Songs of Kabir

Songs of Kabir

Kabir

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: StreetLib
Formato: EPUB
Testo in en
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
  • EAN: 9788892525924

€ 2,99

Punti Premium: 3

Venduto e spedito da IBS

EBOOK INGLESE
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

The poet Kabîr is one of the most interesting personalities in the history of Indian mysticism. Born in or near Benares, of Mohammedan parents, and probably about the year 1440, he became in early life a disciple of the celebrated Hindu ascetic Râmânanda. Râmânanda had brought to Northern India the religious revival which Râmânuja, the great twelfth-century reformer of Brâhmanism, had initiated in the South. This revival was in part a reaction against the increasing formalism of the orthodox cult, in part an assertion of the demands of the heart as against the intense intellectualism of the Vedânta philosophy, the exaggerated monism which that philosophy proclaimed. It took in Râmânuja's preaching the form of an ardent personal devotion to the God Vishnu, as representing the personal aspect of the Divine Nature: that mystical "religion of love" which everywhere makes its appearance at a certain level of spiritual culture, and which creeds and philosophies are powerless to kill.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Kabir Cover

    (Benares 1398 ca - Maghar 1518) poeta mistico indiano. Discepolo dell’asceta vi??uita Ramananda (1400-70), è uno dei maggiori esponenti della corrente mistica nirguna (in sanscrito «senza attributi»), che persegue, attraverso la meditazione assidua sulla propria anima, l’annullamento del devoto nel Dio impersonale, privo di forma e, appunto, di attributi. Delle numerose opere attribuite a K., sono certamente sue le raccolte Il seme (Bijak) e I messaggi (Bani), dove la profondità dell’esperienza mistica è espressa nel linguaggio rozzo e immediato caratteristico di questo poeta: requisiti che gli valsero popolarità eccezionale. Approfondisci
Note legali