Editore: Armando Editore
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 1 ottobre 2010
Pagine: 240 p.
  • EAN: 9788860817297
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Il 4 Luglio del 2004 Carlo Parlanti viene arrestato dalla polizia tedesca all'aeroporto di Duesseldorf: è accusato di aver picchiato, legato e stuprato la sua ex convivente Rebecca Mckay White negli Stati Uniti. Il 3 Giugno del 2005 viene estradato e mandato a Ventura, in California. Le prove a suo carico sono pressoché inesistenti, ciononostante viene sottoposto a procedimento penale e condannato dalla corte a nove anni di reclusione. Questa è la storia di uno dei tanti nostri connazionali ancora prigionieri del silenzio politico e mediatico, di cui solo occasionalmente ci ricordiamo. Il libro, analizzando la vicenda punto per punto, ha lo scopo di mettere in luce aspetti ancora irrisolti di una complessa vicenda giudiziaria che ha interessato da anni mass media e uomini politici, attenti ai diritti dei detenuti all'estero.

€ 17,00

€ 20,00

Risparmi € 3,00 (15%)

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nério Mazzalai

    23/08/2011 10:14:04

    Buon lavoro, anche se viziato da un certo spirito di patriottica difesa del condannato. Il Parlanti non ha certamente ben compreso il sovrapprezzo che si deve pagare negli USA per i precedenti specifici (che, si legge nel volume, ha sia in Italia che in California), anche se gli Autori mantengono sfumato il tono sull'argomento. Sciagurata poi la scelta di non testimoniare per sé stesso al processo, anche se visti gli atti resi pubblici, la difesa sembrerebbe aver scelto la via - arrischiatissima quantomai e nei fatti dimostratasi perdente - del minimo danno. Molto efficace la scelta di uno degli Autori (si riconoscono infatti più stili nettamente distinti nelle varie parti del volume) per descrivere sinteticamente il processo davanti alla giuria, con esempi vivaci e solo apparentemente leziosi. Il richiamo alla causa Berry vs. Chaplin è assolutamente pertinente per comprendere la pragmaticità viscerale del giudizio della giuria, che spesso sovrasta i fatti specifici e la loro gerarchia. Leggo che è un'opera "in progress": mi attenderei in una prossima edizione che venissero meglio sviluppati i temi dell'understatement da parte dell'accusato delle dinamiche processuali americane.

  • User Icon

    Valentina

    08/11/2010 15:16:28

    Seguo il caso da diversi anni. Finalmente, nero su bianco e solo come dei veri esperti potevano fare, il caso di questo nostro connazionale è stato analizzato a fondo. Quello che in America chiamerebbero un "miscarriage of Justice" è davanti agli occhi di tutti. Oggettivamente. Un libro da comprare, per la profondità dell'analisi, ottima sia dal punto di vista criminologico e medico, che dal punto di vista sociale. Una domanda ovviamente nasce spontanea: cosa si aspetta a fare qualcosa di concreto?

Scrivi una recensione