La stanza della morte - Jeffery Deaver - copertina

La stanza della morte

Jeffery Deaver

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Rizzoli
Collana: Rizzoli best
Anno edizione: 2013
Pagine: 592 p., Rilegato
  • EAN: 9788817066174

€ 10,20

€ 18,50
(-45%)

Venduto e spedito da Libro di Faccia

Solo 3 copie disponibili

+ 4,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Lincoln Rhyme torna in scena, sulla scena del crimine, naturalmente: che questa volta si trova alle Bahamas ed è la stanza d'albergo in cui un cecchino ha ucciso Robert Moreno, cittadino americano, noto attivista a favore dei diritti dei popoli del Sud America. L'omicidio è stato commissionato dal governo degli Stati Uniti per sventare i piani terroristici dell'uomo, ma i primi accertamenti rivelano che Moreno stava preparando una manifestazione pacifica e non un attentato. Per Nance Laurel, rigida viceprocuratore distrettuale animata da una totale, quasi fanatica dedizione al suo mestiere, l'organizzazione che ha eliminato Moreno e altri due innocenti deve essere inchiodata alle sue responsabilità. Rhyme e la sua partner Amelia Sachs indagano seguendo la scienza e l'intuito, com'è loro abitudine. Ma ai Caraibi le tracce lasciate dal cecchino svaniscono appena prima che Rhyme le riesca ad analizzare, e la polizia locale non sembra ansiosa di collaborare. Rimasta a New York, Amelia Sachs segue una pista parallela ripercorrendo gli ultimi giorni di Moreno da vivo: e le sue intuizioni si rivelano così esatte da farle correre pericoli sempre più alti. Nelle pieghe del caso si annida anche un killer con la passione per l'alta cucina, che sa usare da virtuoso i suoi sofisticati coltelli; e intanto nella Stanza della Morte vengono prese decisioni che ancora una volta rischiano di confondere colpevoli e innocenti.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,13
di 5
Totale 16
5
2
4
5
3
3
2
5
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Giacomo Bellini

    19/08/2015 18:06:23

    Mi ha molto deluso. E' evidente che la serie di Lincoln ha ormai terminato di dire qualcosa. Per quanti romanzi ancora dovremmo sorbirci i dubbi su interventi riabilitativi di Lincoln? E gli stessi colpi di scena, ormai mi sembrano tutto un gia' visto. Consigliabile solo a chi non conosce la serie (ma in tal caso molto meglio i primi). Deaver, quando ci scriverai un capolavoro come Il giardino delle bestie?.

  • User Icon

    Cristina

    12/05/2015 18:21:45

    terribile. infinito. noioso. io non mollo mai i libri a metà per principio, ma sinceramente non ne potevo più. la trama non parte mai, non ti appassiona e men che meno ti interessa sapere come andrà a finire, pessimo.è il secondo libro di Jeffery Deaver che leggo. Gli do ancora una chance poi basta. lo boccio..... a pieni voti!!!!!!

  • User Icon

    rosanna

    10/02/2015 09:47:30

    Che fatica finire questo libro!Quasi 600 pagine in cui si,succede di tutto ma senza il minimo pathos.La solita sfilza di nomi e personaggi tanto per confondere il lettore,i soliti colpi di scena per me prevedibili visto che ho letto tutto di Deaver e alla fine la solita domanda:che fine ha fatto il buon vecchio Jeffery?Anche la storia fra Lincoln e Amelia sembra trascinarsi senza entusiasmo,sembrano una coppia anziana priva di smalto.Unico momento di vera maestria letteraria il duello fra Amelia e il killer,da brivido.

  • User Icon

    Brunella

    09/04/2014 20:38:27

    E' il primo libro di Deaver che non riesco a finire. Mancavano circa 30 pagine alla fine e l'ho chiuso definitivamente. Storia troppo incasinata, mentre lo leggevo mi distraevo e dovevo ricominciare il capitolo. A metà storia è diventato anche interessante ma poi dopo poche pagine è ricominciato il caos e non ci sono più stata dietro. Peccato

  • User Icon

    Silvia

    12/03/2014 10:17:39

    finalmente è tornato il caro vecchio rhyme...dopo qualche libro "incerto" questo romanzo si rivela essere un ottimo ritorno sulle scene per il detective...coinvolgente e ottimamente scritto!!!!

  • User Icon

    pAola

    09/11/2013 12:50:08

    Buon libro, scritto benissimo anche se in certi punti, specie nella prima parte, e' un po' troppo tecnico, troppo prolisso. Precisa la dscrizione dettagliata degli elementi trovati accanto alle vittime,bravo Deaver!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • User Icon

    spaggio

    22/10/2013 21:02:38

    Mi chiedo come abbia fatto Deaver a convincere Lincoln Rhyme ad accettare di far parte di questo libro. Finita la vena, Jeffery? Riciclare i propri personaggi senza un plot accettabile rischia di trasformarli nelle caricature di se stessi, come puntualmente avvenuto in questo libro. Lontano, molto lontano nel tempo "Il collezionista di ossa", e ancor più lontano nella scala della qualità. Peccato. Il 2 è per il non sopito affetto nei confronti di Rhyme.

  • User Icon

    Francesca

    22/09/2013 22:54:24

    Quando uno scopre che Deaver ritorna alla riscossa con Rhyme i cieli si aprono. Per i fan più accaniti, dal collazionista di ossa, al filo che brucia, a la luna fredda, bè rimarrete delusi. Si, ci sono colpi di scena e la solita scrittura alla Deaver, ma non è come gli altri, perchè dopo aver sfornato tanti successi diventa anche difficile riuscire a superarsi o anche solo ad eguagliarsi. Per chi avesse letto "Sarò la tua ombra", questo è decisamente una spanna sopra.

  • User Icon

    steffy

    11/09/2013 10:42:37

    Molto diverso dal solito Jeffery, però mi è piaciuto molto. Consigliato!

  • User Icon

    carlo

    29/08/2013 15:48:00

    Non il migliore romanzo di Deaver, a tratti un po' scontato. Ottimo come lettura estiva

  • User Icon

    Dario

    22/08/2013 18:54:31

    Un buon libro, scritto molto bene, ma i libri che hanno fatto conoscere ed apprezzare Deaver erano di un altro spessore. Non lo consiglio.

  • User Icon

    Andrea Meazzi

    20/08/2013 07:05:51

    Libro discreto, prima parte abbastanza lenta seconda molto più scorrevole ed avvincente. I personaggi di Deaver come al solito non tradiscono mai!

  • User Icon

    paolo

    05/08/2013 09:13:46

    Libro abilmente costruito a meta' tra il giallo ed il thriller spionistico alla 007.Riuscito in entrambi i casi.Inoltre l'autore si consente qualche riflessione sulla politica americana non sempre cristallina.

  • User Icon

    Convinto

    04/08/2013 17:36:27

    Mah. Ogni estate aspettavo con ansia il nuovo libro di Deaver, con "Lo scheletro che balla", "Blu profondo" o "La scimmia di pietra", avevo ammirato a dismisura questo autore. Ora però, una decina (!) di libri dopo, lo schema della trama è sempre lo stesso e i personaggi arrancano. Certo, è un miglioramento rispetto a "Sarò la tua ombra" o "La consulente", che sono roba davvero immonda, ma la nostalgia del passato non se ne andrà facilmente. Merita una lettura se vi piace il genere, ma non aspettatevi un capolavoro.

  • User Icon

    Rita

    22/07/2013 09:17:21

    Indubbiamente siamo in compagnia del solito Rhyme, dell'imbattibile Amelia Sachs e di tutta la solita compagnia di collaboratori simpatici e geniali. L'ambientazione è più varia del solito e devo ammettere che Deaver non è scivolato , come altri autori , nel taglia e incolla, per cui si legge con piacere bella e rassicurant, per il futuro, la decisione di Rhyme alla fine del libro, ma non ve la dico. Leggete, nel suo genere è imperdibile.

  • User Icon

    Fred02

    05/07/2013 19:23:59

    Il solito vecchio caro Lincoln accompagnato dai fidi Amelia, Lon e Ron. Imperdibile per i fans.

