano (Dolby Digital 5.1);Francese (Dolby Digital 5.1)
Italiano; Italiano per non udenti
2,35:1 Wide Screen
dietro le quinte (making of)

Valutazioni e recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(1)
Alicja
Recensioni: 3/5

molto strano, indubbiamente bello, qualche volta osceno, logica non sempre evidente ma sempre meglio che Hollywood

Leggi di più Leggi di meno
Cico
Recensioni: 5/5

Cercando di analizzare il film senza preconcetti e magari effettuando una disamina leggermente più completa e approfondita del "boiata senza senso", si può arrivare alla conclusione che di senso il film ne ha, eccome. Il giovane regista fornisce una prova convincente, densa di atmosfera e pathos. Le attrici sono perle rare, soprattutto Lou Doillon, che si cimenta in una prova alquanto complicata interpretando la parte di Judith, con risultati realmente convincenti, quasi entusiasmanti. Il suo viso caratteristico, spettrale, "gotico" produce una serie di espressioni di rara intensità e si completa alla perfezione con l'altrettanto convincente recitazione di Virginie Ledoyen - Anne. La caratterizzazione dell'imponente ma nel contempo fatiscente orfanotrofio è riuscita alla grande. Quell'enorme edificio vuoto inghiotte i personaggi, creando quasi un effetto agorafobico nello spettatore. La fotografia è altrettanto positiva, le musiche convincenti ma mai invadenti, anzi, passano in secondo piano con discrezione durante l'evolversi delle vicende sceniche. Il gameplay è piuttosto semplice ma non scade mai nel troppo scontato, fornendo raramente spunti che facciano balzare sulla sedia, ma mantenendo un filo di tensione costante ed elevato, che attanaglia lo spettatore e gli fa correre una serie di brividi sulla schiena. Il finale è assolutamente disperato, imprevedibile e non convenzionale. Chi si aspettava colpi di scena improvvisi o una spiegazione raccapricciante sulla fine dei poveri "bambini cattivi" resterà deluso. La spiegazione è molto più terrena, triste e inseribile nel contesto post-bellico in cui è ambientata la pellicola. Forse potrà lasciare lo spettatore interdetto, insoddisfatto, con la sensazione che manchi la Spiegazione. In realtà essa è volutamente lasciata in un limbo, alla portata di chiunque voglia accostarsi a questo piccolo, grande capolavoro del cinema noir tenendo la banalità e la superficialità propria di chi non vuol pensare a distanza di sicurezza.

Leggi di più Leggi di meno
cristian
Recensioni: 1/5

Ma dopo il montaggio delle scene c'è qualcuno che guarda il film ? (regista o produttore?),non si rendono conto di che razza di film mettono in giro,uno dei piu insignificanti e brutti film che abbia mai visto.NON COMPRATELO,E NON SPENDETE NEANCHE QUEI 4 EURO PER IL NOLEGGIO. BOIATA SENZA SENSO, 1 è ancora un voto alto per un film del genere

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(1)

Conosci l'autore

Virginie Ledoyen

1976, Aubervilliers

Nome d'arte di V. Fernandez, attrice francese. Viso sbarazzino e fascino misterioso, è una delle più interessanti attrici francesi della nuova generazione. Il suo primo ruolo di rilievo è in Il ladro di ragazzi (1991) di C. de Chalonge, ma il successo arriva nel 1994 con L’eau froide di O. Assayas. Dopo Il buio nella mente (1995) di C. Chabrol, intraprende anche la carriera di fotomodella e nel 2000 è a fianco di L. DiCaprio in The Beach di D. Boyle. La definitiva consacrazione giunge nel 2002, quando lavora con le più grandi attrici sue connazionali (tra cui C. Deneuve e F. Ardant) in Otto donne e un mistero di F. Ozon. L’anno dopo è una passionale partigiana nella leziosa commedia storica di J.P. Rappenau Bon voyage e nel 2007 è accanto a S. Accorsi nel romantico Solo un bacio per favore...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore