Topone PDP Libri
Salvato in 2 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Senza di te, la morte
8,84 € 9,30 €
LIBRO
Venditore: IBS
+90 punti Effe
-5% 9,30 € 8,84 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,84 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,84 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Senza di te, la morte Salvatore Quasimodo
€ 9,30
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Dettagli

2001
1 gennaio 2001
84 p.
9788877683182

Voce della critica

Nell'aprile 2001, a Princeton, ha avuto luogo un convegno su Salvatore Quasimodo organizzato da Pietro Frassica con poeti (Erba, Insana, Luzzi, Valesio) e saggisti (Finzi, Forni, Gioanola, Ioli) italiani; in dicembre se ne è svolto un altro presso l'Università Cattolica di Milano.

In questa fase postpatriarcale della nostra società, curiosa più che in passato dell'intimità affettiva degli uomini importanti, non si poteva commemorare il centenario della nascita del poeta siciliano premio Nobel passando sotto silenzio un amore, un'arditezza erotica. E poiché di Quasimodo si conosceva quasi tutto, ecco comparire la novità costituita dalle trenta lettere scritte da Salvatore a Curzia Ferrari, slavista, consulente editoriale e giornalista culturale di area cattolica, ancora attiva, di una trentina di anni più giovane di lui.

Spiace dirlo, ma le lettere, sicuramente preziose e care per la destinataria (si legga l'intervista pubblicata in appendice), sono per il lettore quasi imbarazzanti. Qua e là dannunziane nello stile, con frequenti cadute di tono (dagli "abbracci sovrumani" ai "baci lunghi incredibili", alle "parole con la tua cadenza di tigre delle boscaglie d'amore"), raramente spiritose (segnalerei un "ti abbraccio con la forza dei terroni"). Nel ping-pong tra "cuore" e "sangue" - termini che la curatrice del volumetto Giovanna Musolino segnala tra i più frequenti del carteggio -, tra un moto di gelosia per la giovane amante lontana e qualche momento di eccitazione sessuale, ciò che sembra imporsi e che commuove è piuttosto il riconoscersi fragile, il possedere quella "forza un po' delicata" di uomo anagraficamente non ancora vecchio, avido di vita e di sesso, che peraltro potrebbe soddisfare, ma seriamente provato da un infarto capitatogli alcuni anni prima durante un viaggio in Urss.

"Questa estate è 'veramente' disperata - scrive nel luglio 1966, due anni prima di essere colpito dallÆictus che sarà la causa della sua morte -. Il tempo autunnale influisce sui miei 'battiti' un po' confusi. Oggi farò l'elettrocardiogramma; ma non servirà che a verificare uno 'stato' che già si prolunga troppo. E per ora non posso dirti di più. Sarà un freno alla mia vita fisica? Spero di no. Ti penso: e il 'nostro' tempo sembra lontanissimo; divorato dalla sorte malefica".

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Salvatore Quasimodo

1901, Modica

Poeta italiano. Nato a Modica nel 1901 da Gaetano e Clotilde Ragusa, Salvatore Quasimodo, conseguito il diploma di geometra nel 1919, lascia la Sicilia alla volta di Roma, dove vive con Bice Donetti, che sposa nel 1929Su invito del cognato Elio Vittorini (marito della sorella Rosa) – si sposta a Firenze, dove, tra gli altri, conosce Eugenio Montale. Qui presentato proprio da Elio Vittorini, entra in contatto con il gruppo di «Solaria». Proprio nelle edizioni della rivista venne pubblicata, nel 1930, la sua prima raccolta di poesie, Acque e terre. Ma è con Oboe sommerso, del ’32, e con Erato e Apollion, del ’36, che Quasimodo divenne uno dei rappresentanti di punta dell’ermetismo. Nel ’34 si trasferì a Milano, dove, dopo una breve...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore