-15%
La stanza vuota - Noemi De Lisi - copertina

La stanza vuota

Noemi De Lisi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Collana: Zaffiro
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 28 marzo 2017
  • EAN: 9788866443278
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 8,50

€ 10,00
(-15%)

Punti Premium: 9

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

La stanza vuota

Noemi De Lisi

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


La stanza vuota

Noemi De Lisi

€ 10,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

La stanza vuota

Noemi De Lisi

€ 10,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

5
di 5
Totale 2
5
2
4
0
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Romelu Breme

    22/09/2019 12:53:10

    Trentatré poesie in forma di prosa che si susseguono a colpi di ricordi, tic assimilati come segni inestinguibili, abitudini parentali fra un figlio sempre più isolato (possibile alter ego capovolto dell'autrice) e una madre inguaribilmente malata portano "La stanza vuota" nell'olimpo degli esordi poetici più riusciti e criticamente acclamati per costruzione metrica e tematica, per capacità epagogica di rendere ogni minimo verso il risultato finale e universale di un'esperienza unica, vissuta nel dolore di una perdita che riassume tutte le perdite umane e intellettive. Diviso in tre sezioni, "Io e mia madre", "Io e Anna", "Noi", ognuna composta da undici narratologiche poesie, l'opera prima di De Lisi parte e termina con la riesumazione di attimi ed emblemi di vita condivisa, nella solitudine di una stanza (ora diventata vuota), per renderli definitivamente eterni agli occhi di chi per la prima volta si imbatterà in quei precisi versi, in quell'esemplare trascorso fatto di consueti e quasi intimi giochi verbali in cui la voce consumata dal tempo trova nuove e riposte energie per farsi ascoltare da tutti, in quello che forse sarà il suo estremo canto del cigno. E allora scherzose e spontanee espressioni come "Questo mi piace, questo no", "T'infilzo, t'infilzo", "C'è poca carne" diventano il simbolo indiscusso di una morte apparente che esiste solo per sentito dire quando a rimanere intatte saranno le piccole usanze di tutti i giorni, a loro volta infinite, indistruttibili gemme di memoria. Anna è probabilmente la madre, l'io lirico e Anna il noi che chiude questo enigmatico e ripetuto scambio di personaggi in costante simbiosi l'uno con l'altro grazie a un amore incalcolabile. Resterà l'ombra, l'apparenza di una madre che ha dato tutto per il proprio figlio (la propria figlia?), come resteranno questi versi in forma di righe e di lunghissimi fulgori.

  • User Icon

    Cristina

    20/06/2017 09:43:33

    Un libro di poesie non convenzionali, poiché connotate da una spiccata struttura narrativa (in fondo, Noemi è innanzitutto un'ottima narratrice). Queste poesie sono la folgorante dimostrazione che, per fare buona poesia, non serve adagiarsi, recependoli passivamente, su stilemi e forme poetiche seguite dai più - ed il fatto che questo lo dimostri una giovane, è veramente tantissimo, in un'epoca in cui soprattutto i giovani, forse per inquietudine, forse per mancanza di originalità, tendono un po' tutti ad imitarsi l'un l'altro. Proprio Noemi mi ha colpita per la novità proposta, per la differenza versificatoria che la distingue da gran parte degli altri giovani. Poemetto in tre atti da leggere tutto d'un fiato. Una ventata d'aria fresca, brava! * Da “LA STANZA VUOTA” (Ladolfi, 2017) di Noemi De Lisi La forchetta d’argento era un vezzo di vecchiaia. L’unico decoro di luce sulla tovaglia di cotone. Due volte al giorno gliela posavo vicino al piatto con lo stupore di un fremito d’invidia: “Ecco”. Lei si specchiava sui quattro denti lunghi e sottili mentre l’ornamento del manico le spariva nel pugno. Quando era in gioia con le rughe di beffa nel viso, faceva il verso di puntarmela contro: “T’infilzo, t’infilzo”. E nel gioco mi avvicinavo, porgendo il petto spoglio a sentire quell’argento pungermi piano lo sterno. L’indomani sulla tavola mancava la sua forchetta: “Com’è possibile averla dimenticata?”, mormoravo mentre facevo per alzarmi, aprire il cassetto, prenderla e invece rimanevo seduto picchiettando nervose le dita. Capovolgevo la mia forchetta d’acciaio sul piatto, sottecchi guardavo il suo posto vuoto: “Adesso, posso”. Felice anche se col viso immoto, aprii lento il cassetto, e mi sembrò strano come se non lo facessi da tempo. Mi rigirai fra le mani la forchetta d’argento, la strinsi. Aveva il metallo opaco e le punte dei denti annerite. Me la misi sul petto: “T’infilzo, t’infilzo”, cominciai, questa volta col desiderio di spingere più forte di lei.

Note legali