Offerta imperdibile
Una storia romantica - Antonio Scurati - copertina
Una storia romantica - Antonio Scurati - 2
Una storia romantica - Antonio Scurati - 3
Una storia romantica - Antonio Scurati - 4
Una storia romantica - Antonio Scurati - 5
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Una storia romantica
11,90 €
LIBRO USATO
Venditore: Memostore
11,90 €
disp. immediata disp. immediata (Solo una copia)
+ 5,00 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Memostore
11,90 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Memostore
11,90 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi
Una storia romantica - Antonio Scurati - copertina
Una storia romantica - Antonio Scurati - 2
Una storia romantica - Antonio Scurati - 3
Una storia romantica - Antonio Scurati - 4
Una storia romantica - Antonio Scurati - 5
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


1848. La rivoluzione infiamma l'Europa. Milano insorge contro la dominazione austriaca. In soli cinque giorni un popolo conquista la libertà, una nazione nasce, un uomo e una donna si amano perdutamente. Per farlo, tradiscono tutti, rimanendo fedeli soltanto a se stessi, alla terribile purezza di un sentimento assoluto. 1885. Il senatore del Regno d Italia Italo Morosini riceve un manoscritto anonimo. Quelle pagine, con la violenza del rinculo di una fucilata, lo sospingono indietro di quarant'anni, al momento fatidico in cui un manipolo di giovani male armati alzò le barricate per le strade di Milano e sconfisse l'esercito più potente del mondo, abbattendo a sassate l'aquila dell'impero asburgico. Ma in quelle pagine si racconta anche la bruciante passione d amore che travolse la bella Aspasia, allora musa della rivolta, ora fedele e remissiva moglie del senatore. In un mondo invecchiato, in un'Europa insanguinata dal terrorismo anarchico, quando tutte le illusioni sembrano perdute e tutte le passioni spente, il destino picchia alla porta per la resa dei conti. Intrecciato a un potente quadro del nostro Risorgimento - l'epoca più eroica e dimenticata della nostra storia - ambientato e scritto come un romanzo ottocentesco, "Una storia romantica" parla in realtà di noi, di come, straziati da una dolorosa precarietà sentimentale, siamo condannati a vivere tra le rovine di un mondo che sognò gli ideali e gli amori assoluti.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2007
569 p., Rilegato
9788845259623

Valutazioni e recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
M@RI@
Recensioni: 3/5

La prima metà del libro è più storica che altro poi la seconda metà (a mio parere più interessante)si concentra sulla storia d'amore con colpi di scena interessanti anche se un pò confusionari, nel complesso è stato piacevole e dopo aver finito il libro ho continuato a pensare alle scelte prese dai protagonisti...non le condivido ma ho cercato di capire nel contesto sociale e culturale le motivazioni.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

Perché Una storia romantica può essere considerata un interessante fallimento? Facciamo la tara delle tante discussioni che sono legate all'autore, Antonio Scurati, intellettuale non incasellabile e spesso, come si dice sempre, "scomodo", e cerchiamo di isolare alcuni nuclei fondamentali dell'operazione. In effetti, Una storia romantica è prima di tutto un atto volontaristico: Scurati sa che la narrativa attuale è, per molti aspetti, in un vicolo cieco, e già nel suo La letteratura dell'inesperienza (Bompiani, 2006) sosteneva, dopo un'analisi basata su Benjamin, Debord e altri, che lo scatto verso un racconto integralmente storico poteva consentire di superare molte contraddizioni a suo parere insanabili, a cominciare dalla (supposta) perdita totale dell'esperienza vissuta. La prosecuzione del saggio, che a questo punto dobbiamo considerare quasi una poetica, è appunto costituita dal racconto di secondo grado della sublime storia d'amore, nel bel mezzo delle Cinque giornate di Milano, tra il nobile Jacopo Izzo Dominioni e la bellissima Aspasia, di origini non nobili (nonostante il nome) ma perfetto "oggetto del desiderio" nel culmine della rivolta. La trama, ricavabile attraverso i canonici espedienti del manoscritto ritrovato, dello scambio epistolare, insomma del montaggio semplice di frammenti "veritieri", è ovviamente un pretesto. Scurati deve puntare all'assoluto perché ai gesti dei suoi eroi, e in specie al loro Amore, "è dovuta una catastrofe essenziale, non una morte qualunque". L'assoluto sarebbe insomma la risposta alla vacuità del vivere, a quell'inessenzialità ormai completa, all'inesperienza del mondo come condizione collettiva.
Per ottenere il suo assoluto, Scurati si basa su due princìpi. Da una parte, ogni aspetto della tradizione letteraria, artistica e culturale può in genere essere recuperato e impiegato per sottolineare il sublime del racconto – non però per generarlo, perché il sublime in Una storia romantica non sta nelle parole, ma nel loro alone, nel loro essere portatrici di risonanze e quindi ri-creatrici. Da un'altra parte, siccome tutto questo potrebbe confondersi con un'operazione postmodernista alla Eco, ne viene sottolineata in un paratesto conclusivo (ma mai dentro il testo) la voluta falsità, che però dovrebbe in qualche modo garantire la bontà del fine: si possono citare assieme Foscolo e Mogol, Hugo e Battiato, Tolstoj e Mia Martini, filosofi, storici, creatori di slogan ecc., purché si tenga presente che tutto mira alla recherche de l'absolu.
Ora, è vero che il postmodernismo (se vogliamo usare questo termine in un'accezione ampia ed epocale) non è per Scurati lo stesso concetto che vale per Eco: quest'ultimo ha fondato il suo modello, poi largamente imitato, sull'ironia che doveva occultare un sostanziale nichilismo; Scurati, e chi tenta operazioni similmente "integraliste", crede che il nichilismo sia il punto di partenza ancora attuale per ogni viaggio letterario, che però deve mirare alla ricostruzione di miti, al tragico in un'epoca che lo ha disintegrato, e così via. Ma purtroppo, il romanticismo (il mito in genere) è come il coraggio per don Abbondio: uno, da solo, non se lo può dare.
Ecco, a mio parere, lo snodo decisivo. L'operazione di Scurati è appunto un tentativo di ridonare pienezza a un immaginario che non costituisce un'autentica tradizione, ma un insieme di superfetazioni dei desideri. Dimenticando del tutto la grande lezione del Girard di Mensonge romantique et vérité romanesque, Scurati procede come se fosse possibile, oggi, creare un falso totale di secondo grado che abbia lo stesso effetto di un falso di primo grado, alla Byron (che però, poi, a morire in guerra ci andò davvero). Scurati, cioè, considera la letteratura più in alto della storia, e considera la tradizione come un valore perenne, e non come un bene di cui ci si deve continuamente riappropriare nel nuovo. Ma come? Facciamo un exemplum fictum. Se Don DeLillo dichiara, come ha fatto, che gli attentati dell'11 settembre costituiscono un evento in cui si ricreano le condizioni epiche e tragiche dell'antichità, non è che poi si mette a scrivere una tragedia classica ambientata in un aereo in mano a un dirottatore. La sua visione tragica ed epica è già tutta nel montaggio astratto di casi grotteschi e insieme reali di Underworld. Per parlare dell'11 settembre, se vorrà, dovrà trovare forme analoghe, che riprendano la tradizione ma non in modi tradizionalistici.
Qui invece sta il limite di Scurati, che dapprima ha proseguito sulla strada segnata da Nietzsche, Dostoevskij o Camus, e ora mira direttamente al sublime non-mediato, supponendolo fondativo del sublime diffuso. È un limite che si può riscontrare in tanti altri tentativi estremi, che Giuseppe Genna, in un suo intervento su "Carmilla on line", individua bene, salvo poi evitare di esaminarne i difetti. Con Una storia romantica non si cambia il rapporto attuale fra letteratura e realtà, che non è, come invece recenti dibattiti organizzati proprio da Scurati porterebbero a credere, un rapporto speculare o lineare. Occorrono tentativi ben più complessi per interpretare le movenze profonde del tragico o dell'epico oggi: non che non ci siano (io personalmente ho cercato di indicarne diversi nel mio Stile e tradizione nel romanzo italiano contemporaneo), ma di certo non narrano una storia volutamente e perdutamente romantica.
  Alberto Casadei
 

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Antonio Scurati

1969, Napoli

Antonio Scurati è nato a Napoli nel 1969, è cresciuto tra Venezia e Ravello per poi trasferirsi a Milano. Docente di letterature comparate e di creative writing all'Università IULM, editorialista del «Corriere della Sera», ha vinto i principali premi letterari italiani. Esordisce nel 2002 con Il rumore sordo della battaglia, poi pubblica nel 2005 Il sopravvissuto (Premio Campiello) e negli anni seguenti Una storia romantica (Premio SuperMondello), Il bambino che sognava la fine del mondo (2009), La seconda mezzanotte (2011), Il padre infedele (2013), Il tempo migliore della nostra vita (Premio Viareggio- Rèpaci e Premio Selezione Campiello). Del 2006 è il saggio La letteratura dell'inesperienza, seguito da altri studi. Scurati è con-direttore...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore