Schumannia

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Robert Schumann
Supporto: SuperAudio CD
Numero supporti: 1
Etichetta: MDG
Data di pubblicazione: 10 settembre 2016
  • EAN: 0760623197166

€ 20,50

Punti Premium: 21

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Robert Schumann (1810-1856): Fantasiestücke op. 73; Abendlied; Fünf Stücke im Volkston op. 102 (Mit Humor; Langsam; Nicht schnell, mit viel Ton zu spielen; Nicht zu rasch; Stark und markiert); Herzeleid; Widmung; Drei Romanzen op. 94 (Nicht schnell; Einfach, innig; Nicht schnell); Sängers Trost; Zwielicht; Adagio e Allegro op. 70; Mondnacht.
Un’impresa magica Schumannia: sarebbe stato davvero difficile trovare un titolo più azzeccato per questo splendido SACD, nel quale Guido Schiefen e Markus Kreul eseguono in maniera magistrale le opere per violoncello e pianoforte di Robert Schumann. Il fatto che il grande compositore di Zwickau abbia concepito in origine per questo organico solo i Fünf Stücke im Volkston op. 102 non toglie nulla a questo fulgido progetto discografico, anzi… tutto il contrario! Lo stile esecutivo al tempo stesso fantasioso, camaleontico, brillantemente virtuosistico e la sapiente scelta delle arcate del violoncellista Guido Schiefen permettono agli appassionati di cameristica ottocentesca di scoprire alcuni dei massimi capolavori di Schumann in una luce completamente nuova e aggiungono a queste deliziose romanze senza parole una magia di straordinaria suggestione. Un’atmosfera di incomparabile bellezza Per fare un solo esempio, l’atmosfera di incomparabile bellezza che pervade Zwielicht di Eichendorff viene delineata con una tale tensione da non fare quasi sentire la mancanza del testo poetico e Schiefen si prende la libertà di eseguire l’ultima strofa un’ottava più alta (una cosa che nessun cantante potrebbe permettersi!), arrivando all’accorata esortazione «Stai in guardia! Resta vigile e attento!»; in Herzeleid viene invece resa molto palpabile la disperazione di Ofelia, evocata con grande intensità da Markus Kreul nelle poche note del preludio pianistico. Un’incontenibile invidia Sebbene il titolo Fünf Stücke im Volkston possa fare pensare diversamente, questi cinque brani dal carattere popolaresco riservano al violoncellista un gran numero di difficoltà sia tecniche sia espressive. Per esprimere la semplicità di questi brani con la necessaria brillantezza è necessario disporre di una tecnica virtuosistica di altissimo livello. Per rendersene conto, basta ascoltare come i nostri due solisti riescano a seguire alla lettera l’indicazione “Mit Humor” apposta da Schumann al primo brano. Sebbene in origine l’Adagio e l’Allegro fossero stati concepiti per corno, la fiera immagine evocata dall’interpretazione di Schiefen e di Kreul saprà sicuramente suscitare l’invidia dei cornisti di tutto il mondo. Un altissimo magistero Schiefen e Kreul rivelano la loro caratura interpretativa anche nei Fantasiestücke op. 73 e nelle Tre Romanze op. 94, nelle quali i nostri solisti esprimono tutto il loro contagioso entusiasmo per il luminoso romanticismo schumanniano dalla prima all’ultima battuta. Si tratta di un’appassionante esperienza d’ascolto, esaltata al massimo grado da questo splendido SACD, che saprà garantirvi un’immagine tridimensionale di incredibile realismo.
  • Robert Schumann Cover

    Compositore tedesco.Gli anni di formazione. Figlio di un editore umanista, August S., noto per aver pubblicato un'edizione tascabile dei classici di tutto il mondo, crebbe in un ambiente familiare estremamente favorevole allo sviluppo dei suoi vasti interessi letterari e musicali, in un'epoca e in un clima nazionale percorsi dai fermenti del più schietto romanticismo. A sei anni iniziò privatamente la sua istruzione con l'arcidiacono Döhner; fu l'organista di S. Maria, J.G. Kuntsch, ad avviarlo allo studio della musica. Tre anni dopo il padre lo portò a Karlsbad ad ascoltare Moscheles, uno dei più grandi pianisti del tempo: e il piccolo Robert volle diventare pianista; il che non gli impedì di seguire con grande entusiasmo anche la poesia, durante gli studi ginnasiali iniziati nella città... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali