La stagione delle belve. La vera storia del clan dei marsigliesi

Pasquale Ragone

Editore: Castelvecchi
Collana: RX
Anno edizione: 2014
In commercio dal: 30 giugno 2014
Pagine: 230 p., Brossura
  • EAN: 9788868263553
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Albert Bergamelli, Jacques Berenguer, Maffeo Bellicini: Sono Le "Tre B" che hanno fatto tremare le polizie di mezzo mondo, da Parigi a New York, fino a Roma e le principali capitali europee. Le "tre B" del crimine organizzato sono ben più di malviventi incalliti al centro di traffici illeciti. Raccontando le loro gesta, Pasquale Ragone percorre un periodo drammatico e intenso della storia del Paese, che va dal Piano Solo del 1964 alla scoperta della lista P2 nel 1981, passando per la strage di piazza Fontana, il tentato golpe di Junio Valerio Borghese e l'uccisione di Aldo Moro. In mezzo ci sono i colpi della banda, come la storica rapina di via Monte Napoleone, a Milano nel '64, il delitto del 75 a Roma in piazza dei Caprettari e, soprattutto, la "stagione dei sequestri eccellenti". Bergamelli, Berenguer e Bellicini vivono da protagonisti quegli anni, portando a Roma un livello di criminalità organizzata mai visto prima e che vedrà impegnati nello scontro magistrati del calibro di Ferdinando Imposimato e Vittorio Occorsio. Per raccontare una vicenda così complessa, l'autore ha condotto un'inchiesta d'eccezione, consultando e raccogliendo migliaia di fascicoli sul Clan per capire fino in fondo un capitolo ancora oscuro della storia criminale italiana.

€ 15,72

€ 18,50

Risparmi € 2,78 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Dynamo

    23/02/2015 18:29:52

    Libro scritto molto bene, ben documentato e ricco di riferimenti non solo agli anni di piombo, ma anche a periodi antecedenti che ben spiegano il contesto storico che si è venuto a creare a Roma e Marsiglia. Si legge a metà tra un romanzo e uno scritto giornalistico e spiega bene il ruolo che il clan dei marsigliesi (anche se il nome clan è scorretto, come dice il libro stesso) ha avuto nel corso degli anni. Si sarebbe forse un pochino di più potuto approfondire su alcuni personaggi come Jo le Maire, Giovanni Tigani, Paolo Provenzano, Mariano Castellano e altri esponenti della malavita romana pre-Banda della Magliana, ma tutto sommato è una lettura più che soddisfacente. Consigliato a tutti e sopratutto a chi ha apprezzato Ragazzi di Malavita di Giovanni Bianconi.

Scrivi una recensione