-15%
Stivali di gomma svedesi - Henning Mankell - copertina

Stivali di gomma svedesi

Henning Mankell

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Marsilio
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 6 ottobre 2016
Pagine: 432 p., Rilegato
  • EAN: 9788831725446
Salvato in 46 liste dei desideri

€ 16,58

€ 19,50
(-15%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Stivali di gomma svedesi

Henning Mankell

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Stivali di gomma svedesi

Henning Mankell

€ 19,50

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Stivali di gomma svedesi

Henning Mankell

€ 19,50

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

Lunedì - Venerdì dalle 8:30 alle 22:00

Sabato dalle 8:30 alle 18:00


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 19,50 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Il romanzo di Henning Mankell, percorso dalla straziante bellezza di un paesaggio crepuscolare, è un’elegia alla vecchiaia e un inno alla vita che continua.

«Un altro colpo da maestro per Henning Mankell. Il suo romanzo è un sommo ritratto di un vecchio che lotta con la vita, una lettura che emoziona e appassiona fino all'ultima pagina.»Litteraturmagazinet

«Un Robinson Crousoe alle prese con la vecchiaia e una Twin Peaks nordica dove ciascuno nasconde un segreto.» - La Repubblica

In una notte d'autunno, mentre un vento freddo soffia da nord, Fredrik Welin si sveglia colpito da un bagliore improvviso. La sua casa, ereditata dai nonni materni in una sperduta isola del Mar Baltico, sta bruciando. Prima di fuggire e lasciarsi alle spalle un cumulo di cenere, Welin riesce a infilarsi un paio di stivali di gomma. Calzano entrambi il piede sinistro. A settant'anni, oltre a quegli stivali spaiati, una roulotte e una piccola barca, non gli è rimasto più nulla. Anche le poche persone intorno a lui sono sfuggenti: la figlia Louise che non ha mai veramente conosciuto, l'ex postino in pensione Ture Jansson dalle mille malattie immaginarie e Lisa Modin, la giornalista della stampa locale di cui inaspettatamente si innamora. Tormentato da dubbi e rimorsi, ora che ha perso tutti gli oggetti che costituivano la sua stessa esistenza, Welin sente di trovarsi sulla soglia di un confine umano, parte del gruppo di persone che si stanno allontanando dalla vita. Mentre l'inverno avvolge l'arcipelago al largo di Stoccolma, si continua a indagare sulle cause di un disastro che non rimarrà isolato. E il fuoco che torna a divampare sembra quasi voler illuminare un buio per qualcuno insostenibile. L'ultimo romanzo di Henning Mankell, percorso dalla straziante bellezza di un paesaggio crepuscolare, è un'elegia alla vecchiaia e un inno alla vita che continua. Se i misteri delle isole troveranno una spiegazione, continuano a essere incomprensibili le relazioni tra le persone, con i loro segreti e silenzi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,5
di 5
Totale 4
5
3
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Gianni F

    08/03/2019 10:15:53

    Bellissimo romanzo di un immenso Mankell. Il suo ultimo libro pervaso da una struggente atmosfera, la consapevolezza del lento ed inesorabile trascorrere del tempo, la convinzione dell'inevitabile fine del proprio cammino, ma improvvisa la certezza di nuovi, seppur limitati, traguardi e nuove speranze. Uno scrittore che ha creato quello che a mio parere è il miglior commissario della letteratura Kurt Wallander e che anche in questo romanzo ci regala splendidi personaggi come il protagonista Frederick, la dolce Lisa e l'enigmatico Jansenn. Sicuramente da leggere!

  • User Icon

    patrizia b.

    13/06/2017 16:14:08

    Mi spiace non essere d'accordo con le recensioni precedenti, ma di Mankell ho letto di meglio. E' vero che sembra un po' un testamento, ma non mi è sembrato così profondo. L'ho trovato soprattutto un libro stanco.

  • User Icon

    Alberto

    29/04/2017 07:00:57

    Opera pubblicata postuma di H.M. Facile per me scrivere ora che potrebbe essere il suo testamento. Non ho letto a suo tempo ''Sabbie mobili'', edito in Italia prima di questo suo ultimo romanzo, ma leggendo la sua caratteristica (ed imitata) prosa scarna, fatta di brevi frasi essenziali, ma così piene di fascino, complete ed esaurienti nella loro semplicità costruttiva percepisco che era conscio di evere poco tempo di vita, ammalato di cancro. Questa malattia pervade le pagine del romanzo, ricorre frequentemente, Fredrik ha 70 anni è cosciente che la vecchiaia – altro tema dominante – è per lui arrivata incombente nella quotidianità, così com'è arrivata precedendo la morte di altri personaggi. Mi pare che l'incendio della sua casa, cui sono seguiti gli altri, sia solo un pretesto per raccontare questo tramonto che non sarà senza un'alba, perchè la piccola Agnes è la continuità della ruota della vita. L'ho trovato colmo di struggente poesia, forse per noi meridionali d'Europa con qualche angolo non del tutto comprensibile, ma è un romanzo godibile, come tutti gli altri della sua notevole bibliografia. Mi mancherà. Leggetelo.

