Categorie

Sonate per pianoforte op.109, op.110, op.111 / Studio n.2 op.8

Interpreti: Maria Perrotta
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Universal Classic
Data di pubblicazione: 1 ottobre 2013
  • EAN: 0028948105755

€ 9,99

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Disco 1
  • 1 1. Vivace, ma non troppo - Adagio espressivo - Tempo I
  • 2 2. Prestissimo
  • 3 3. Gesangvoll, mit innigster Empfindung (Andante molto cantabile ed espressivo)
  • 4 1. Moderato cantabile molto espressivo
  • 5 2. Allegro molto
  • 6 3a. Adagio ma non troppo
  • 7 4. Fuga (Allegro ma non troppo)
  • 8 1. Maestoso - Allegro con brio ed appassionato
  • 9 2. Arietta (Adagio molto semplice e cantabile)
  • 10 Original Version

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Eduardo Genovese

    07/11/2013 18.40.05

    La Perrotta è certamente un'ottima pianista:tecnica impeccabile (si noti come risolve i passaggi più concitati del primo mov. della 111);una varia gamma di colori (primo mov. della 109).Ma è qualcosa in più:un'ottima interprete:ha una "visione",portata avanti con coerenza.Tra chi professa una aderenza estrema al testo e chi predilige una "rilettura" personale,"dove si colloca" Perrotta?Per capirlo ho confrontato questo disco con esecuzioni di Schnabel (cultore dell'aderenza al testo) e Richter (un interprete spesso molto "personale"):concludo che Perrotta sta nel giusto mezzo;è "personale",ma segue un'ottica per certi versi più corretta che Richter.Nei poderosi accordi del primo mov. della 109 Richter ha degli "eccessi" non presenti in Perrotta; qui Richter "proietta" Beethoven in un'estetica più russa che da Vienna di inizio ottocento.L'interpretazione della Perrotta è più "romantica";Richter nella 110 non mostra quegli indugi,il respiro di certe frasi, quell'uso del rubato che in Perrotta incantano.Così, paradossalmente,Richter colloca Beethoven un po' nella piena "classicità" e un po' in un immaginario novecento russo.La Perrotta non è "impersonale":fa una scelta,che a sua volta discende da quella "visione" interpretativa di cui parlavo prima:collocare l'ultimo Beethoven agli albori del romanticismo.E persegue costantemente questa visione,senza deviazioni.Nella seconda variazione dell'ultimo mov. della 109 introduce un "pizzico di alone" in più rispetto a Richter che è più aderente al testo (lo deduco dall'ascolto di Schnabel),ma Perrotta vuole essere coerente con una visione di un Beethoven proto-romantico:più spesso troviamo tempi più distesi per far "cantare" la melodia,un più accentuato "sfasamento" tra mano destra e sinistra ecc.Richter e Perrotta sono due pianisti che "interpretano",ma mentre Richter mette se stesso nella musica,la Perrotta "pensa" il compositore in una certa ottica,e poi ci "spiega" quella ottica, riuscendo nel frattempo a commuovere

Scrivi una recensione