Sonate per viola e pianoforte

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Paul Hindemith
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Brilliant Classics
Data di pubblicazione: 22 maggio 2014
  • EAN: 5028421947822

€ 9,50

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 5,25 €)

Sonata op.11 n.4; Kleine Sonata per viola d’amore e pianoforte op.25 n.2; Sonata op.25 n.4; Sonata per viola e pianoforte; Méditation per viola e pianoforte da Nobilissima visione
Il cinquantesimo anniversario della scomparsa di Paul Hindemith caduto nel 2013 ha riacceso l’interesse del pubblico per l’opera del grande compositore tedesco e questo splendido disco costituisce l’ennesima prova della straordinaria vitalità, energia e originalità della sua produzione. Oltre che compositore di talento, Hindemith fu anche un eccellente virtuoso di viola, strumento per il quale scrisse cinque opere, dimostrando un grande amore, interesse e conoscenza delle sue risorse tecniche ed espressive. Queste sonate sono considerate tra i massimi capolavori della letteratura per viola del XX secolo e vengono eseguite in concerto con buona frequenza. In questo disco di sorprendente bellezza il violista Luca Sanzò e il pianista Maurizio Paciariello ci offrono un’interpretazione estremamente convincente di queste opere, che contribuisce a spazzare definitivamente via quell’ormai abusato luogo comune che identifica Hindemith come un compositore arido e accademico.

  • Paul Hindemith Cover

    Compositore tedesco.La carriera di concertista, studioso e compositore. Iniziò lo studio del violino giovanissimo, distinguendosi in seguito anche come solista di viola. Nel 1909 entrò al conservatorio di Francoforte, dove studiò composizione con A. Mendelssohn e B. Sekles. Nel 1915 divenne Konzertmeister all'Opera di Francoforte e nel 1921 costituì, con L. Amar, un quartetto d'archi al quale prese parte come viola e per il quale scrisse i suoi primi quartetti. Venne quindi chiamato a dirigere il festival di Donaueschingen (1922-26) e nel 1927 ottenne la cattedra di composizione presso la Hochschule für Musik di Berlino, dove rimase sino al 1937, continuando a occuparsi del festival di Donaueschingen (trasferito prima a Baden-Baden, 1927-29, poi a Berlino, 1930) e svolgendo anche attività... Approfondisci
Note legali