Categorie

Paolo Ruffilli

Editore: Marsilio
Anno edizione: 2008
Pagine: 89 p. , Brossura
  • EAN: 9788831794237

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Francesca

    25/11/2008 15.32.34

    Che dire, dopo tanti elogi? Semplicemente che di fronte all'autore di un verso orrendo come "né tanto meno cancellarlo" bisognerebbe forse esercitare una critica più esigente.

  • User Icon

    La Recherche

    21/06/2008 10.46.09

    Ruffilli si – e ci – avvicina in punta di piedi, con grande intelligenza e umanità, al complesso mondo interiore ed esteriore di un detenuto e racconta il dramma intimo e pratico della convivenza atroce con una condanna che spesso oltrepassa il limite della dignità della persona, fino a non limitarsi alla condanna del solo fatto compiuto ma che rischia di spingersi fino all’essere dell’individuo stesso che ha compiuto il fatto, ragionamento perverso che, portato all’estremo, può arrivare a legittimare persino la condanna a morte, punizione ultima, definitiva e irrevocabile della persona umana. Egli mette in evidenza un bigottismo sociale troppe volte capace di condannare chi è stato, per così dire, “beccato in reato”, rispetto a chi non lo è stato; ma la domanda è: chi può mai dirsi innocente di fatti condannabili? Sintomatica di una visione particolare del poeta sulla pena detentiva è la poesia intitolata “Il patto”: “[…] / ma che significa punire? / E’ un patto: si arriva / a giudicare il fatto, / non la persona. / E una sola azione / non corrisponde all’uomo, / non può rappresentarlo / né tanto meno cancellarlo.” L’autore rimette le cose, con un accento fortemente umano e comprensivo, nell’ordine che devono avere, l’errore di un’azione non corrisponde all’uomo, e non può permettere a nessuno di decidere la bontà o la cattiveria di una persona. La persona è una cosa, il fatto compiuto un’altra. Nella poesia intitolata “Lettera morta”, Ruffilli descrive – in brevissimi versi che hanno la stessa e immediata bellezza dello scatto fotografico su azioni che riconducono a pensieri intimi dell’uomo detenuto in prigionia – la solitudine e lo scoraggiamento, il dissolvimento e l’oscurità, la perdita di ogni conquista dello spirito laddove il male semplicemenmte è, per quanto non voluto: “[…] / Le grandi conquiste / dello spirito / quaggiù sono solo / lettera morta. / In basso regna l’abiezione: / il male non si vuole, / semplicemente è. / Dissolvimento, / oscurità infinita… / la fine / di tutti i valori / della vita”.

  • User Icon

    Mirko Servetti

    02/04/2008 16.41.13

    Paolo Ruffilli torna, dopo l’alto esito de “La gioia e il lutto” e a sette anni da quell’evento, con “Le stanze del cielo”. La nuova raccolta persegue e riplasma la struttura poematica che caratterizzò il libro precedente in una consonanza tematica bene evidenziata da Alfredo Giuliani in prefazione: “Quella stessa inclinazione a oggettivare i dati soggettivi… rende capace Ruffilli di calarsi nella soggettività degli altri, da poeta che è anche narratore. Quello che accade con le molteplici voci di La gioia e il lutto, accade anche con la mutevole voce recitante di Le stanze del cielo e con quella esaltata e sconfitta di La sete, il desiderio, l’altra sezione del nuovo libro che conduce il lettore in due territori a dir poco inconsueti per la poesia: lo spazio concentrazionario “esterno” della prigione e quello “interno” della tossicodipendenza, in entrambi i casi dietro all’ossessione della perdita della libertà.” Pertanto Ruffilli, viene costruendo anche un percorso di decantazione della mitologia del linguaggio. L’universo si cangia in un’immagine ante - mitica dove l’Io si de - termina in una voluntas di introiettamento nelle plaghe del Desiderio. Lo ’strappo’ dall’idillio lascia il luogo del rimpianto alla formula paratattica che si può tradurre a sua volta in formula tri - logica: “Sogna, Desidera, Realizza”. Un percorso mai del tutto immune da pericoli e agguati poiché l’approccio al Desiderio produttivo comporta l’alto rischio dello smarrimento di un’identità composta di più codici strutturati nel corso della Storia, dell’Etica e della Morale. Non a caso tutto ciò che si offre come linea di fuga ai controlli dello storicismo e dei nuclei precostituiti desta e desterà sempre ragioni di sospetto (E’ qui che, dove niente/accade, il tempo/è senza essere/mai stato,/un’attesa senza luce/e senza fine./Solo chi sta/nel cuore dell’inferno/sa cosa sia/l’eternità presente,/dannato nell’oscurità/più fonda,/un guanto rovesciato/nel suo interno.” E’ qui - pag. 31).

  • User Icon

    PIERLUIGI AMBROSINI

    13/02/2008 15.10.37

    Riprendendo il suo discorso poetico iniziato mirabilmente con “ La gioia e il lutto, “ il Ruffilli ci consegna un secondo capolavoro: “ Le stanze del cielo. “ Lasciato alle spalle il minimalismo delle sue prime raccolte poetiche, da un coraggioso colloquio a più voci sulla “ passione e morte per Aids, “ l’autore ampia gli spazi del suo discorso poetico e si addentra in un campo poco adusato ai poeti: la prigione e la tossicodipendenza. Il Ruffilli diventa così sia un poeta di riferimento sia un poeta totale, che ha annullato la forma egocentrica che appartenne anche alle sue prime raccolte e rinnega una poesia capace unicamente di esprimere i sentimenti che toccano l’io e, invariabilmente, si consuma girando sempre attorno allo stesso perno. Ma, soprattutto, il Ruffilli è un poeta civile come lo furono nell’ Ottocento i grandi vati dell’Unità italiana, il suo impegno però si rivolge ancora una volta agli sconfitti. Nella sua piena maturità al poeta interessa ogni realtà che circonda la società, indugia sul male e sulla sofferenza in ogni sua forma, ed il suo verso entra timido nelle mura protette dalle grate. Concludo definendo il Ruffilli un grande poeta attuale, nella sua “ poetica “ inattualità.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione