Studio Konzert

Artisti: KaMa Quartet
Supporto: Vinile LP
Numero dischi: 1
Etichetta: NeUKlang
Data di pubblicazione: 11 novembre 2017
  • EAN: 4012116416411
pagabile con 18App

Articolo acquistabile con 18App

€ 26,90

Venduto e spedito da IBS

27 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Descrizione

La serie "Studio Konzert" di casa Neuklang propone dischi audiophile in vinile vergine da 180 gr., registrati in presa diretta completamente in analogico e presentati in edizione limitata e numerata in una elegante confezione. La sala di registrazione degli studi Bauer è un luogo che ha ispirato molti eccellenti musicisti che hanno avuto il privilegio di utilizzare lo splendido pianoforte da concerto Steinway & Sons D-274 con il quale Keith Jarrett interpretò alcune delle sue meravigliose melodie. A due anni dalla sua prima esperienza negli studi Bauer, il quartetto KAMA, ossia Katharina Maschmeyer (sax tenore e soprano), Nils Pollheide (chitarra elettrica e acustica, e-bass), Philipp Rüttgers (tastiere, sintetizzatore, pianoforte) e Jens Otto (batteria), a cui si è aggiunto lo straordinario percussionista Nippy Noya, è ritornato a Ludwigsburg per un nuovo progetto. Il concerto proposto nell’ultimo volume “Studio Konzert” è una vera sfida: una nuova interpretazione della complessa suite “A Love Supreme” di John Coltrane, già proposta dal KAMA Quartet nell’album di studio “A Love Supreme / Universal Tone” sempre pubblicato da casa Neuklang. Questa volta però la registrazione non prevede postproduzione: il flusso sonoro è immortalato live in presa diretta dall’eccellente ingegnere del suono Philipp Heck con uno Studer A 820 e con sofisticati microfoni che ne garantiscono l’eccellente qualità audio. Già dalle prime note di “Studio Konzert” si rimane colpiti dalla straordinaria professionalità dei cinque artisti che dimostrano una grande preparazione tecnica e soprattutto, quello che fa la differenza, un’incredibile sensibilità musicale che permette loro di immergersi totalmente nell’opera di Coltrane senza correre il rischio di proporne l’ennesima banale interpretazione.