Sings - Vinile LP di Billie Holiday

Sings

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Billie Holiday
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Panam Records
Data di pubblicazione: 29 aprile 2016
  • EAN: 8436539313502
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 15,90

Punti Premium: 16

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 15,90 €)

“Billie Holiday Sings” (MGC-118) è un album realizzato dalla leggendaria cantante pubblicato originariamente negli Stati Uniti come Lp da 10 pollici dalla Clef Records nel 1952. E' stato il suo primo album per l'etichetta, e il suo primo album di materiale originale dopo diverse compilation rilasciate per Columbia, Commodor e Decca. Nel 1956, quando il formato in 10 pollici è stato gradualmente eliminato, l'album è stato ristampato dalla Clef Records come “Solitude” (MG C-690), con quattro brani in più registrati in una seconda sessione dell’aprile 1952 con gli stessi musicisti. La traccia finale, “Tenderly”, era stata precedentemente rilasciata sul suo secondo LP 10 pollici, “An Evening With Billie Holiday” (MG C-144), le altre tre nel suo terzo 10 pollici, semplicemente intitolato “Billie Holiday” (MG C-161).
Disco 1
1
I Only Have Eyes For You
2
You Turned The Tables On Me
3
Blue Moon
4
Solitude
5
Blue, Turning Gray Over You (*)
6
Be Fair With Me Baby [Aka Be Fair To Me] (*)
7
These Foolish Things
8
Easy To Love
9
You Go To My Head
10
East Of The Sun
11
Rocky Mountain Blues (*)
12
Detour Ahead (*)
  • Billie Holiday Cover

    Propr. Eleonora, detta «Lady Day». Cantante statunitense di jazz. La sua è considerata la più alta espressione vocale della musica nero-americana, per il timbro intenso e struggente, fattosi più scarno e drammatico negli ultimi anni. Impregnato di blues, il suo canto è a volte simile al «sound» di un sassofono, in particolare affine a quello di Lester Young (con cui collaborò spesso). Le prime incisioni sono nel 1935 con l'orchestra di Benny Goodman; poi, fino al '39, cantò con il gruppo del pianista Teddy Wilson e in seguito con importanti jazzisti radunati per lei dall'impresario Norman Granz. Approfondisci
Note legali