Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

La signora Dalloway - Virginia Woolf - ebook

La signora Dalloway

Virginia Woolf

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: REA
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 1,87 MB
  • EAN: 9788874174706
Salvato in 23 liste dei desideri

€ 0,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"La signora Dalloway" è un romanzo scritto da Virginia Woolf nel 1925, racconta la giornata della protagonista e di altri personaggi che, a turno, compaiono all'interno della vicenda. La storia inizia alle 10 del mattino di un mercoledì del giugno 1923, quando Clarissa Dalloway, una ricca signora cinquantenne, si dirige a Bond Street per comprare dei fiori per la festa elegante che sta organizzando per la sera stessa. Passeggiando per le strade di Londra è presa da ricordi della sua vecchia vita a Bourton, quando, in compagnia della vecchia zia e di tanti suoi amici, trascorreva le giornate in perfetta armonia. Mentre entra in un negozio di fiori, una macchina passa rumorosamente per la strada di fronte al negozio. Incuriosita, Clarissa guarda verso la strada e intravede Septimus Smith, un veterano della prima guerra mondiale, e sua moglie Lucrezia mentre stanno camminando. Septimus soffre di disturbi mentali poiché durante la guerra vide il suo migliore amico Evans morire di fronte a lui. Per tale motivo è costretto dalla moglie a sedere con lo psicologo William Bradshaw.La Woolf fa uso della tecnica del monologo interiore, i moments of being, per descrivere lo scenario. Un determinato oggetto contiene in sé il mistero di un qualsivoglia ricordo disperso nei meandri dell'inconscio. In questo modo la teoria di Marcel Proust riguardo al potenziale magico che contengono in sé oggetti e situazioni, trova un nobile specchio nelle intenzioni della Woolf di esplicare al meglio la pratica dell'asserzione.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4
di 5
Totale 1
5
0
4
1
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    D:M:

    19/09/2019 12:53:54

    1923, Londra. La signora Dalloway deve acquistare dei fiori per la serata mondana che si terrà quella sera a casa sua. È con lei che il lettore si inoltra fra le vie londinesi afferrando i pensieri e i ricordi, ma non solo della protagonista. Perché, come una rete intessuta casualmente, molti personaggi fanno capolino in queste vicende che durano appena ventiquattro ore. Si ha l'impressione che ci sia una macchina cinematografica che segua chiunque entri nel campo visivo di Clarissa Dalloway e, attraverso descrizioni visive, evocative o suggestive, si sbircia nell'animo di personalità persino estranee alla protagonista. Come Septium Smith, reduce di guerra, alle prese con i fantasmi acquisiti con la sua instabilità, o come Peter Walsh, l'uomo respinto anni addietro, a cui il ricordo è sempre legato. Virginia Woolf è stata una grande autrice del secolo scorso, una innovatrice a tratti, una maestra di stile inconfondibile. I suoi lavori non sono mai banali o leggeri, ma hanno sempre qualcosa di così intimo da raccontare che sembra poter essere nella testa dei suoi personaggi. Un romanzo che appare un'introspezione, un pertugio che l'autrice apre nelle anime dei diversi personaggi che popolano questa singolare giornata. Il presente si sposa con il passato in una danza nostalgica dove nessuno appare immune al ticchettio del tempo. Ma forti restano i sentimenti che animano questi ignari protagonisti di una vita imperfetta, ma non per questo da sfuggire.

  • Virginia Woolf Cover

    Nata il 25 gennaio 1882 e figlia di Leslie Stephen, celebre storiografo e critico, crebbe in un ambiente coltissimo, frequentato da artisti, letterati, storici e critici. Secondo le regole della buona società vittoriana, venne educata privatamente.Tramite il fratello Thoby, entrato a Cambridge nel 1899, strinse amicizia con i discepoli del filosofo G.E. Moore, gli «Apostoli» del Trinity College (tra essi B. Russell, G. Lytton Strachey, J.M. Keynes, L. Wittgenstein, E.M. Forster, D. Garnett, L. Woolf, C. Bell, R. Fry). Nel 1904 i fratelli Stephen si trasferirono nel quartiere di Bloomsbury, dove, intorno a Thoby (morto nel 1906), a Virginia e a sua sorella Vanessa, gli ex Apostoli di Cambridge formarono il gruppo che venne chiamato Bloomsbury set, destinato a dominare per... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali