Student guerrilla

Isamu Fukui

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: R. Cravero
Editore: Mondadori
Anno edizione: 2007
Pagine: 344 p., Brossura
  • EAN: 9788804571605
Salvato in 19 liste dei desideri

€ 10,00

Venduto e spedito da Libreria Europa

Solo una copia disponibile

+ 5,50 € Spese di spedizione

Quantità:
LIBRO

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 10,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Il libro è ambientato in una metropoli di un futuro regolato da un regime globale che impiega il Ministero della Pubblica Istruzione come braccio ideologico preposto alla formazione/alienazione dei cittadini. L'unica crepa in questo sistema è costituita dall'adolescenza, periodo di inevitabile crisi e ribellione in cui gruppetti di renitenti abbandonano la scuola dando vita a una vera e propria organizzazione terroristica, detta Truancy, che si rende autrice di attentati sanguinari. Tack, giovane studente sensibile alle istanze di ribellione decide di unirsi al gruppo in seguito alla tragica morte della sorella. Dopo mille peripezie, compresa la lotta senza quartiere contro un gruppo di coetanei al soldo del sindaco, Tack diventerà il capo del gruppo e continuerà la sua guerra contro l'alienazione di regime delle giovani menti.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

2
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
0
2
1
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Ferre

    04/08/2012 07:40:38

    Ambientazioni poco curate, personaggi con personalità stereotipate da fumetto manga e combattimenti lunghi 10 pagine la fanno da padrone in questo libro. Non si capisce precisamente perché la sommossa iniziale della Truancy contro la scuola sia iniziata (le scuole della City, perlomeno all'inizio del libro, non sono poi così diverse dalla maggior parte delle scuole italiane). Molte situazioni ed eventi non vengono spiegati nemmeno alla fine del libro, mentre altre sono talmente tirate da lasciare l'amaro in bocca. Il tutto mi sembra una fantasia repressa da ragazzino che odia la scuola e vuole sterminare i professori. Se il libro l'ha scritto davvero un quindicenne allora è perlomeno un buon inizio: a scrivere è capace, ora deve solo trovare tematiche più interessanti e meno infantili di una guerra contro il sistema scolastico immotivata.

Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali