Categorie

Francesco Ceccamea

Editore: Avagliano
Collana: I corimbi
Anno edizione: 2008
Pagine: 220 p., Brossura
  • EAN: 9788883092497
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

Tra le opere in esordio è quella che nella stagione in corso ha riscosso l'accoglienza più eclatante. Silenzi vietati, il romanzo di Francesco Ceccamea, non poteva passare inosservato. Scritto nella forma di e-mail, ciascuna a costituire un capitolo, ha nel destinatario un personaggio d'eccezione: il professore d'italiano presso l'istituto tecnico frequentato dall'autore in gioventù, nientedimeno che Massimo Onofri, nel frattempo diventato critico letterario tra i più autorevoli e professore universitario. Nei suoi confronti l'ex alunno, da sempre, nutre un'ammirazione assoluta, perfino morbosa. Un mito che elegge a suo confidente, al quale raccontare tutto, ma proprio tutto, e tanto più aperta è la confessione perché l'interlocutore, al quale sono portati i saluti e i baci anche per la moglie e la figlia, mai risponde. Gli racconta tutto di sé: le ambizioni letterarie nate sui banchi di scuola, quando in cattedra c'era il suo grande prof, e poi la sua famiglia, e le sedute dallo psicologo, presso il quale una volta a settimana cerca il modo per venire a capo del suo vero grande problema, l'ossessione della vita: come riuscire, finalmente, a farsi una ragazza. Un romanzo epistolare, dunque, ma nella forma di un monologo: nevrotico, irresistibile, straripante, che una scrittura duttile, vivace e ironica sa rendere nella sua immediatezza.
Il romanzo fin dal titolo occhieggia l'amatissimo prof, con il richiamo a un suo precedente libro, il diario pubblico Sensi vietati (Gaffi, 2006), di cui vorrebbe riproporre lo spirito dissacratorio e irriverente, apertamente controcorrente, stavolta sul côté intimo, familiare, al più della dimensione locale, là dove quello del maestro sferrava i suoi fendenti nello spazio pubblico e culturale nazionale. Silenzi vietati perché nulla è taciuto, in un racconto talmente reale nei riferimenti a persone e circostanze da apparire del tutto inventato.
Il romanzo ha ricevuto molte attenzioni dalla critica, lusinghiere non meno che incuriosite. A partire dallo stesso Onofri, su "Tuttolibri", che per una volta si è trovato a occuparsi di un libro in cui era un personaggio, occasione nella quale ha proposto una formula, per l'opera, degna di attenzione: "romanzo reality show", ossia un Truman show alla rovescia, con il diretto interessato consapevole autore della vita di tutti gli altri, inconsapevoli personaggi, Onofri per primo.
Nel romanzo tutto ha inizio da un corso di scrittura creativa: passaggio quasi obbligato per chi, oggi, si accosti alla scrittura, e oggetto di tante divertite narrazioni di questi anni. Pare che da questa prima e-mail sia nata la sollecitazione da parte di Onofri, che vi aveva colto della letteratura, a continuare. Ceccamea, c'è da scommettere, non chiedeva di meglio, e così è nato questo libro. Come sono nate, nel recente passato, narrazioni dai blog, così Ceccamea ha fatto ricorso alle e-mail per il suo romanzo d'esordio. Ma non traggano in inganno le premesse, la resa appare tutt'altro che improvvisata, e anche a volerla ammettere è un'improvvisazione non priva di metodo. Ceccamea mostra di possedere qualità di riguardo nella scrittura e nella composizione del romanzo (al di là di qualche lungaggine, nella seconda parte, non sempre all'altezza della formidabile parte iniziale).
Centrale è il tema della scrittura come confessione. Le e-mail non sono che una variazione rispetto alla più classica forma del diario. Ma diventa particolare se il destinatario è il proprio prof d'italiano: allora può accadere, come nei temi in classe tante volte, di confessare i più nascosti pensieri, che mai fuori da quello spazio franco si sarebbe disposti a rivelare (si confida sulla lealtà dell'insegnante, che mai rivelerà ad altri, come nella confessione in chiesa, quei segreti), ma con quel tanto di attenzione alla scrittura che è dovuta quando il destinatario è un prof e per di più d'italiano, figuriamoci se si chiama Massimo Onofri. Nel romanzo, poi, la figura del confessore viene replicata in quella dello psicologo, con il quale per antonomasia la comunicazione è priva di filtri o inibizioni.
Romanzo che potrebbe dirsi pornografico, e non solo per le rivelazioni della propria sfera più intima, con una spudoratezza dagli effetti spesso esilaranti, ma anche per i riferimenti espliciti a fatti e persone, con tanto di nomi e cognomi: la scuola superiore ai tempi di Onofri, professore mitizzato, la famiglia con i ritratti senza censure del padre dalla virilità ostentata, la madre scontenta alla quale il piccolo Francesco rubava i collant, la nonna che a dispetto delle speranze dei congiunti non vuole morire, la sorella dai fidanzati improbabili; con la provincia viterbese sullo sfondo.
Inevitabili appaiono, a leggere il libro, certi rimandi a opere per le quali sembra di cogliere la dichiarazione di un debito, nella forma dell'omaggio: Lamento di Portnoy di Philip Roth, Il male oscuro di Giuseppe Berto, opere che Ceccamea dichiara di aver letto solo dopo la stesura del romanzo, o di non aver letto per nulla. Se per davvero o per tenere fede a uno spontaneismo da illetterato, questo è parte del personaggio che Ceccamea scrittore si è creato.
Onofri ha colto, nella sua recensione al romanzo, un rimando tra gli altri inevitabile, tra i tanti cui il libro si presta: a Porci con le ali di Lidia Ravera e Marco Lombardo Radice. Per cogliere nel ritratto di una generazione, quella dei trentenni di oggi, il disagio sessuale e l'impotenza psicologica, ora implacabile e senza speranza, alla stregua, parafrasando quel titolo-manifesto, di un Porci castrati. Acuta osservazione che merita di essere approfondita. Si tratta del disagio maschile di fronte alla femmina emancipata sessualmente: quanto l'uomo, la donna ha voglia di sesso e ora ha smesso di nasconderlo; una volta era più semplice, c'erano le troie e c'erano le brave ragazze, con le prime ci si scopava e basta, le altre erano quelle da sposare; oggi le donne sono un ibrido delle due categorie. Così ci spiega il Ceccamea narratore e personaggio, nonché autore di questo piccolo libretto sapienziale, o vademecum per giovani adulti, disincantati e afflitti di fronte alla vita, con le incertezze che hanno smesso di essere quelle dell'adolescenza, quando tutto è scoperta e avventura, per diventare disvelamento di un ingranaggio che si avverte come estraneo e da cui si vuole sfuggire.
Non fosse per l'altro sesso, per l'attrazione irresistibile che esercita l'altra metà del cielo. "Un uomo non avrebbe i due terzi dei problemi che ha se non continuasse a cercare una donna da scopare. È il sesso a sconvolgere le nostre vite, solitamente ordinate" (Philip Roth, L'animale morente). Ma finirà per capire, il personaggio, che la cosa che tanto lo angustia, il non avere una ragazza, è la maniera che inconsapevolmente ha con tenacia perseguito per scamparla e farla franca: "Il giorno che avrò una ragazza al mio fianco, il giorno che starò in un ristorante con una ragazza che mi stringe la mano e mi sorride (…) io sarò uno di loro, io sarò come tutti, e io non ho mai voluto questo. Perché gli altri, loro, quella massa indistinta e compatta a cui non sento di appartenere, in cui non riesco a entrare, gli altri, loro, poi muoiono. Con gli anni che passano". La sua diversità, la sua non vita, altro non è che una maniera per sfuggire alla morte.
Marcello D'Alessandra

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Annalisa

    14/05/2008 11.53.22

    Lo consiglio vivamente a chiunque abbia la mente aperta sia a ricevere che a condividere le proprie emozioni perchè comunque, se ti fermi un attimo e non sottovaluti il meccanismo che innesca, ti smuove tutto quello che hai dentro. A me, almeno, ha fatto questo effetto. Dice molte cose che ognuno di noi, nel proprio burrone emozionale, vorrebbe dire ma che per vari motivi non dice. Il senso di inadeguatezza che traspare dalle pagine credo appartenga a tutti noi, chi più e chi meno, consapevoli o no e Francesco Ceccamea ha avuto la capacità di USCIRE DAL LIBRO e riprodurre alcune SCENE del film che spesso è la VITA: scenari negativi e positivi, alcuni assurdi che ti fanno ridere, altri che ti fanno malinconicamente sorridere e alcuni in cui puoi rivederti provocandoti emozioni dimenticate. Ti porta a riflettere. Che siamo d'accordo o contrari con quello che leggiamo "Silenzi vietati" ci accomuna tutti nel sentimento comune di pudore/non pudore, libertà di esprimerci/convenzioni sociali, traumi infantili consapevoli/non consapevoli o volontariamente non riconosciuti. Nonostante l'apparente insuperabile incapacità che Francesco ha nell'avere un rapporto "socialmente irrinunciabile" (quello con una donna, dalle cose più semplici al sesso completo ) credo che, invece, proprio con la sua inettitudine, abbia capito ogni cosa, che abbia superato consapevolmente ogni livello della propria esistenza conscia e inconscia che pochi di noi sarebbero capaci di tirare fuori e scrivere non al proprio diario, alla propria "Kitty", ma al proprio professore delle scuole superiori sotto forma di e-mail a senso unico, senza alcuna risposta e senza alcun tabù. Con le sue difficoltà ha capito perfettamente da che parte stare e da che parte sa di non volere stare MAI. Quando sono arrivata alla fine del libro la sensazione che ho avuto è stata estremamente positiva con una riflessione che si fonde col pensiero della prima di copertina:”SCRITTO DA UN NEVROTICO CHE SA DI ESSERLO IN UN MONDO DI MATTI IN LIBERTA’”. Ed è così.

  • User Icon

    gianluca guidomei

    28/04/2008 21.20.33

    E' un libro eccezionalmente vivo, sincero: leggendolo sembra di colloquiare con l' autore, perchè Ceccamea ha una grande capacità di rendere efficaci i dialoghi. E' questa la migliore qualità dell' opera, ma non solo...questo trentenne a dir poco disturbato riesce a far riflettere il lettore dopo averlo divertito, talvolta con spunti di grande comicità. Nonostante il protagonista sia una specie di maniaco sessuale non si può sfuggire da un sentimento di estrema simpatia, perchè questo sfigato, disadattato, ha capito molte cose del nostro mondo e non ha paura a esprimere giudizi trancianti sulle brutture che troviamo ogni giorno intorno alle nostre vite. Il fatto che Ceccamea venga da una cattiva esperienza in una scuola di scrittura "alla Baricco", lo rende a miei occhi ancora più meritevole. Poca tecnica, niente guru, solo una grande energia, una splendida spontaneità. E poi è interista...Francesco, continua così!

Scrivi una recensione