  • User Icon

    Raffaella Sassi

    14/04/2017 22:05:46

    Dopo aver letto tutti i libri di Mankell, da Wallander a quelli ambientati in Africa, trovo che questo sia il migliore in assoluto. E' un romanzo profondo e complesso, in cui la personalità del protagonista si evolve con fatica e dolore di fronte all'ultima fase della vita. Vorrei poterlo leggere in inglese perchè purtroppo la traduzione è - credo - decisamente inadeguata, con "ebbimo" a profusione ed altri pugni nello stomaco nel corso della lettura. Mankell merita di più.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente


«Ero sempre più sconvolto. Osservare il melo bruciato mi riempiva di dolore e disgusto. Era una sorta di affronto alla memoria dei miei nonni. Mi immaginai che quell’albero avrebbe prodotto frutti neri e puzzolenti. Nessuno avrebbe potuto mangiarli. Era vivo ma comunque morto.»

Nel mar Baltico non ci sono più persici, gli abiti sono tutti made in China e nelle conversazioni quotidiane risuonano sempre più spesso accenti forestieri. È la lenta e inesorabile vecchiaia della Svezia, che in Stivali di gomma svedesi l’indimenticato e indimenticabile giallista Henning Mankell (famoso soprattutto per il suo commissario Wallander) ci mostra in tutta la sua dignitosa fragilità. Fragilità incarnata in un medico settantenne, Fredrik Welin, che scavato dall’età e dalle delusioni si trova a dover fare i conti con un passato e una casa completamente distrutti, bruciati in un incendio a cui lui, con ai piedi due stivali di gomma sinistri, è scampato per un pelo.

In questo romanzo, però, il filone giallo è quasi secondario. Più che scoprire chi sia stato ad appiccare l’incendio alla casa di Fredrik, il vero mistero è scoprire se il protagonista riuscirà a far fronte al cambiamento che la perdita della sua casa, quella in cui ha vissuto per anni e che conteneva i ricordi di una vita, ha portato con sé. Come sembra suggerirci Mankell, infatti, sia lui che la Svezia si trovano davanti a una perdita di storia, di memoria e soprattutto di centralità apparentemente irrecuperabili: si ritrovano spaesati, vecchi e deboli in un mondo di giovani fin troppo veloce e confusionario; il paesaggio attorno a loro è cambiato, e ciò che per anni è stato familiare e sicuro ora è divenuto estraneo; le persone non vivono più in comunità, ma si rintanano nell’indifferenza delle proprie case.

In un mondo del genere, a chi dovrebbe aggrapparsi Fredrik per sopravvivere? All’amore quasi adolescenziale per la giornalista Lisa Modin, di trent’anni più giovane? Al rapporto con la figlia Louise, che ha conosciuto ormai adulta, di fatto un altro tassello mancante della sua vita? Il tutto mentre la morte, unica sua certezza, lo attende quasi dietro l’angolo, alla fine di un cammino che a lui non sembra nemmeno aver iniziato.

Tra vigliaccherie e occasioni perdute, tra una bugia e un attacco di panico, in queste pagine Mankell ci mostra quel tempo ormai da molti bistrattato che è la vecchiaia. La quale si rivela quasi inevitabilmente una stagione triste e a volte disperata, spesso solitaria; e che tuttavia si apre al lettore, con tutte le sue insicurezze e le sue piaghe nascoste, alla ricerca non di compassione, ma della preziosa e (forse) irraggiungibile consolazione di non aver vissuto invano.

  • Henning Mankell Cover

    Henning Mankell (1948-2015) è stato uno scrittore e regista teatrale. Ha vissuto tra la Svezia e il Mozambico, dove ha diretto il teatro Avenida, a Maputo. Ha creato la fortunatissima serie del commissario Wallander, pubblicata in molti paesi. In traduzione italiana si contato, tra gli altri: Stivali di gomma svedesi (2016), il giallo Il ritorno del maestro di danza (2010), il romanzo Scarpe italiane (2008), i romanzi di ambientazione africana Comédia infantil (2001) e Il figlio del vento (2002), e il libro testimonianza Io muoio, ma il ricordo vive. Un’altra battaglia contro l’Aids (2005).Tra i suoi ultimi romanzi pubblicati in Italia per Marsilio: Il cinese  (2009), L'uomo inquieto (2010), Ricordi di un angelo sporco (2012), La mano (2013), L'occhio del leopardo... Approfondisci
Note legali