Traduttore: D. Ferioli
Editore: Einaudi
Anno edizione: 1999
Formato: Tascabile
In commercio dal: 16 febbraio 1999
Pagine: 145 p.
  • EAN: 9788806147556
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,32
Descrizione

Quattro piani, il sottotetto, un cortile di fondo con la panetteria araba clandestina. Nei centosedici locali abitano più di seicento persone. Un mondo fetido, senza igiene né morale, pieno di topi, parolacce, sudore. E persone: operai, militari, arabi dall'eloquio contorto, venditori ambulanti, ladri, prostitute, sarte, portuali, gente di tutti i colori e di tutte la nazionalità. E Jorge Amado, con fantasia e con l'affetto che ha per la sua gente, anche in quel mondo senza morale né educazione, intreccia storie di sofferenza e di morte a vicende d'amore, di altruismo, di ingenuità e di fede.

€ 4,32

€ 8,00

4 punti Premium

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Gianluca Sanson

    02/05/2018 17:17:01

    uno spaccato dei quartieri poveri di una città brasiliana. Situazioni di vita differenti anche all'interno dello stesso edificio, pur sempre condizionati da miseria e scarsa igiene. Irriverente presa di posizione con descrizioni spesso convincenti di personaggi al limite della decenza. Sono tali le condizioni di un sudicio ambiente dove convivono donne , anziani , uomini e bambini. Non consigliato ai deboli di stomaco.

  • User Icon

    fabio

    24/07/2012 11:26:14

    Serie di racconti sulla vita dei poveri di Bahia. Coinvolgente, a tratti triste, ma pur sempre un libro che fa riflettere. Amado spesso tocca l'argomento della condizione umana e delle sofferenze degli indigenti. E spesso lo fa con grande maestria e sensibilità.

  • User Icon

    Penelope

    20/01/2004 15:11:22

    Al numero 68 di rua do Pelourinho abita un mondo colorato di operai, ladri, prostitute, soldati. Un mondo di esistenze in bilico tra la sopravvivenza e la leggerezza. Una lunga scala dell'edificio collega la quotidianità di questi disperati sulla quale si intrecciano litigi, canzoni e amori. Da tutto questo cresce un sentimento di riscatto, di ribellione per una esistenza nuova, dignitosa e possibile. Molto intenso come tutte le bellissime storie di Amado.

Scrivi una recensione