Sunken Condos

Artisti: Donald Fagen
Supporto: CD Audio
Numero dischi: 1
Etichetta: Reprise
Data di pubblicazione: 16 ottobre 2012
  • EAN: 0093624947875
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

€ 20,40

Venduto e spedito da IBS

20 punti Premium

Disponibile in 5 gg lavorativi

Quantità:
Aggiungi al carrello
Descrizione

Un album che segna l'inizio di una nuova fase nell'evoluzione creativa di questo artista, la cui carriera è ancora molto solida dopo oltre 40 anni.Le 9 canzoni di sono state co-prodotte da Michael Leonhart e Donald stesso. Sono tutte originali composizioni di Donald tranne una, che è una versione di Ashkenazi del brano di Isaac Hayes Out of the Ghetto. Alcuni nomi di musicisti ci riporteranno alla memoria la famiglia degli Steely Dan (Jon Herington, The Steely Dan Horns, Freddie Washington), altri sono completamente nuovi.

Disco 1
  • 1 Slinky Thing
  • 2 I'm Not the Same Without You
  • 3 Memorabilia
  • 4 Weather in My Head
  • 5 The New Breed
  • 6 Out of the Ghetto
  • 7 Miss Marlene
  • 8 Good Stuff
  • 9 Planet D'Rhonda

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Max65

    30/10/2012 14:44:23

    Bentornato Lester the nightfly from WJAZ !!! Donald Fagen ritorna a noi dopo 6 anni con un disco che strizza l'occhio agli anni '70, naturalmente alla sua maniera, elegante e sofisticata. Non aspettatevi innovazioni, lui se ne sta nel proprio "Condominio affondato" e parla attraverso il suo modo di fare musica. Jazz and Conversation. La cover "I'm not the same without you" mi ricorda in qualche modo "New Frontier", così come "Weather in my head" la famosissima "Pretzel logic" in chiave Steely. Spiccano a mio parere anche le perle "The new breed" e "Miss Marlene". Abbandonata un po' di asetticità presente nel precedente "Morph the Cat" qui si respira l'atmosfera senza tempo di Lester il DJ e delle sue Chesterfield alle quattro del mattino. Potrebbero essere gli anni'50, potrebbe essere domani. E non è corretto parlare, come ho sentito da qualcuno di sequel del famosissimo "The Nightfly". Allora fu un tentativo azzeccatissimo di fotografare una realtà che esisteva nella fantasia di un grande musicista, oggi è un esercizio di stile di quel musicista, dal quale ti aspetti di sentire proprio quella cosa. Anzi lo desideri con tutto te stesso. Grazie ancora Donald.

Scrivi una recensione