Se basta un fiore - Giulia Blasi - copertina

Se basta un fiore

Giulia Blasi

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Piemme
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 14 febbraio 2017
Pagine: 345 p., Brossura
  • EAN: 9788856657289
Salvato in 8 liste dei desideri

€ 8,91

€ 16,50

Punti Premium: 17

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

Garanzia Libraccio
Quantità:
LIBRO USATO
Nuovo - attualmente non disponibile
Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Due famiglie disfunzionali che non potrebbero essere più diverse. Due ragazzi alle soglie dei vent'anni in cerca di se stessi. Il racconto di una stagione di libertà e bombe di fiori in una Roma calda, dorata e crudele.

Le famiglie De Santo e Bertelli vivono a pochi metri l'una dall'altra, in due ville dai giardini confinanti in zona Giustiniana. Adriano De Santo è un palazzinaro rampante e senza scrupoli che con la sua impresa edile ha cementificato mezza Roma; peccato che nessuno dei suoi figli abbia voluto seguire le sue orme né tantomeno adeguarsi al suo stile di vita. Ora tutte le speranze sono riposte in Max, diplomato a pieni voti al Liceo Scientifico, ingegnere in pectore ed erede designato. Il taciturno Max però nutre una passione segreta per la cucina e per la bella e disinibita vicina di casa, Clara, che spia da anni senza avere il coraggio di parlarle. Clara Bertelli è cresciuta come figlia unica, viziata e privilegiata, di due intellettuali radical chic che lavorano nel mondo del cinema. All'inizio dell'estate, però, due persone entrano nella sua vita per sconvolgerla: Gloria, la sorellastra nata da una relazione del padre prima del matrimonio, e un vicino di casa più interessante di quel che sembra. Il figlio del palazzinaro e la figlia dei cinematografari scopriranno, nel rapporto con l'altro, una parte di se stessi che non credevano esistesse, e nelle azioni di guerrilla gardening organizzate dal gruppo di Gloria una scelta di libertà e rivoluzione pacifica. Le voci intrecciate di Max e Clara raccontano un momento di passaggio per due famiglie vicinissime e lontanissime, costrette a confrontarsi con il passato e a ricostruire il futuro.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Le prime pagine del romanzo

