Categorie

Osamu Dazai

Traduttore: L. Bianciardi
Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2009
Formato: Tascabile
Pagine: 139 p. , Brossura
  • EAN: 9788807721090

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alida airaghi

    19/03/2014 11.26.15

    Questo intenso e tragico romanzo fu scritto da Osamu Dazai nel 1947, un anno prima del suo suicidio avvenuto per annegamento, a Tokyo, dopo tre tentativi falliti in anni precedenti. Dazai aveva allora trentanove anni, trascorsi per lo più nella dissolutezza di un vita sconvolta da alcol e droghe, ma soprattutto da insopprimibili sensi di colpa, frustrazioni, fallimenti professionali e sentimentali. Rampollo di una ricca e potente famiglia giapponese, fu testimone del decadimento sociale e culturale del suo paese durante la seconda guerra mondiale, patito con il sentimento umiliante della sconfitta disonorevole e dell'inarrestabile declino della classe aristocratica. "Il sole si spegne" narra proprio questo disperato perdersi di una famiglia benestante, dei suoi valori, della sua nobiltà interiore: attraverso la povertà, la malattia e l'abbrutimento dei suoi membri. Tutti e tre i protagonisti riflettono in parte la biografia tormentata dell'autore. La madre, dolcissima e raffinata, costretta a vendere la casa e a indebitarsi dopo la morte del marito, ma capace di mantenere intatto l'amore per i due deludenti figli. La giovane e ingenua Kazuko, che vive in adorazione di madre e fratello al punto da degradarsi e consumarsi fisicamente e moralmente per loro (tenerissimo e commovente l'addio ad entrambi), consegnandosi a un amore impuro per un vecchio e depravato artista, da cui però decide di avere un bambino nel nome di una sua personale ribellione etica in favore della vita. Il disperato fratello Naoji, incapace di crescere sia nel suo ceto aristocratico sia tra la gente del popolo, che finirà per uccidersi dopo aver dilapidato in droga ed eccessi il patrimonio familiare. Pagine, queste di Dazai, che mantengono l'incanto della migliore letteratura nipponica del dopoguerra: l'attenzione per la natura, il rispetto per la purezza dei sentimenti, l'adesione quasi ossessiva alla fedeltà nei rapporti familiari. E l'accettazione malinconica della propria fragilità.

  • User Icon

    S.A.

    05/08/2012 13.54.36

    Mah, un breve e buio romanzo che racconta la vita di una donna depressa e senza scopi nella vita e le sue vicissitudini come la morte della madre (una passiva indulgente), del fratello (un disperato infelice) e la degradazione del suo amante (un indegno egocentrico). Che dire? Ben scritto ma non era quello che mi andava in questo momento, fortuna che è stata una lettura breve...

  • User Icon

    Luca Ormelli

    10/09/2009 11.31.31

    "Dopo tutto, sono un aristocratico." (p.136) afferma, accorato, Naoji che insieme alla narratrice Kazuko, alla loro genitrice ("l'ultima signora del Giappone" - p.106) ed al mentore di Naoji, il romanziere "maledetto" Uehara costituisce il quadruplice protagonista di questo romanzo di Dazai, autore in cui vicende esistenziali e materia di prose sono così difficilmente districabili tanto la vita del medesimo è stata una voluta "opera d'arte" a quella maniera assai bohemienne con cui le menti più acute e sensibili del Giappone alla vigilia della rovinosa sconfitta nella II Guerra Mondiale sempre hanno guardato, con ammirazione sconfinata e smisurato spirito mimetico, alle scene di vita europee ed, in particolare, francesi. E' un Giappone che, franto dalla guerra e piegato sotto il giogo economico non meno che culturale dell'Occidente anglosassone, con somma fatica e disagio tenta la propria ricostruzione sociale. E' un Sole calante (questo il titolo della versione americana su cui, curiosamente, l'editore manda ancora in stampa la traduzione pur con la firma gloriosa ed oggi acclamata di Luciano Bianciardi; ma sempre di dubbia operazione filologica si tratta) il Giappone che Dazai dapprima vive (randagio, votato all'autodistruzione ed al suo compimento, il suicidio cui approda prima dei 40 anni) e successivamente descrive. E paradigmatici sono divenute sia l'espressione che forma il titolo sia i personaggi (ma sarebbe meglio dire le 3 persone di cui l'autore si serve per narrare se stesso: Naoji ed Uehara per la decadente vita del letterato suicida, Kazuko per gli afflati tolstojani alla impossibile giustizia sociale) di questo romanzo in cui è palpabile l'ascendente della narrativa psicologica e d'introspezione di fine XIX secolo, Cechov e Balzac (citati peraltro) su tutti. Un grande romanzo, non perché alla moda d'Occidente ma perché peculiarmente giapponese (la soffusa insistenza sugli aspetti floreali, sulle convenzioni), di quel Giappone così affascinato dall'Europa da viverla di vita propria, con personalità.

Scrivi una recensione