Il sangue versato

Åsa Larsson

Traduttore: K. De Marco
Editore: Marsilio
Anno edizione: 2010
Formato: Tascabile
In commercio dal: 7 aprile 2010
Pagine: 400 p., Brossura
  • EAN: 9788831705882
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 6,75
Descrizione
Nel giorno di mezza estate, quando la notte bisbiglia e la gente diventa irrequieta, in una terra incantevole ai limiti del mondo, si compie un delitto feroce. Nella chiesa di Jukkasjärvi, piccola località nei pressi di Kiruna, viene ritrovato il corpo martoriato del pastore Mildred Nilsson, una figura controversa che con l'intransigenza delle sue posizioni aveva diviso le anime del paese, attirando odio viscerale e venerazione. L'avvocato Rebecka Martinsson torna a casa per tutt'altre ragioni e, senza volerlo, si trova a dare una mano all'ispettrice di polizia Anna-Maria Mella, rientrata alla centrale dalla sua quarta maternità. Perché si è arrivati a tanto furore? Da che parte sta la ragione? Può davvero la colpa essere attribuita con certezza? Nel corso delle indagini, le due donne devono confrontarsi con l'odio e l'amore ferito che si mescolano in questa terra solitaria e primitiva non lontana dal circolo polare artico, dove per mesi non compare mai il sole e la natura si sveglia d'un tratto rigogliosa di vita. Un nuovo caso per Rebecka Martinsson, in cui Åsa Larsson tratteggia con occhio attento e partecipe la complessità delle relazioni umane, celebrando allo stesso tempo la seduzione della natura incontaminata della sua terra che, quasi ai confini della civilizzazione, ha serbato intatta la forza arcaica dei sentimenti.

€ 10,62

€ 12,50

Risparmi € 1,88 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabio

    06/09/2018 20:28:50

    Scritto veramente bene. Trama che si sviluppa in modo lento, ma mai banale. I personaggi sono descritti in modo profondo. La lettura ti trasporta davvero nei luoghi in cui è narrata la vicenda e non mancano molti spunti di riflessione.

  • User Icon

    Attilio Alessandro

    20/08/2015 10:23:53

    Bellissimo romanzo. Ci sono dei momenti di vera letteratura. Consigliato

  • User Icon

    Roberto D'Errico

    05/01/2015 10:28:18

    "Il Sangue Versato" è un ottimo romanzo anche se, a mio avviso, piuttosto distante dal "tipico" giallo. C'è una vicenda gialla, quello sì, e ci sono da scoprire quali siano le ragioni dietro la morte violenta di un personaggio dai tratti carismatici e molto ben definiti tuttavia, come già messo in evidenza da altri utenti, si tratta di una storia di ben più ampio respiro; un vero dramma umano, ma non solo. A tratti il libro è un po' lento e descrittivo, ma basta tener duro appena un po' per arrivare ad una parte finale decisamente da brividi. Alla fine non si potrà dire che non ne sarà valsa la pena. Libro che spinge a riflettere su molti aspetti dell'esistenza e che non si risparmia in drammaticità e prosa, a tratti, davvero poetica.

  • User Icon

    nanni

    09/12/2013 20:18:07

    Un libro che è prima di tutto un romanzo di ampio respiro con descrizione ed ambientazione dei paesaggi nordici a contatto con una natura che a me affascina . Mi è piaciuto quasi tutto, l'analisi caratteriale dei personaggi il ritmo del libro che senza ricorrere a stratagemmi e scene irreali si mantiene elevato e coinvolge il lettore. Non mi è piaciuta l'accettazione, che è frutto mi pare della cultura nordica, della possibilità di scelta del suicidio, della vicinanza con la morte, che sembra un'opzione che può essere in qualche maniera essere accettata.

  • User Icon

    susanna bottini

    04/11/2013 08:35:19

    Più che un giallo, un dramma con inclusa una vicenda poliziesca, con indagini non proprio classicamente seguite, personaggi dai contorni forti, una vicenda intensa. Originale la prosa, che alterna l'uso del tradizionale passato remoto al tempo presente, quando si tratta di uscire dal contesto generale, o per dare maggiore incisività. Un buon lavoro, una storia del profondo Nord della Svezia.

  • User Icon

    sylvia

    06/03/2011 21:46:58

    Ho conosciuto questa scrittrice,partendo da un libro diciamo,a metà, delle vicende della protagonista. Quindi,a ritroso sono andata a scoprire il percorso dei questa scrittrice,e questo romanzo è davvero notevole.I personaggi sono sempre ben delineati,i sentimenti,le emozioni.Le situazioni sono quelle dei villaggi nordici,con le invidie,le cattiverie ma anche gli slanci che si incontrano nelle piccole comunità.Tutti sanno tutto di tutti,nessuno parla.La narrazione coinvolge e si legge con curiosità velocemente.Ora non mi resta che il tassello mancante e poi mi auguro vengano tradotti altri lavori.

  • User Icon

    jane

    18/10/2010 12:03:34

    Belle le descrizioni dell'ambiente nordico, affascinanti anche i caratteri estremi di alcuni personaggi: un giallo svedese niente male. 400 pagine che si leggono in un soffio, magari per tirare il fiato dopo una lettura più impegnativa.

  • User Icon

    mauro

    17/06/2009 14:18:40

    Non ho letto il primo romanzo della scrittrice, in questo secondo ci sono alcuni riferimenti (fortunatamente un pò "velati"....) alla precedente vicenda, e si capisce come il personaggio Rebecka viva ancora in quel drammatico passato. Questa vicenda mi è piaciuta molto, mi ha colpito l'uso dei tempi passato/presente nella narrazione, in funzione delle situazioni che man mano vengono rievocate. Bellissima la storia della lupa, grande attenzione ai caratteri dei personaggi ed anche all'ambiente geografico in cui si svolgono i fatti. Avendo un pò di confidenza dell'ambiente nordico (svedese, in particolare...) trovo anche credibili le modalità di relazioni interpersonali descritte.

  • User Icon

    luigi

    22/07/2008 09:25:30

    se fosse stato un compito in classe...appena sufficiente!

  • User Icon

    Giuliopez

    26/06/2008 09:24:04

    Avevo letto il primo (Tempesta solare) trovandolo affascinante, questo secondo è altrettanto coinvolgente. Davvero una grande scrittice e non trovo azzardato il paragone con Mankell.

  • User Icon

    fabio zanotti

    26/05/2008 13:47:52

    Mi è piaciuto di più rispetto al primo. La trama, anche se simile al primo, mi ha coinvolto maggiormente. Il personaggio di Rebecka non mi è particolarmente simpatico, mentre mi piace molto Anna Maria Mella. Bel giallo

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione