Categorie

E. J. Wagner

Traduttore: A. Basso
Collana: Varianti
Anno edizione: 2007
Pagine: 228 p. , ill. , Brossura
  • EAN: 9788833917498

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    maurizio

    25/07/2007 10.11.50

    Il periodo alla fine del diciannovesimo secolo è quello in cui nel Vecchio Mondo si era convinti che mancava pochissimo a scoprire tutto. Arthur Conan Doyle aveva una formazione da medico, come il suo alter ego Watson; ma le sue conoscenze sono meglio rappresentate dalle affermazioni di Sherlock Holmes, come si può immaginare. In questo libro l'autrice, esperta di medicina forense, racconta le conquiste della scienza dell'Ottocento attraverso i riferimenti nelle opere dell'investigatore londinese. Quello che si nota nei vari capitoli, dall'uso delle impronte digitali alle autopsie ma anche al modo in cui la polizia deve operare sui luoghi del delitto, mostra come Conan Doyle fosse estremamente attento alle novità che si stavano verificando, e in un certo senso facesse del proselitismo sotto la forma dei racconti investigativi. Ciò detto, pur riconoscendo lo stile leggero del libro fortunatamente mantenuto nell'ottima traduzione, mi pare che il libro abbia un interesse relativamente limitato per tutti coloro che non siano davvero appassionati della materia. La parte finale dei capitoli, una specie di "sapevàtevelo!" con notiziole sugli usi delle varie metodologie dopo la morte di Conan Doyle, era poi a mio parere inutile. Scegliete voi se la materia vi ispira o no.

Scrivi una recensione