Mercoledì 26 giugno, Clara

Mi hanno detto: «Clara, vieni dentro». Me l’ha detto mamma, uscendo dalla veranda che dalla cucina dà sul giardino, invece di urlarmelo dalla finestra come fa di solito per risparmiare tempo, e quindi ho capito subito che era una cosa grave.
Io stavo con i piedi dentro la piscina, seduta sul bordo. Ho pensato, e mo’ che cazzo ho fatto.
Niente, non ho fatto. La scuola è finita da una settimana e sono esattamente sette giorni che mi alzo, mangio, esco, nuoto, torno dentro, spippolo sul computer, ri-mangio, ri-nuoto, dormo, ri-spippolo sul telefono, guardo un film, ri-dormo.
Vivo come un criceto, vivo.
Lavinia è senza macchina perché le hanno dato tre materie, Elisa invece è stata promossa ma i suoi non la fanno guidare, quindi bisogna aspettare che tolgano la punizione a Lavinia, cosa che non succederà prima di lunedì prossimo, perché ovviamente i suoi hanno deciso di bloccarla per due fine settimana inclusi. Lei ha provato a farsi venire a prendere da Sebastiano, dicendo che le hanno levato le chiavi della macchinetta, mica le hanno detto che non poteva uscire, ma suo padre l’ha imbruttita, della serie dove pensi di andare.
Insomma, sono sola e non posso aver fatto proprio niente.
Per cui sono andata dentro pensando, forse è morto qualcuno. I nonni. Quale nonno? Nonna Iris? Non è ammalata. Nonno Vittorio? È un po’ rincoglionito, ma non in pericolo di vita. La nonna Luciana? Forse. Oppure qualcuno ha avuto un incidente. E non me lo possono mica dire dalla finestra. Tra l’altro, mamma non mi ha aspettata, è tornata in casa prima che tirassi fuori i piedi dall’acqua e me li asciugassi. Rientrando ho visto Adalina, la donna delle pulizie, che se ne andava: ecco, la cosa è così grave che si manda a casa la donna con un’ora di anticipo.
Mamma era seduta sul divano, non scalza con la sigaretta in bocca come al solito, ma vestita e con le scarpe, cosa che non capita quasi mai se non deve uscire. Anche papà era tutto vestito, cosa già più normale visto che papà è un po’ germofobico e non cammina per casa scalzo, ma sembravano due che devono andare da qualche parte e io ho domandato: «Che c’è? State uscendo?».
La mia voce è caduta nel silenzio.
Casa nostra di solito è sempre una caciara di due o più stereo accesi contemporaneamente, uno che guarda un video su YouTube in una stanza, un altro in un’altra, i miei che camminano in giro e si incontrano ogni tanto e si recitano a vicenda le battute della sceneggiatura che stanno scrivendo, Adalina che passa l’aspirapolvere, il televisore, i telefonini. L’idea che mi sono fatta è che produciamo casino perché viviamo in mezzo al nulla alla Giustiniana, dove non arriva neanche la strada asfaltata, e quindi abbiamo bisogno di sentirci circondati dalla civiltà.
Questa volta, invece, ho sentito la mia voce rimbalzare contro le pareti. Mamma mi ha fatto cenno di avvicinarmi e sedermi vicino a lei, e lì ho cominciato veramente ad avere paura.
«Ma che è?»
Tutti e due hanno boccheggiato per qualche secondo, poi mamma si è messa a ridere piano, e io: ecco, divorziano. Non che ci fosse qualche motivo particolare che me lo facesse pensare, i miei vanno d’accordo. Però non riuscivo a capire. Che cosa c’era di così complicato da dirmi che non gli venissero le parole? A loro due, poi, che con le parole ci campano?
«Smettila, dai, non c’è niente da ridere» ha sbottato papà. «Senti, amore, intanto non ti preoccupare: non è niente di brutto, non è morto nessuno e nessuno sta male. Però c’è una cosa che non ti abbiamo raccontato fino a oggi perché non sapevamo come dirtela e ci abbiamo dovuto pensare un po’.»
Lo sapevo. Sono stata adottata.
Non somiglio né a lui né a lei, solo un sacco a una zia che abita in Brasile, che è tettona e ha un botto di capelli come me. Ecco, lo sapevo, sono figlia della zia. Uno scambio in culla. Una storia di tradimenti familiari.
«Prima che tu nascessi, prima di mamma, ho avuto un’altra fidanzata...»
«Digliela bene, Marco.»
Papà riprende fiato. «Sì.» Ha qualche problema a formulare la frase. «Allora, prima che tu nascessi...»
«Papà aveva due fidanzate» taglia corto mamma. «Una ero io e l’altra era una che si chiamava Marinella, io lo sapevo e lei lo sapeva. Poi lei ha lasciato papà e non ne abbiamo saputo più niente.»
«...e?»
«E... è venuto fuori qualche mese fa che ha avuto una figlia. Abbiamo fatto i test genetici, e risulta che è figlia di tuo padre. Non ne sapevamo niente. Ha cinque mesi più di te e vorrebbe conoscerci.»
Poi non ho capito più tantissimo.

  • Giulia Blasi Cover

    Scrittrice, creatrice e curatrice di contenuti per il web, da settembre 2014 conduce Hashtag Radio 1, striscia di satira quotidiana su Twitter, in onda su Rai Radio 1. Insieme ad altre cinque autrici cura il sito dedicato alla narrativa Young Adult The Book Girls. È una delle firme di "Marie Claire" ed è caporedattrice società de "il Tascabile", periodico digitale di Treccani.Ha pubblicato Nudo d'uomo con calzino, Il mondo prima che arrivassi tu, Siamo ancora tutti vivi e Se basta un fiore. Approfondisci
Note legali