Sonate e balletti

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Giovanni Legrenzi
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Ricercar
Data di pubblicazione: 13 maggio 2016
  • EAN: 5400439003569

€ 19,90

Punti Premium: 20

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Dopo Carlo Farina e i Vitali, Clematis prosegue la sua esplorazione del repertorio strumentale del Barocco italiano con Giovanni Legrenzi. Le Sonate tratte dalle raccolte pubblicate a Venezia tra il 1655 e il 1673 presentano forme estremamente diverse che vanno dalla sonata a tre fino a forme più ampie per 4, 5 o 6 parti e perfino doppio coro. La sua ultima raccolta di musica strumentale, Balletti e Correnti, pubblicata nel 1691, ci offre una visione molto differente della musica strumentale in cui non può essere negata qualche influenza francese. In questo programma, Clematis ci consegna la prima esaustiva antologia dedicata alla sua produzione strumentale. La varietà di forme e di organici assicura a questo disco una splendida diversità di stili, dalle sonate ancora vicine nello spirito a quelle di Biagio Marini fino a quelle per quattro violini che prefigurano la generazione di Vivaldi. Registrata in due differenti luoghi, questa antologia ci permette di scoprire queste composizioni nell’ambiente acustico della ‘chiesa’, con il suo organo sulla cantoria, o in quello più intimo della ‘camera’.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Giovanni Legrenzi Cover

    Compositore. Inizialmente attivo a Bergamo, poi a Ferrara, si stabilì infine a Venezia, dove fu vicemaestro e poi maestro di cappella di San Marco. La sua fama si impose rapidamente a livello europeo, sia per la produzione operistica sia per quella strumentale e sacra. È considerato uno dei maggiori compositori del barocco veneziano, continuatore in campo teatrale della tradizione di Monteverdi e Cavalli. Notevoli, nelle sue opere (una ventina fra cui Totila, 1677, e Il Giustino, 1683), la varietà strutturale, la ricchezza di accenti drammatici, la vivezza della caratterizzazione dei personaggi, l'incisività e l'eleganza degli intensi archi melodici, la genialità del tratteggio umoristico (con uso anche di elementi ricavati dalla musica popolare). Compositore fecondo di musica sacra, L. contribuì... Approfondisci
Note legali