Categorie

Eduardo Mendoza

Traduttore: M. Finassi Parolo
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2002
Pagine: 248 p.
  • EAN: 9788807016073
Usato su Libraccio.it € 7,56

Divertente, grottesco, satirico e provocatorio, dopo anni di assenza Eduardo Mendoza ritorna alla narrativa con un originalissimo romanzo in cui gli stravaganti personaggi, la trama esilarante e la suspense del giallo si mescolano alla durezza della satira. La vicenda è ambientata nella Barcellona di oggi, una città divisa tra i fasti della modernità e sacche di nuova povertà. Il protagonista è uno dei tanti derelitti alla perenne ricerca di fantasiosi espedienti per sopravvivere. Privo di una dichiarata identità a causa della scelleratezza degli ignoti genitori, dapprima finto pazzo e poi parrucchiere per caso e per necessità, lo sfortunato personaggio finisce inconsapevolmente al centro in un oscuro intrigo, abbondantemente condito di belle bionde, furti, sparizioni, scambi di persone, omicidi e corruzione. Ingiustamente accusato di avere ucciso un ricco uomo di affari, si improvviserà detective, scoprendo i veri responsabili del delitto più per fortuna e necessità che per abilità o dedizione alla giustizia.
Attraverso gli occhi e le mirabolanti imprese di questo antieroe per eccellenza, lo scrittore spagnolo descrive, con piglio ironico e a tratti spietato ma sempre realistico, il mondo della ricca borghesia e quello della povera gente, entrambi minati dalla corruzione politica, le ipocrisie e le ingiustizie sociali. Con l'abilità del grande narratore, riesce a introdurre la sua satira pungente in un romanzo ricco di invenzioni imprevedibili e deliranti che lo rendono una lettura particolarmente piacevole e divertente. L'originalità dei personaggi, i numerosi giochi linguistici, le riuscite immagini provocatorie creano un'atmosfera surreale in cui gli eventi si susseguono in una crescente frenesia, coinvolgendo i lettori fino alla conclusione catastrofica e sorprendente.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    raffaella

    08/09/2006 16.47.01

    e' il primo libro che ho letto di Mendoza e l'ho trovato fantastico. Poi ne ho letti altri e mi e' sempre sembrato all'altezza. Grande scrittore dall'umorismo grottesco.

  • User Icon

    Giorgia

    16/04/2002 12.35.52

    Non conosco i precedenti libri scritti da Mendoza ma questo libro mi è sembrato "tirato", un voler portare il lettore a ridere, a tutti i costi, esagerando.

  • User Icon

    Francesco

    02/04/2002 15.41.14

    Un Mendoza in chiave men che minore, lontanissimo dai romanzi socio-umoristici (Gurb, ecc.), ad anni luce dal Caso Savolta, a una distanza infinita dall'Anno del diluvio. Che gli sara' preso? Auguri di pronta guarigione.

Scrivi una recensione