Sonate per pianoforte - Concerto per pianoforte n.24 - Fantasie K397, K475 - Fantasia e fuga K394

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 5
Etichetta: Sony Classical
  • EAN: 0887254135920
Salvato in 5 liste dei desideri

€ 24,90

Punti Premium: 25

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 23,09 €)

Disco 1
1
I. Allegro
2
II. Larghetto
3
III. {Allegretto
Disco 2
4
I. Allegro moderato
5
II. Andante cantabile
6
III. Allegretto
Disco 3
7
I. Adagio
8
II. {Fuga. Andante maestoso
9
III. Rondo: Allegro
Disco 4
10
I. Adagio
11
II. Menuetto I & II
12
III. Allegro
13
Fantasia in D minor for Piano, KV. 397 (385g)
14
Fantasia in C minor for Piano, KV. 457
Disco 5
13
I. Allegro
14
II. Andante
15
III. Presto
Disco 6
16
I. Allegro
17
II. Rondeau en Polonaise: Andante
18
III. Theme and Variations
  • Wolfgang Amadeus Mozart Cover

    Compositore austriaco. Il «bambino prodigio». i primi viaggi a monaco, parigi e londra. Il padre Leopold era maestro di cappella presso il principe arcivescovo di Salisburgo quando Wolfgang nacque, il 27 gennaio. Prima ancora di imparare a leggere e a scrivere, il piccolo M. rivelò prodigiose doti musicali, tanto che a quattro anni già suonava il clavicordo e a cinque componeva minuetti che il padre trascriveva. Anche la sorella Marianna, detta Nannerl, di cinque anni maggiore, suonava il clavicembalo con grande abilità; cosicché Leopold, perseguendo tenacemente l'educazione musicale dei figli, pensò di metterne subito a frutto le qualità precoci. Nel gennaio 1762 Leopold si recò con la famiglia alla corte dell'elettore di Monaco di Baviera, dove i due piccoli musicisti tennero concerto, suscitando... Approfondisci
  • Glenn Gould Cover

    Pianista canadese. Esordiente a 14 anni, divenne celebre nel 1955 con un'incisione delle Variazioni Goldberg di Bach e per dieci anni apparve nelle maggiori sale da concerto americane (più raramente in Europa, ma nel 1957 suonò a Berlino con Karajan). Nel 1964 interruppe l'attività concertistica, limitandosi da allora ai dischi e a sporadiche apparizioni televisive. Nondimeno la sua fama continuò a crescere dando luogo, dopo la sua morte, a un vero «culto», spiegabile con i tratti singolari della sua personalità e le sue scelte musicali controcorrente (come quella di suonare tutto Bach sul pianoforte in un'epoca di imperante filologismo), talvolta basate su intuizioni interpretative geniali, capaci di rigenerare l'ascolto e rivelare lati insospettati in pagine ben note. Poco convenzionale... Approfondisci
Note legali