Salvato in 15 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
La scena perduta
19,95 € 21,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
La scena perduta 200 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,95 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
21,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
21,00 € + 7,60 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Gullà
9,00 € + 4,50 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libreria Gullà
10,00 € + 4,50 € Spedizione
Disponibile in 7 gg lavorativi Disponibile in 7 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libro di Faccia
10,80 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Libraccio
11,34 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,95 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
21,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Internazionale Romagnosi snc
21,00 € + 7,60 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libreria Gullà
9,00 € + 4,50 € Spedizione
Disponibile in 2 gg lavorativi Disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libreria Gullà
10,00 € + 4,50 € Spedizione
Disponibile in 7 gg lavorativi Disponibile in 7 gg lavorativi
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libro di Faccia
10,80 € + 4,90 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Libraccio
11,34 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
La scena perduta - Abraham B. Yehoshua - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

La scena perduta Abraham B. Yehoshua
€ 21,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

L’ultimo romanzo di Yehoshua è tra i suoi libri più misteriosi e profondi: una vertiginosa meditazione sui legami segreti fra identità, creazione artistica e perdono.

Indebolito dall’età nel fisico ma non nello spirito, Yair Moses è un regista israeliano invitato a Santiago de Compostela per una retrospettiva sui suoi film. Lo accompagna Ruth, protagonista di gran parte delle sue pellicole, di volta in volta definita «compagna», «musa», «personaggio».
Ad accoglierlo, però, vi saranno alcune sorprese: la rassegna è organizzata da un religioso appassionato di cinema e si concentra sui suoi primi titoli, pellicole così datate che lo stesso regista fatica a ricordarne il contenuto (facendo assomigliare le proiezioni a stranianti viaggi nella memoria, a metà tra la seduta psicanalitica e la confessione religiosa). Inoltre nella stanza d’albergo è appeso un quadro che lo turba profondamente: una versione del celebre tema iconologico della «carità romana» in cui la giovane Pero allatta il padre Cimone, chiuso in carcere e condannato a morire di fame. Il dipinto ricorda al regista una scena simile che sarebbe dovuta apparire in uno dei suoi film. Ruth, però, si era rifiutata di girarla: l’avallo di Moses alla decisione dell’attrice aveva causato la loro rottura con lo sceneggiatore, Shaul Trigano, la mente creativa alla base dei loro successi (e all’epoca compagno della donna). Una rottura tanto dolorosa quanto irrimediabile.
Almeno fino ad oggi: Moses scopre che dietro l’organizzazione della rassegna c’è proprio Trigano.
La scena perduta è il romanzo più misterioso e profondo di Yehoshua: un libro che ha il sapore del bilancio di una carriera, ma anche un’indagine sui segreti legami fra creatività e trascendenza, desiderio e identità, passione e compassione. Su ciò che di più prezioso abbiamo perso pur non avendolo mai posseduto.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2011
22 novembre 2011
367 p., Rilegato
9788806203313

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(9)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(5)
4
(1)
3
(2)
2
(0)
1
(1)
Iginio Petrussa
Recensioni: 1/5

Un libro assurdo e noioso. Vai avanti a leggerlo pensando al momento in cui si manifesterà una rivelazione che illumini il libro. E alla fine la agnizione arriva: una fantasia assurda di uno scrittore erudito che ha perso l'ispirazione e confonde la bizzarria con la profondità del pensiero. Tenersene lontani. Si può impiegare meglio il tempo.

Leggi di più Leggi di meno
dany
Recensioni: 5/5

1 pò pesante. ma come i precedenti lavori ancora 1 volta al TOP! leggere con calma, e assimilare i concetti.

Leggi di più Leggi di meno
Lidia
Recensioni: 3/5

Ho letto e amato tutti i romanzi di Yehoshua che considero tra i maggiori scrittori contemporanei. "La scena perduta" mi e' sembrato pero' eccessivamente iniziatico: se si riesce ad arrivare alla fine della retrospettiva cinematografica, si viene accompagnati verso un finale bizzarro e struggente che rende poi difficile staccarsi da Moses.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(5)
4
(1)
3
(2)
2
(0)
1
(1)

