Storia della letteratura tedesca dal Settecento a oggi. Vol. 3: Il Novecento dal 1945 al 1990.

Editore: Einaudi
Collana: Manuali
Anno edizione: 1991
Pagine: X-615 p.
  • EAN: 9788806122744
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 37,32

€ 43,90

Risparmi € 6,58 (15%)

Venduto e spedito da IBS

37 punti Premium

Attualmente non disponibile Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile


scheda di Reininger, A., L'Indice 1992, n. 3

Questa storia della letteratura tedesca - l'editore capovolgendo l'ordine cronologico inizia con la pubblicazione dell'ultimo volume - alla quale hanno collaborato numerosi studiosi sotto la guida del noto germanista croato Viktor Zmegac, è da anni il punto di riferimento più valido per gli studenti universitari tedeschi. Non c'è altro manuale che possa rivaleggiare con questo testo in completezza di informazioni e in chiarezza di esposizione. La sua struttura storica portante è continuamente mediata con la vita e l'opera dei singoli autori cosicché si è evitato lo scollamento fra la sfera politico-sociale ed estetico-letteraria. Eppure non si può dire che questa ricostruzione storica della letteratura tedesca del dopoguerra abbia una netta impronta sociologica. Essa dedica anzi molto spazio alla rappresentazione della dialettica immanente alla sfera estetica. Sorprende il grande numero delle parti analitiche che permettono di affrontare da distanza ravvicinata la problematica storica e strutturale di un numero notevole di testi chiave degli ultimi quarant'anni e di abbozzare una prima valutazione estetica che trascende il perentorio e irriflesso giudizio di condanna o di esaltazione, del quale spesso i manuali si accontentano. Ci si sente quasi sempre ben informati e per di più l'intelligenza critica del discorso riesce a mantenere vivo l'interesse del lettore per una materia di traboccante ricchezza. Strutturando il materiale letterario anche attraverso la sua suddivisione in generi letterari e con l'individuazione di tematiche e tecniche specifiche il curatore è anche riuscito a far dimenticare i limiti dello schematismo cronologico che imprime spesso alle storie letterarie una rigidità mortale. Preziose le indicazioni bibliografiche alla fine che completano il già ricco quadro storico-letterario.