Vedi tutte le 16 recensioni cliente

Il detective Lincoln Rhyme è pronto per una nuova indagine. A tre anni di distanza da Il filo che brucia, il protagonista di maggiore successo del maestro del legal thriller Jeffery Deaver torna ancora una volta, la decima, sulla scena del crimine.
In questo nuovo giallo dal titolo La stanza della morte la vicenda si svolge nell’arcipelago delle Bahamas dove Roberto Moreno, giovane attivista impegnato nella lotta contro lo sfruttamento dei paesi del Sudamerica e acerrimo nemico del capitalismo americano, è intento nell’organizzazione di una grande manifestazione a favore dei diritti del popolo latino-americano. È in un albergo di lusso e non fa in tempo a rilasciare la sua ultima intervista ad un cronista locale che una pallottola lo colpisce dritto al cuore e lo uccide all’istante.
È subito chiaro che ad assassinarlo è stato un killer professionista, abituato a non commettere errori e a non lasciare tracce che possano ricondurre a lui: si tratta un cecchino ingaggiato da Shreve Metzger, capo di un’agenzia organizzativa, la National Intelligence and Operations Service. Quest’ultima credeva la vittima impegnata in un attacco terroristico contro una nota compagnia petrolifera e per questo motivo, in modo preventivo, ha ucciso Moreno.
La giovane viceprocuratore distrettuale, Nance Laurel, intuisce la gravità dell’accaduto non appena si scopre che la manifestazione programmata dalla vittima aveva finalità pacifiche e prevedeva il coinvolgimento di tanti cittadini sudamericani. Laurel è decisa a portare in tribunale il mandante di questo ingiusto omicidio e così chiede l’aiuto a due validi professionisti: Lincoln Rhyme e la sua partner Amelia Sachs. Il primo vola direttamente ai Caraibi mentre la seconda indaga a New York per cercare di raccogliere quante più informazioni possibili.
Non sarà semplice lavorare al caso per nessuno dei due: ostacolati persino dalle forze armate affronteranno difficoltà insormontabili fino a trovarsi nel pericoloso percorso tracciato dal cecchino.
A render le cose ancora più complicate la presenza di un killer sadico e con una forte passione per l’alta cucina. Il torturatore uccide tutti coloro che sono a conoscenza di dettagli che potrebbero ricondurre all’assassino di Moreno. Il suo modo di cucinare è molto simile al suo modo di torturare anche perché utilizza lo stesso affilato coltello giapponese. Nel libro Deaver, da appassionato di cucina, ha inserito anche le ricette utilizzate dal killer in modo da rivelare qualcosa in più sul personaggio.
Non solo un thriller di stampo politico e dal ritmo incalzante, La stanza della morte tocca anche temi di grande attualità, primo fra tutti i metodi di indagine contro il terrorismo e i diritti di chi è indagato.
È giusto uccidere una persona senza averla prima processata? Questo è un tema scottante e soprattutto in America, oggetto di grandi dibattiti. Deaver, esperto in campo giuridico, lo affronta con un’analisi attenta e dettagliata, tracciando un quadro critico del sistema americano.
Quella dello scrittore è un’accusa feroce ad un certo meccanismo governativo che prevede l’eliminazione di un individuo anche a solo scopo preventivo, in una sua intervista leggiamo: «è accettabile aggirare la legalità ed eludere il controllo democratico nel nome della lotta al terrorismo? Magari per uccidere persone sospette, di qualsiasi nazionalità esse siano, senza alcun tipo di processo?». Una presa di posizione forte e diretta, che pone dei quesiti importanti sul rispetto dei diritti di chi viene indagato.
Altro grande aspetto di questo libro è l’importanza data al tema della tortura. Partendo dalla figura del sadico killer, Deaver fa delle considerazioni etiche su questa pratica disumana tutt’ora utilizzata negli ambienti dello spionaggio. Secondo l’autore che denuncia l’inutilità della tortura esiste un’alternativa per ottenere informazioni riservate: il data mining ovvero l'estrazione di un sapere o di una conoscenza a partire da grandi quantità di dati. Temi forti e contemporanei quelli che incontriamo in questa storia appassionante. Numerosi sono i colpi di scena e il ritmo diventa più incalzante man mano che si arriva alla soluzione del caso. Un romanzo mozzafiato e che fa riflettere su temi etici importanti e attuali.

  • Jeffery Deaver Cover

    Ex giornalista ed ex avvocato, nel 1990 ha abbandonato la carriera legale per dedicarsi alla scrittura a tempo pieno. Scrittore di romanzi thriller, ha vinto per tre volte l'Ellery Queen Readers Award for Best Short Story of the Year; ha vinto, inoltre, il British Thumping Good Read Award ed è stato più volte finalista all'Edgar Award. Il suo primo romanzo, un horror intitolato Voodoo è del 1988. I tre romanzi successivi, ambientati a New York, affrontano la struttura delle detective stories. Con i protagonisti dei suoi romanzi, Deaver crea dei perfetti thriller contemporanei, in cui la narrazione si svolge secondo il ritmo e la tensione tipici del linguaggio cinematografico. Ha conosciuto il successo internazionale con Il collezionista di ossa, la prima indagine... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali