Same Door

Same Door

John Updike

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Formato: EPUB con DRM
Testo in en
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,86 MB
  • EAN: 9780679645795

€ 10,08

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

The title of John Updike’s first short story collection, published when the author was twenty-seven, alludes to the old superstition that you should enter and leave a house by the same door. Thus John Nordholm, the alternately shy and brash hero of the first story here, is also the narrator of the last. Yet there is a sense in which all sixteen of these stories knock at the same door, a door that in “Dentistry and Doubt” swings open, and in “Toward Evening” remains shut. The characters are polite, nervous, diffident, as if life—or at least youth, for they are all young—were a discomfiting wait in the anteroom of the absolute. The majority of these stories depict encounters between strangers and their unexpected effects, which can be as concrete as a roomful of flowers or a bottle of wine, or as intangible as a miracle or a dream.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • John Updike Cover

    Scrittore statunitense. Entrato appena ventenne nella redazione del «New Yorker», vi pubblicò poesie (raccolte poi in Pali del telefono, The telephone poles, 1963) e racconti (La stessa porta, The same door, 1959) che della rivista newyorchese hanno la cifra stilistica: il nitido funambolismo verbale, i toni dell’ironia e della nostalgia. Il romanzo breve Festa all’ospizio (The poorhouse fair, 1959) e i felicissimi racconti di Le piume del piccione (Pigeon feathers, 1962) rivelano gli sviluppi di una scrittura personale, delicata e nervosa, tesa a rappresentare le lacerazioni del quotidiano, le epifanie dello sguardo infantile, le trasparenze della memoria. Frattanto, in Corri Coniglio (Rabbit run, 1960 - tradotto da Bruno Oddera per Mondadori nel 1961), il suo... Approfondisci
Note legali