Stella mattutina - Ada Negri - ebook

Stella mattutina

Ada Negri

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: StreetLib
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 266,34 KB
  • EAN: 9788832590470

€ 1,99

Punti Premium: 2

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La piccola Dinin vive nella portineria della quale sua nonna è unica custode. In quel palazzo di ricchi signori lei, ad appena sette anni, scatta agilmente ogni volta che sente avvicinarsi una carrozza, per aprire il cancello. Dinin sa che vuole studiare, diventare una maestra, emanciparsi. Perciò inizia a leggere e istruirsi per liberare sé stessa da quel giogo pesante che schiaccia sua madre, costretta a lavorare in fabbrica, dopo la morte prematura di suo marito. Fin da piccola, carpendo le chiacchiere del mercato o le lamentele degli operai, Dinin sa che il denaro può essere fonte di ingiustizia. Ada Negri è una delle voci poetiche più importanti della letteratura italiana, tanto che venne più volte nominata al Premio Nobel. "Stella mattutina" è a tutti gli effetti un'autobiografia in cui la Negri racconta le difficoltà che non l'hanno abbandonata nell'infanzia, ma anche la tenacia che l'ha portata a diventare insegnante elementare. I suoi ricordi affondano nello stile poetico che la contraddistingue e danno vita ad un romanzo vitale e coinvolgente.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Ada Negri Cover

    (Lodi 1870 - Milano 1945) scrittrice italiana. Di umili origini, insegnante, riuscì a imporsi nell’ambiente letterario e presso il pubblico. Collaborò a numerosi quotidiani e riviste e, nel 1940, fu accolta nell’Accademia d’Italia. Esordì con poesie di forma tradizionale e di ispirazione umanitaria, socialista o femminista (Fatalità, 1892; Tempeste, 1894; Esilio, 1914); in seguito scrisse versi di gusto dannunziano e di tono quasi diaristico (Il libro di Mara, 1919; I canti dell’isola, 1924); infine compose liriche che esprimono, con voce più raccolta e dimessa, una concezione cristiana della vita (Vespertina, 1930; Il dono, 1936). Sfocate e declamatorie sono le opere in prosa (Le solitarie, 1917; Stella mattutina, 1921; Sorelle, 1929),... Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali