Il tempo di sua grazia

Eyvind Johnson

Traduttore: A. Sanesi
Editore: Iperborea
Anno edizione: 2005
In commercio dal: 23 luglio 2005
Pagine: 576 p., Brossura
  • EAN: 9788870911145
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Corre l'anno 775 a Forojuli (l'attuale Cividale del Friuli). Johanniperto Lupigis, nipote del diacono Anselmus, è innamorato di Angila, già promessa al fratello maggiore Warnefrit. Il suo amore per la fanciulla lo coinvolgerà in una rivolta contro Carlo Magno, capeggiata dal padre di lei, e dalla prigione fino alla carica di Segretario dell'Imperatore, dove si batterà a difesa delle consuetudini della sua gente "barbara", lottando per salvaguardarne le peculiarità longobarde. Tra ricostruzione storica e invenzione simbolica, il Premio Nobel svedese restituisce il clima di un'epoca remota, in cui Carlo Magno perde l'aura del grande condottiero per vestire i panni di campione della repressione di tutto ciò che è diverso.

€ 19,12

€ 22,50

Risparmi € 3,38 (15%)

Venduto e spedito da IBS

19 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Erika

    14/07/2018 13:06:19

    Nonostante sia ammirevole la profonda ricerca storica fatta dall'autore, e abbia apprezzato molti suoi passaggi scritti, reputo questo libro piuttosto prolisso e dispersivo. Non mi è piaciuto l'alternarsi troppo frequente delle voci narranti, perché creavano uno spaesamento nella logica narrativa, e una sensazione di affollamento inutile.

  • User Icon

    Angelo

    02/03/2014 12:05:07

    Un libro che libro non è, caratterizzato dalla pretesa di farsi Storia, vera finzione, scavando in quel che è stato - come da titolo - il tempo di sua grazia Carlo Magno. Le premesse, per certi aspetti, sono allettanti e prospetterebbero una narrazione piacevole. Ciononostante, il libro si perde in derive superflue, fino a rendere la lettura stancante, a tratti impossibile (complice anche la veste tipografica del libro, tale da farti perdere un numero imprecisato di diottrie). Pare che l'autore abbia subito gli influssi di Proust e Gide... ma di strada per gareggiare coi suoi modelli non ne ha fatta abbastanza.

Scrivi una recensione