Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Sing in a World That's Falling Apart - Vinile LP di Black Lips

Sing in a World That's Falling Apart

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Black Lips
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Fire Records
  • EAN: 0809236157317

€ 25,90

Punti Premium: 26

Venduto e spedito da IBS

spinner

Disponibilità immediata

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 24,35 €)

Edizione in vinile
Anticipato da un mixtape che ne rivelava la svolta sonora il nuovo album dei Black Lips segna anche la partnership con Vice e Fire Records, a 2 anni di distanza da Satan’s graffiti or God’s art?
Il disco, registrato nei leggendari (e recentemente riaperti) Valentine Recording Studios nel Laurel Canyon (qui ci suonarono tanto i Beach Boys quanto Bing Crosby), segna ( un ritorno al raw sound delle origini per la band composta da Cole Alexander (voce, chitarra e armonica), Jared Swilley (basso), Oakley Munson (batteria), Zumi Rosow (sax) e Jeff Clarke (chitarra) che lo ha co-prodotto e registrato su nastro 2" con l’aiuto di Nicolas Jodoin. Ad anticiparlo, i singoli Odelia e Gentlemen, entrambi arrangiati su basi Southern & Country. Un baccanale R’n’R nel primo caso e un vintage R’n’B tra Rolling Stones e Bob Dylan (e tanto di chitarra slide) nel secondo. La band preferisce metterla giù così: "This ain’t your granny’s country album. And conversely this ain’t your mama’s Black Lips".
"I numeri dal punto di vista musicale li hanno sempre avuti. A cominciare da singalong paraculissimi che non ti si schiodano dalla testa, ma anche in termin di versatilità, facendo vibrare con il sax il Boogie-Woogie di Angola Rodeo o scandendo velvetianamente una Get It On Time in attesa della sua Nico."
(Boxata su Blow Up Gennaio, voto 8)
"Più formali forse, meno sbracate, ma dove fra le pieghe - e fra echi Punk, Rock 'n' Roll, Garage e Power Pop - si riconosce la mano di sempre."
(Rumore Gennaio, voto 7,5)
"Ci sono indubbiamente gli Stones, ma anche un pizzico di Country declinato in salsa Byrds, Gram Parsons e Gene clark. C'è una profonda ispirazione Garage, con i migliori Sixties. (Quelli dei Seeds, dei Love, del profeta Rocky Erickson, le compilation della Bomp, la serie Pebbles e Nuggets)."
(Boxata su Rockerilla Gennaio)
Disco 1
1
Hooker Jon
2
Chainsaw
3
Rumbler
4
Holding Me Holding You
5
Gentleman
6
Get It On Time
7
Angola Rodeo
8
Georgia
9
Odelia
10
Dishonest Man
11
Locust
12
Live Fast Die Slow
Note legali
Chiudi