Sinfonie n.2, n.4

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Direttore: Erich Kleiber
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Naxos
Data di pubblicazione: 28 giugno 2000
  • EAN: 0636943191927

€ 6,90

Punti Premium: 7

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Scrivi cosa pensi di questo articolo
5€ IN REGALO PER TE
Bastano solo 5 recensioni. Promo valida fino al 25/09/2019

Scopri di più

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Sinfonie nn.2 & 4
  • Ludwig van Beethoven Cover

    Compositore tedesco. La formazione musicale e culturale. Dei suoi antenati, contadini fiamminghi, si hanno notizie che risalgono al sec. xvi; il nonno Ludwig, forse il primo musicista della famiglia, aveva lasciato nel 1731 la terra d'origine per stabilirsi a Bonn come strumentista della cappella arcivescovile; anche il figlio di lui, Johann (il padre di B.), fu stipendiato come tenore nella stessa cappella. Le ristrettezze economiche e i disordini psicologici di Johann, che finì alcoolizzato nel 1792, segnarono l'infanzia di B. Dopo un tentativo del padre di lanciarlo come ragazzo prodigio (tentativo che fallì), egli iniziò la sua vera e propria educazione musicale sotto la guida di C.G. Neefe, un seguace dello stile «sentimentale» di Ph.E. Bach, che gli aprì... Approfondisci
  • Erich Kleiber Cover

    Direttore d'orchestra austriaco, padre di Carlos K. Lasciata nel 1935 la Germania per protesta contro il regime nazista, fu attivo dal 1936 al Teatro Colón di Buenos Aires e dal 1951 all'Opera di Stato di Berlino. Diresse le prime esecuzioni di alcune opere contemporanee, fra cui Wozzeck di Berg (1925), ma si distinse soprattutto quale interprete di musiche classiche e romantiche. Approfondisci
  • Hans Pfitzner Cover

    Compositore tedesco. Svolse in varie città tedesche, ma prevalentemente a Monaco e a Berlino, la sua intensa attività di direttore d'orchestra, di insegnante, di pianista, di scrittore, di regista; trascorse gli ultimi anni, in miseria, a Vienna e a Salisburgo. Rigorosamente attestato su posizioni tradizionali, combatté le avanguardie, la dodecafonia schönberghiana come l'estetica di Busoni, in scritti aspramente polemici (Il pericolo dei futuristi, 1917; Nuova estetica dell'impotenza musicale, 1920; Dell'ispirazione musicale, 1940). La sua produzione di epigono wagneriano presenta forti caratteri nazionalistici e può essere considerata, nel complesso, come una continuazione della linea tardoromantica. Scrisse 5 opere teatrali, tra le quali Palestrina (1917), il suo capolavoro; alcune cantate,... Approfondisci
| Vedi di più >
| Vedi di più >
| Vedi di più >
Note legali