Sonate per violoncello n.1, n.2 - CD Audio di Johannes Brahms,Pierre Fournier,Wilhelm Backhaus

Sonate per violoncello n.1, n.2

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Johannes Brahms
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 1
Etichetta: Decca
Data di pubblicazione: 13 novembre 2015
  • EAN: 4988005359551

€ 17,50

Punti Premium: 18

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
CD
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Johannes Brahms Cover

    Compositore tedesco.La formazione e l'incontro con Schumann. I rudimenti di musica impartitigli dal padre, suonatore di contrabbasso, e lo studio del pianoforte, effettuato con F.W. Cossel, gli permisero presto di guadagnarsi la vita in orchestrine locali. Approfondiva intanto, sotto la guida di E. Marxsen, lo studio della composizione. A vent'anni, nel corso di una tournée (accompagnava al pianoforte il violinista R. Reményi) conobbe J. Joachim che, già celebre, lo introdusse nei più influenti circoli musicali tedeschi. Se l'incontro con Liszt a Weimar (1853) lo lasciò indifferente, decisivo per la sua formazione fu quello con Schumann a Düsseldorf. Vedendo in B. una sorta di antidoto alla corrente «progressista» rappresentata da Liszt e Wagner, Schumann segnalò al pubblico il giovane musicista,... Approfondisci
  • Pierre Fournier Cover

    Violoncellista francese. Allievo di G. Hekking, fu insegnante di violoncello al conservatorio di Parigi dal 1941 al '49. Concertista di fama mondiale, sia come solista sia in formazioni cameristiche (con J. Thibaud, A. Cortot e altri), è considerato uno dei maggiori violoncellisti del suo tempo per la perfezione tecnica e le qualità interpretative. Approfondisci
  • Wilhelm Backhaus Cover

    Pianista tedesco. Studiò a Lipsia con E. d'Albert. Vinto nel 1905 il Concorso Rubinstein, si affermò dapprima come virtuoso dalla tecnica trascendentale, ma divenne poi uno tra i maggiori interpreti di Beethoven e di Brahms. Per il primato assegnato all'intelletto, per la meticolosità tecnico-formale, per la messa a fuoco di ogni particolare, il suo stile fece di lui il primo esponente di una nuova generazione di pianisti che si staccava nettamente dalla tradizione romantica di Liszt e di Anton Rubinstein. Approfondisci
Note legali