Voce della critica

  In La scena perduta Yehoshua veste i panni di Yair Moses, un regista in là con gli anni, che, accompagnato da Ruth, la "sua" attrice preferita, partecipa a una retrospettiva dedicata ai suoi primi film a Santiago di Compostela. Si tratta di opere giovanili dominate da atmosfere surreali e visionarie, scritte dall'allora fedele ex alunno e poi sceneggiatore Shaul Trigano e filmate dal bravissimo operatore Toledano. Con il primo, il regista ha ormai interrotto ogni rapporto, e lo considera "un autore perduto"; il secondo è deceduto. Di Ruth conosciamo solo il nome, ma attorno a lei ruota una buona parte delle tensioni di questo libro. Al tempo di quelle prime opere, Ruth era la compagna dello sceneggiatore, e l'operatore Toledano ne era innamorato fin dall'infanzia; dopo la rottura tra regista e sceneggiatore, il regista aveva appoggiato l'attrice nel suo rifiuto di girare una scena. Sullo sfondo di queste relazioni triangolari si staglia la scena rifiutata da Ruth, la recitazione di una versione israeliana della Caritas Romana: la figlia Pero che allatta il padre prigioniero Cimone per salvargli la vita. La scena non fu mai filmata e venne quindi perduta, rimanendo tuttavia in sospeso, come una fantasia non realizzata o un atto mancato, per il quale è necessaria una qualche forma di espiazione. La retrospettiva di Santiago produce semi che germinano quando si passa dal cinema alla realtà. Comprato a Santiago un bordone da pellegrino "che gli piace sempre di più", Moses trasforma il suo rientro in Israele in un pellegrinaggio sui luoghi di quei suoi primi film quasi dimenticati. Là ritrova lo spirito anticipatore e profetico del suo sceneggiatore ma riavverte anche il dolore per la loro rottura. Una volta in Israele, Moses cerca l'ispirazione per un nuovo film, esamina proposte e suggestioni che non lo convincono del tutto; infine, nell'ottavo capitolo, cerca con caparbietà, e ottiene, un difficile incontro con Trigano che gli chiede, in cambio di una tardiva assoluzione, di espiare la colpa per aver perduto la sua scena. Non è soltanto una scena che è andata perduta in questo romanzo: con l'eccezione dell'ottavo capitolo, in cui ritroviamo un grande Yehoshua che, nei panni di Moses, dialoga con Trigano (in realtà con se stesso, come testimoniato dall'uso della seconda persona singolare), sembra perduto anche l'appassionante scrittore che abbiamo conosciuto in passato, quando dipingeva grandi affreschi storici o quando rivelava le contraddizioni della società israeliana e il suo difficile rapporto con quella palestinese. I temi di questo romanzo sono l'anima dell'artista, quale mezzo espressivo più le si addica, le fonti dell'arte e della creatività, "musa seria [che] odia vizi e viziati", quali traumi le alimentino, come nascano e che cosa siano i personaggi. Questioni non minori dei temi che erano stati sullo sfondo delle costruzioni dei grandi romanzi dell'autore, e che qui sono trattati solo en passant: "L'esistenza ebraica sempre minacciata da se stessa" o la rappresentazione del proprio paese divenuto "un campo militare anziché essere una patria viva e vitale". La ricerca dell'origine dell'arte e della creatività diventano qui un riassunto, o forse un ritorno, alla propria opera (principalmente giovanile). I film della retrospettiva di Santiago richiamano i primi racconti di Yehoshua (La morte del vecchio, Il poeta continua a tacere, Il rapido serale di Yatir, L'ultimo comandante) e frequenti sono riferimenti e atmosfere dei suoi romanzi successivi: la scomparsa di Ruth in Spagna ricorda quella di Nina in Cinque stagioni; il viaggio di Moses verso il confine con la striscia di Gaza "in una zona pericolosa, di notte, in inverno" per raggiungere Trigano rievoca le pagine di La sposa liberata in cui si attraversava di notte un labile confine verso Ramallah per assistere a un festival letterario; come nell'opera dell'autore, anche nella retrospettiva cinematografica si passa da un primo surrealismo a un crescente realismo. Yehoshua cerca l'origine della creatività anche per tornare ad attingervi fisicamente, come l'ultima scena (ritrovata) testimonia, ma fino ad allora si sente stanco e immobile, "un vecchio artista che aspetta un segno per infondere vita a una nuova opera". Il consiglio che l'autore dà a se stesso è quindi di rimettersi in viaggio. Altri temi confluiscono poi in questo romanzo e tuttavia non diventano davvero portanti: il rapporto tra psicoanalisi e arte, le figure femminili mai comprese fino in fondo, l'orientalismo con cui sono descritti beduini veri o fittizi, o i palestinesi che tirano razzi da Gaza (spinti da una "nostalgia che va e viene", un'idea poetica, ma non interamente di buon gusto), il recupero delle origini mizrahi di Yehoshua: quasi tutti i personaggi sono ebrei di origine araba, mizrahi, appunto, i luoghi sono quelli della periferia di Israele, abitati da mizrahim. Si tratta tuttavia di un ritorno del rimosso che non convince: mentre Trigano e Toledano – lo sceneggiatore e l'operatore mizrahi − dettavano la prospettiva dei film, questi erano poi diretti dall'askenazita Moses. Su tutto incombe inesorabile il passaggio del tempo, un tema che attraversa tutto il testo con la consapevolezza che "proprio perché il futuro è breve, si fa intenso e interessante", per prepararsi al gran finale, "un compromesso tra ciò che era e ciò che non sarà più". Per l'edizione italiana, si segnalano l'eccellente traduzione di Alessandra Shomroni, e la scelta, assai discutibile, di Einaudi di non riprodurre in copertina la scena che dà il titolo e il soggetto al romanzo (come invece nell'originale ebraico), relegandola in bianco e nero all'interno del volume. Marcella Simoni  

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Abraham B. Yehoshua

1936, Gerusalemme

Abraham B. Yehoshua - scrittore e drammaturgo israeliano - nasce a Gerusalemme il 19 dicembre 1936 da una famiglia d'origine sefardita. Il padre Yaakov Yehoshua è uno storico. Ha insegnato nelle Università statunitensi Harvard di Chicago e Princeton e Letteratura comparata presso l'Università di Haifa. Durante la sua permanenza a Parigi ricopre anche il ruolo di Segretario Generale dell'Unione Mondiale degli Studenti Ebrei. Il suo primo libro è una raccolta di racconti, Mot Hazaken (La morte del vecchio), ed è del 1962.Tra i suoi romanzi: L'amante (1977), Un divorzio tardivo (1982), Cinque stagioni (1987), Il signor Mani (1990), Ritorno dall'India (1994), Viaggio alla fine del millennio (1997), La sposa liberata (2002), Tre giorni e un bambino (2003),...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi