Categorie

Tom Knox

Traduttore: S. Caraffini
Editore: Longanesi
Collana: La Gaja scienza
Anno edizione: 2009
Pagine: 413 p. , Rilegato
  • EAN: 9788830426740

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    bobo83

    19/12/2011 22.54.45

    Mi aspettavo molto di più da questo romanzo. Molto spesso la storia si perdeva nelle descrizioni complicate, causando noia a leggere e creando un pò confusione. Si è ricorso ad un uso eccessivo delle ricerche su google (sponsor?). Ha centrato il segno nel creare ansia nel modo di raccontare i delitti, forse anche troppo crudi. Per me sarebbe 2,5 come voto.

  • User Icon

    Leonardo

    11/06/2011 10.16.40

    Bello solo in parte,avvincente la caccia al serial-killer psicopatico che tortura le sue vittime prima di ucciderle,ma in quanto alla spiegazione del mistero di cui al titolo,mi sembra un'autentica assurdità parlare di figli del vaso,angeli pavoni,ominidi che sono intelligenti e al tempo stesso malvagi solo xké sono nati e cresciuti in regioni con climi avversi. È una teoria alquanto idiota che il male nel mondo si sia propagato a causa di questi primitivi con il gene della violenza. Non credo proprio che leggerò "Il marchio di Caino" se mi devo aspettare un finale così assurdo. Libro consigliato da leggere solo in parte a chi ama la caccia ai serial-killer spietati,non certo agli appassionati di thriller religiosi.

  • User Icon

    Serena

    17/04/2011 13.10.01

    Ho acquistato questo libro dopo aver letto un'intervista in inglese all'autore pubblicata su Speak up poco meno di due anni fa, libro appassionante, fatti storici/religiosi ben descritti (senza annoiare), alcuni fatti scritti possono far accapponare la pelle, ma in totale è un buon libro e dopo aver letto questo romanzo alcuni mesi, ho comprato a ottobre scorso anche il secondo libro dello stesso autore.

  • User Icon

    Moreno C.

    18/03/2011 17.21.03

    Questo romanzo d'esordio di Tom Knox mi è sembrato buono soltanto per far passare il tempo. La soluzione del mistero che sta alla base della storia ha il suo fascino, non c'è che dire, ma nel complesso l'opera è come mal fatta. La prosa è di livello molto basso; i dialoghi sono telefonatissimi; le caratterizzazioni psicologiche sono più che ridotte all'osso; gli snodi fondamentali nell'intreccio e i colpi di scena paiono avvenire per caso e senza l'adeguato pathos; la brutalità di certe scene pare unicamente finalizzata a creare sensazione piuttosto che ad essere al servizio della storia. L'augurio è che l'autore lavori un po' meglio, in vista delle sue prossime pubblicazioni.

  • User Icon

    spacecowboy

    13/12/2010 18.33.24

    un libro davvero appassionante, bello dalla prima all'ultima pagina. l'unica cosa che ho notato, che lo scrittore fa una grande pubblicità a google, lo nomina minimo minimo una ventina di volte nel libro.

  • User Icon

    Mario Frizzera

    05/12/2010 20.57.56

    Romanzo interessante e ben scritto ma, a mio avviso, con 2 punti deboli: - troppi approfondimenti storico/religiosi che tendono ad annoiare un non appassionato - diverse scene con descrizioni eccessivamente raccapriccianti, anche per il genere thriller.

  • User Icon

    gnappide

    20/10/2010 14.58.55

    Libro ben costruito e avvincente. Alcune descrizioni sono decisamente "forti" ma del tutto veritiere. In esso ben si fondono verità storica e finzione narrativa. Fortemente consigliato.

  • User Icon

    The Covenant

    26/09/2010 17.17.04

    Un buon libro, scorrevole ed a tratti davvero coinvolgente. L'unica grossa pecca a mio avviso sta nel finale. Un libro truce come questo meriterebbe un finale con più coraggio non un finalino hollywoodiano, peccato. Se questo non vi smonta allora lo troverete fantastico.

  • User Icon

    fabio79

    13/07/2010 22.44.01

    consigliato. ottimo thriller con riferimenti storici, a tratti un po forte capirete poi xkè cmq da leggere!

  • User Icon

    GIUSEPPE

    13/04/2010 00.28.23

    HO LETTO UN COMMENTO CHE RITENEVA IL LIBRO A TRATTI NOIOSO...INCREDIBILE...IL LIBRO è A DIR POCO ENTUSIASMANTE DA LEGGERE TUTTO AD UN FIATO,OTTIMA TRAMA SCORREVOLE E BEI RIFERIMENTI STORICI REALI E NON DI FANTASIA...CONSIGLIATISSIMO AGLI AMANTI DEL GENERE PINO CASCIO

  • User Icon

    Luca2210

    22/03/2010 14.05.32

    bello !! piaciuto molto!! la giusta dose di storia miscelata a un sano thriller, fila via anche senza stufarti troppo !!

  • User Icon

    Roberto

    01/03/2010 12.01.04

    Ottime le prime 5 pagine, noiose le successive 300, per poi tornare ad un buon livello nelle ultime 100. Tanto valeva fare un tascabile da 1 euro!

  • User Icon

    Francesco

    01/02/2010 14.22.15

    Archeologia, storia, cristianesimo, scoperte sensazionali, segreti e morti a ripetizione: in poche parole il classico format narrativo tanto in voga in questi ultimi anni. Tom Knox crea un buon thriller, dosando sapientemente colpi di scena e assurde torture che ghiacciano il sangue nelle vene e lasciano a bocca aperta. La documentazione che si trova dietro il libro è accurata e molti dati corrispondono alla pura relatà. Interessante il sito archeologico di Gobleki Tepe: tappa fondamentale nella storia del genere umano. La vicenda cattura il lettore fin dalle primissime pagine e non lascia scampo per quasi tutto il ibro (tranne in qualche passaggio). Non va dimenticato, però, che opere del genere affollano in modo indiscriminato gli scaffali delle librerie e che per distinguersi dalla massa occorre davvero mettere in piedi una struttura perfetta, armoniosa ed estremamente intelligente (condizioni non sempre rispettate in questo "Il Segreto della Genesi").

  • User Icon

    From 0 to hero

    30/01/2010 18.00.19

    Niente di nuovo rispetto ad altri libri dello stesso filone thriller-archeologico. Senza infamia e senza lode, ma si degna di arrivare ad una conclusione fantasiosa ma non improbabile. Basta con le relazioni tra uomo-duro e donna-accademica!!!

  • User Icon

    brutus

    13/01/2010 11.52.45

    bello e tremendo...veramente consigliato!!

  • User Icon

    Dennype

    09/01/2010 22.19.54

    Ho acquistato questo libro attratta dalla trama. Purtroppo si è rivelato molto molto crudo, a tratti anche noioso. La cosa che non mi ha convinto sono state le scoperte, a volte casuali e intuitive, fatte dal protagonista. La trama di fondo sarebbe stata buona, ma l'autore non è riuscito, secondo il mio parere a svilupparla nel migliore dei modi.

  • User Icon

    Massimo

    08/01/2010 09.42.09

    Un buon libro che non ritengo avesse lo scopo di eccitare il lettore come riportato in un precedente commento, ma di coinvongerlo con una trama incalzante e densa di azione, a volte forse un pò troppo violenta, e di interessarlo tramite i riferimenti allo scavo archeologico di Gobekli Tepe e a tutte le scoperte e le leggende che gravitano attorno ad esso. Secondo me l'obiettivo è stato in gran parte raggiunto, la trama è articolata su diversi livelli storici e geografici, le ambientazioni ed i personaggi sono ben riusciti, particolarmente il detective irlandese e il giornalista Robert Luttrell oltre al cattivone di turno, e interessanti sono i riferimenti storici e biblici descritti nel racconto.

  • User Icon

    Hit_Man

    08/12/2009 09.38.04

    Libro fondamentalmente poco interessante, pare quasi navighi a vista in attesa di un'uscita, una trovata miracolosa che non arriva mai. Si caratterizza per una interminabile trattazione archeologica di scavi tra Turchia e Kurdistan, manco fosse un libro specifico d'ambito universitario o una puntata di Ulisse, e di intermezzi investigativi londinesi poveri di sostanza. Le occasioni romanzate sono centellinate, fino a quando, un dato momento, il libro prende vita e si "agita" più che animarsi, di vita illusoria come le rane galvaniche però. Infatti, nel tentativo di interessare il temerario Giobbe arrivato a sorbirsi una buona metà dello scritto, rassegnato quasi all'attesa di un estemporaneo Godot, ecco che viene sommerso di azione, eventi, sangue e terrorismo, scene raccapriccianti a go-go e l'immancabile misteriosissimo segreto per millenni gelosamente custodito che chissà perché al protagonista viene senza troppo sbattersi rivelato. La narrazione procede a balzelloni, si accavallano assurdità e sembra scritto senza revisione, "a braccio", mentre le spiegazioni degli accadimenti, quando ci sono, sono fuori registro, per nulla mantate di credibilità. Ma davvero libri di siffatta, infima levatura, eccitano ancora qualche lettore? A leggere le critiche e i commenti dei vari siti, così parrebbe... personalmente ho solo perso del tempo, se questo modesto scrittore spera in royalties dal sottoscritto può tranquillamente prenotare il prossimo ponte per le sua nuova dimora.

  • User Icon

    IlaMagic

    02/12/2009 21.57.06

    Una lettura molto piacevole, avvincente, romantica e interessante dal punto di vista storico-archeologico. Un bel romanzo di esordio, consigliato!

  • User Icon

    Valentina '80

    17/10/2009 10.22.28

    Veramente bello. Ed è solo il suo primo romanzo, ne aspettiamo altri..

Vedi tutte le 34 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione