La seconda mezzanotte

Antonio Scurati

Editore: Bompiani
Collana: Tascabili
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
In commercio dal: 3 ottobre 2012
Pagine: 419 p., Brossura
  • EAN: 9788845271052
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 6,96

€ 10,96

€ 12,90

Risparmi € 1,94 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Clara Lunardelli

    01/07/2012 14:36:02

    Primo libro di Scurati per me. Chiedo: perché scrivere un libro in questo modo? Stentare l'abbondanza della quale si dispone per affaticare il lettore, come leggere fosse una salita di montagna? Non si nega la bravura, ma a che servizio è messa?

  • User Icon

    andrea

    29/05/2012 12:22:59

    Scritto molto bene e comunque interessante per trama e sviluppi, devo dire però che, anche per me che sono un appasiionato di fantascienza e amo molto trovare citazioni e ispirazioni dai grandi classici nei libri appena usciti, alcuni "riferimenti" a libri e film classici di sf sono davvero TROPPO evidenti. Resta comunque l'idea di fondo che è forte e resta una bella prova che per gli amanti del genere vale la pena di leggere. Voto medio.

  • User Icon

    Massimo

    28/01/2012 15:58:23

    Scritta in ottimo italiano, una disturbante visione sul futuro della umanità, con ampi stralci di presente. Libro complesso e ricco, con qualche sbavatura (quale l'assassinio del primo ministro italiano da parte di una escort, concessione troppo triviale alla attualità; quali alcune incongruenze circa il livello tecnologico della vita e dei controlli di polizia a Nova Venezia).

  • User Icon

    silvano bernardi

    31/12/2011 20:05:06

    Siamo davanti ad un capolavore assoluto nel suo genere. Visionario, onirico, inquietante ed appassionante. La penna di Scurati non si discute. Forse difficile da capire (e da accettare) ma un autentico gioiello da non perdere.

  • User Icon

    nicola

    20/12/2011 16:02:34

    Location fantascientifica molto interessante. Trama avvincente. Personaggi ben descritti. Il linguaggio è a volte complesso paragonato al plot, ma mai pesante. In complesso un buon romanzo che mi sentirei di consigliare.

  • User Icon

    Vincenzo

    17/12/2011 18:01:47

    Premetto che gli scenari distopici sono una mia debolezza letteraria, fumettistica e cinematografica. Quindi non potevo che essere ben disposto quando mi sono avvicinato a questo romanzo. Appena uscito, lo stavo per inserire in un percorso a scuola sulla distopia (sono un misero insegnante...). L'incipit del libro, poi, potente e denso, mi ha stimolato ad aggredirlo con energia. Purtroppo, però, è venuta la grande delusione: Scurati scrive bene, dosa il lessico in modo attento e oculato, dà peso a quello che dice; ma per inventiva e sul piano narrativo ha poco da raccontare. La trama risulta esile e poco avvincente: d'accordo che in questo genere si può essere minimalisti, ma allora forse bisognerebbe avere il talento di Ishiguro. Ne "La seconda mezzanotte" non ci sono le atmosfere soffuse di "Never let me go", nè vicende incalzanti e avvincenti di Philip Dick; non ci sono effetti claustrofobici alla Huxley o alla Orwell, nè l'inventiva futuristica e immaginifica di Bilal. Anzi molte pagine sembrano una rilettura un po' trita di autori già letti: sarà deformazione professionale ma le scene di sesso e degli spettacoli mi hanno richiamato alla memoria Il Satyricon...

  • User Icon

    Andrea Brutesco

    07/12/2011 12:57:19

    Per un veneziano leggere questo libro è veramente particolare...Leggere di una Venezia futuristica in tal modo non mi era mai successo, e tutto sommato la storia è intrigante..forse scritta in maniera un pò troppo artifiziosa, ma il misto di futuro e passato (antica Roma) si lega bene..simpatici poi i nessi dei politici del libro (il figlio ignorante del governatore dell'italia del nord, o il governatore che racconte le barzellette ;-))..per il finale mi aspettavo qualcosa di più concreto e meno filosofico..comunque un bel libro..da leggere

  • User Icon

    Angela Bianchi

    27/10/2011 16:25:05

    Sicuramente è un libro che fa pensare. Scritto anche molto bene. In certi momenti l'ho trovato un po' angoscioso, ma come lo sono i nostri tempi, dei quali si capisce che l'autore sta parlando, anche quando racconta di un futuro apocalittico. Il finale non regala consolazioni e questo m'è piaciuto. Mi lascia invece qualche dubbio l'esaltazione della violenza, ma gli do comunque un voto alto, per la scrittura e per la visione del mondo che esprime.

  • User Icon

    ila78

    27/10/2011 13:26:53

    Confesso d'averlo comprato con una certa diffidenza (non è che le storie di gladiatori siano proprio in cima ai miei pensieri...), ma me l'aveva consigliato un amico che di solito ci azzecca. E non m'ha deluso. La storia m'ha preso dalle prime pagine e l'ho divorato. È un libro denso, non la solita storiella. Proprio bello. M'ha fatto venir voglia di leggere altre cose di Scurati.

  • User Icon

    gbtomassini

    26/10/2011 20:12:09

    Finalmente un autore italiano che non si vergogna d'essere uno scrittore e che si esprime in una lingua alta, potente, letteraria nel senso più nobile del termine. "La seconda mezzanotte" è un romanzo avvincente e al contempo inquietante, che coniuga un originale slancio visionario a una forte presa diretta sulla realtà. Nel caleidoscopio grottesco della futuribile Nuova Venezia si riconoscono atmosfere, episodi e particolari che riportano al mondo in cui viviamo: dal cambiamento climatico, all'egemonia dilagante del nuovo capitalismo autoritario cinese. Al di là dei fatti, più o meno riconoscibili, o più o meno prevedibili, è però soprattutto l'atmosfera di un mondo che precipita verso un nuovo sconcertante paradigma che il romanzo rende con la cruda efficacia di un pugno nello stomaco. Per chi ama i racconti epici e le tinte forti, ma che non rinuncia a cercare nei libri motivi per riflettere. Da non perdere.

  • User Icon

    Maurizio

    10/10/2011 16:43:12

    Conosco personalmente l'autore ed ho letto quasi tutto ciò che da lui prodotto si è fatto libro. Vado dritto al sodo prima di dilungarmi in un pò di chiacchericcio, il libro mi è piaciuto molto, probabilmente è quello di Scurati che ho apprezzato di più. In un testo che parla di un futuro prossimo pregno di riferimenti alle cronache quotidiane emergono con forza i tratti di uno scrittore che è partito dal romanzo storico per affrontare una personale e profonda ricerca che lo ha fatto passare attraverso diverse forme ed espediente letterari arricchendo, ad ogni passaggio, lo stile, la ricchezza del linguaggio e la capacità di tenere voracemente incollati alla lettura. Il libro l'ho divorato, ne è valsa la pena. Consigliato a tutti. Maurizio

Vedi tutte le 11 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione