La strega (DVD)

La sorcière

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Titolo originale: La sorcière
Regia: André Michel
Paese: Francia
Anno: 1954
Supporto: DVD
Salvato in 2 liste dei desideri
Un ingegnere francese, che sta conducendo dei lavori in una zona semiselvaggia della Svezia, conosce una ragazza, Ina, che vive nei boschi con la nonna e che la superstizione popolare indica come strega. In realtà sono tutte storie, ma i pregiudizi dei paesani sono terribili e se ne accorge la povera fanciulla il giorno in cui s'azzarda a farsi vedere al villaggio (l'ingegnere le ha persino proposto il matrimonio). I paesani l'aggrediscono, la percuotono selvaggiamente, la prendono a sassate. Ina muore poco dopo sola e disperata nella foresta.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

  • Produzione: DNA, 2018
  • Distribuzione: Terminal Video
  • Durata: 97 min
  • Lingua audio: Francese (Dolby Digital 2.0)
  • Lingua sottotitoli: Inglese (forced) su lingua Francese
  • Formato Schermo: 1,66:1
  • Maurice Ronet Cover

    Nome d'arte di M. Robinet, attore e regista francese. Formatosi con J.-L. Barrault e al Conservatoire di Parigi, debutta nel cinema con Le sedicenni (1949) di J. Becker. Interprete colto e misurato, attraversato da un profondo pessimismo esistenziale, si trova a suo agio in personaggi tormentati dall'angoscia, come nei due film di L. Malle Ascensore per il patibolo (1958), dove è l'amante di J. Moreau, coinvolto nell'omicidio del marito, e Fuoco fatuo (1963), in cui è un ex alcolista che dopo un'ultima visita a persone e luoghi della sua vita, si suicida. Nel 1959 interpreta il thriller Delitto in pieno sole di R. Clément, da un romanzo di P. Highsmith, e lavora poi con C. Chabrol in Le scandale - Delitti e champagne (1967) e Stéphane, una moglie infedele (1968), dove è ancora un amante, questa... Approfondisci
  • Marina Vlady Cover

    Nome d'arte di M. de Poliakoff-Baïdaroff. Attrice francese. Di famiglia russa, con sorelle attrici, comincia a lavorare in Francia dal 1949 ma trova in Italia i primi ruoli corposi. Recita fra gli altri, in Le infedeli (1953) di Steno e Monicelli, Giorni d’amore (1954) di G. De Santis e Le avventure di Giacomo Casanova (1955) ancora di Steno. Dotata di un fascino elegante e misurato, è in grado di far affiorare anche una esplosiva sensualità, sempre temperata dallo sguardo soave e innocente. Così la esalta M. Ferreri in Una storia moderna: l’ape regina (1962) in cui le fa interpretare la parte della moglie «divoratrice» del sempre più esausto marito U. Tognazzi. Parimenti, J.-L. Godard ne valorizza i caratteri di modernità proiettandola nei panni della donna borghese prostituta per consumismo... Approfondisci
Note legali