Categorie

Fabio Caressa

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2014
Pagine: 239 p. , Brossura
  • EAN: 9788804639862

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Massimo Mazza

    29/06/2014 15.11.22

    Un voto di simpatia per il buon Caressa che, oltre ad essere un buon commentatore calcistico, mi e' anche simpatico a pelle. Oltre a tutto cio' Fabio Caressa si e' anche dichiarato tifoso ( anche se d'adozione)dei Grigi dell' Alessandria calcio, cosi' come lo sono io. Ottime le premesse quindi per recensire questa sua ultima fatica letteraria che parla di un sogno, quello di un'Alessandria promossa in serie A ma orfana del suo presidente e soprattutto senza una lira, costretta a reclutare giocatori sconosciuti o vecchie glorie bolse. Ma e' qui che, ahime', il sogno si tramuta, per larghi tratti, in incubo. Dico per larghi tratti e non completamente perche' la filosofia che sorregge la storia e' suggestiva: crederci per ottenere il giusto premio, in questo caso la salvezza dalla probabilissima retrocessione. Purtroppo pero' i passaggi , i dialoghi e le situazioni sono talmente buffi e irreali da rasentare appunto l'incubo, quello che in tanti abbiamo vissuto dopo abbondati libagioni, magari a base di peperoni con le acciughe e bagna caoda, tanto per rimanere in tema con la tradizione gastronomica della zona in cui e' ambientato il romanzo. Non voglio pero' dare troppo addosso al buon Fabio e per questo gli riconosco una buona cultura calcistica e una buona capacita' di raccontare episodi del calcio mondiale celandosi dietro la figura del Vecchio, artefice delle imprese di quell'armata Brancaleone che e' l'Alessandria del libro, che, come detto, e' anche la mia squadra del cuore, per cui ringrazio infinitamente Caressa di averne fatto il soggetto di una storia seppur sgangherata, che da' comunque visibilita' ai Grigi alessandrini dopo anni di buio calcistico.

Scrivi una recensione