Sui sentieri delle leggende

Claudio Cima

Curatore: F. Pennisi
Collana: Sport natura
Anno edizione: 1992
Pagine: 200 p., ill.
  • EAN: 9788827200483
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 10,97

€ 12,91

Risparmi € 1,94 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello


scheda di Salari, G., L'Indice 1993, n. 7

"...lo Stregone eccitato, dopo aver disteso l'arcobaleno, si precipitò al lago di Carezza, e l'Ondina, riconosciutolo, si gettò in acqua, sfuggendogli. Lo Stregone, preso da un furore senza misura, sradicò alberi, scagliò pietre e macigni, fece a pezzi l'arcobaleno, poi si arrampicò sulle sue creste..." Così racconta una fiaba dolomitica, di quelle che circolavano nei masi ladini la cui tradizione sta purtroppo scomparendo. L'autore di questa guida, esperto alpinista, ci conduce sui Monti Pallidi delle leggende con una fiaba che introduce a uno o più itinerari. Con questo agile volume in mano, potremo riscoprire le Dolomiti seguendo una nuova chiave di lettura oppure, se ancora non le conosciamo, scoprirle, in base alle esaurienti indicazioni pratiche. Tra i 100 itinerari descritti, sicuramente potremo trovare i più adatti alla nostra preparazione fisica e conoscenza della montagna. Si spazia dalle classiche passeggiate che non presentano ostacoli per nessuno, come quella al Catinaccio o al Pianoro dello Sciliar, alle più impegnative escursioni come la "Ferrata dei campanili" o la Valle delle Canalette. Una guida pratica e puntuale da consultare, ma anche un libro da leggersi come un romanzo, per scoprire "macigni da ciclope in bilico che sporgono proiettando nell'abisso lunghe ombre, scontrose vergini, monaci incappucciati, pulpiti da predicatore sospesi nelle voragini": così lo scrittore Dino Buzzati ebbe a definire il complesso dolomitico. Fra le novità delle edizioni Mediterranee vanno poi citati "Il Lazio più bello" di Giulio Ielardi (pp. 188, Lit 25.000), "Grandi Trekking italiani su Alpi e Appennini" di Riccardo e Cristina Carnovalini (pp. 156, Lit 20.000) e "Corsica" di Luca Pennisi (pp. 171, Lit 20.000).