Storia dell'Algeria indipendente. Dalla guerra di liberazione a Bouteflika

Giampaolo Calchi Novati,Caterina Roggero

Editore: Bompiani
Collana: Storia paperback
Anno edizione: 1998
Formato: Tascabile
In commercio dal: 11 novembre 1998
Pagine: 360 p.
  • EAN: 9788845239090
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con Carta del Docente e 18App

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 8,78

€ 10,33

Risparmi € 1,55 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
Cosa ne pensi di questo prodotto?
PER TE 5€ DI BUONO ACQUISTO
con la promo Scrivi 5 recensioni valida fino al 23/09/2018
Scopri di più
 
 
 


scheda di Tuccari, F. L'Indice del 1999, n. 02

Un paese "sull'orlo dell'abisso".Lacerato da una guerra efferata tra "due totalitarismi" che si contendono il controllo assoluto del potere: il primo utilizzando ad arbitrio gli strumenti dello Stato, il secondo praticando violenze di ogni genere nel nome di un presunto diritto divino o dell'utopia.In mezzo, una popolazione sbigottita, inerme, che vive nel terrore quotidiano, tra massacri e rappresaglie militari, e che mostra nonostante tutto di voler e saper resistere. È in questo quadro drammatico che si è venuta svolgendo la storia dell'Algeria degli anni novanta, dopo che ha preso avvio la complessa e assai contraddittoria transizione dal regime a partito unico dominato dall'Fln e dai militari al pluralismo politico formalmente sancito dalla Costituzione del 23 febbraio 1989. Nella sua densissima Storia dell'Algeria indipendente Calchi Novati ricostruisce i presupposti di questi più recenti sviluppi a partire dagli inizi della conquista e della colonizzazione francese negli anni trenta dell'Ottocento, concentrandosi soprattutto sui complicati processi messi in moto, nel secondo dopoguerra, dalla guerra di liberazione e dalla conquista dell'indipendenza (1954-62).Fu allora, infatti, che emersero in tutta la loro asprezza i profondi contrasti della società algerina, che la schematica alternativa tra dipendenza e indipendenza aveva in qualche modo celato durante gli anni della resistenza al dominio coloniale.E fu allora, nello stesso tempo, che si posero le grandi sfide dell'integrazione nazionale e della modernizzazione economica e politica del paese cui Ben Bella (1962-65), Houari Boumediène (1965-78) e Chadli Bendjedid (1979-91) tentarono di dare una risposta variamente ispirata ai principi del socialismo, nel quadro di un regime autoritario dominato di fatto da una onnipotente classe burocratico-militare. Una risposta drammaticamente insufficiente - questa la tesi dell'autore - che non ha prodotto soltanto la crisi di quel regime politico al principio degli anni novanta, ad opera soprattutto del Fronte islamico della salvezza, ma anche e più in generale una crisi radicale dello Stato algerino, di cui è tuttora assai difficile prevedere gli esiti.

Francesco Tuccari