Categorie

Michael Chabon

Traduttore: M. Colombo
Collana: Contemporanea
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 398 p. , Brossura
  • EAN: 9788817076944
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Amadio Valentino

    12/01/2017 18.02.31

    E' un testo difficile da leggere per chi non conosce la storia ed i motivi per cui Chabon ha scelto l'Alaska come territorio in cui vengono "deportati" gli ebrei reduci dall'Olocausto (vedi rapporto Slattery). Poi entriamo nella tematica del What if? e quindi della "counterfactual history" in cui gli ebrei giunti nella città di Sitka devono necessariamente scalzare gli Indiani residenti in quel territorio, che vengono messi ai confini. Si ripete ancora una volta quanto gli ebrei hanno fatto con i Palestinesi. IL finale credo sia volontariamente non completo perché si vuole dare ad ogni lettore la propria interpretazione.

  • User Icon

    Lomax

    29/06/2010 20.27.13

    Inizio folgorante, nel segno dei fratelli Cohen (ma va?) di Fargo (per le atmosfere) e del Drugo (per le rasoiate di ironia). Poi, però, M.C. si perde e finisce per consegnarci un'opera incompiuta, in cui (come già osservato) abbondano gli stereotipi e la genialità iniziale lascia il posto alla prevedibilità. Peccato, perché alcune trovate (una su tutte, l'esperto di confini) sono davvero superlative; e comunque la scrittura è sempre di altissimo livello.

  • User Icon

    Paolo

    11/04/2010 19.44.29

    Pienamente d'accordo con Sebastiano. Cambia solo il voto complessivo: secondo me merita il 3/5, ma nulla di più.

  • User Icon

    Sebastiano

    25/03/2009 16.52.27

    Avevo acquistato questo libro dopo aver letto le recensioni entusiastiche che alcuni lettori avevano fatto su qeusto sito. L'ho trovato a dir poco deludente (forse anche perchè nutrivo grandi aspettative). L'idea iniziale è originale ma poi la narrazione si perde ed inizia il calvario per il povero lettore. A tratti sembra di leggere un romanzo biografico di serie B anzichè un giallo. Il protagonista è il classico (ed ormai abusato) investigatore semi-alcolizzato e divorziato che nulla aggiunge alla già folta schiera di detective che affollano le nostre librerie. Peccato, prometteva bene. Lo sconsiglio.

  • User Icon

    lucaMilano

    10/03/2008 13.32.05

    massimo dei voti per l'autore più geniale e immaginifico in circolazione. non per tutti

  • User Icon

    Libetta

    23/10/2007 18.29.30

    Stile da sbirro nei suoi connotati classici di vita buttata via, dedizione al rammarico, ex moglie con le dovute rivincite riscosse ed un omicidio efferato con dietro molti misteri come spunto principale per della fantapolitica che, come per Roth in Complotto contro l'America, parte dalla diaspora degli ebrei per immaginare loro un destino politico diverso, eventualmente.

  • User Icon

    daniele

    20/10/2007 15.02.22

    Scorrevole nella lettura. Ottima trama

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione