Categorie

William Langewiesche

Traduttore: M. Codignola
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2005
Pagine: 263 p. , Brossura
  • EAN: 9788845919459

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Lau

    24/07/2007 22.23.59

    Direi un ottimo compromesso tra giornalismo investigativo e capacità di incuriosire e affascinare il lettore grazie ad una prosa di tutto rispetto. lo consiglio di cuore per chi è attratto dal genere giornalistico-investigativo! sarebbe bello se esietsse una collana simile che spieghi senza allarmismi tutto ciò che ruota attorno alle nostre società di cui non siamo a conoscenza, dai mari ai cieli.

  • User Icon

    Gabriele

    21/10/2005 16.19.58

    Estremamente interessante! Scritto con uno stile pulito e privo di fronzoli, tratta di un argomento scottante, purtroppo ai più sconosciuto. Coinvolgente, lo consiglio a tutti, in quanto non troppo tecnico ne noioso. Spero ne esca presto un altro sul tema.

  • User Icon

    Ely72

    26/04/2005 15.53.14

    Anch'io ho trovato interessante questo libro, coinvolgente il giusto e ben documentato. Il voto intermedio e' determinato da una troppo spiccata connotazione "documentaristica", che si fa leggere poco facilmente. Altri saggi, di materie differenti, "catturano" molto di piu'. Penso a "La moglie del cartografo" di Robert Whitaker, o ai saggi di etologia di Konrad Lorenz o a quelli di psicanalisi di Olivier Sacks. Comunque nel complesso molto interessante.

  • User Icon

    Giancarlo

    23/03/2005 17.36.37

    E' un libro veramente interessante che approfondisce con piglio giornalistico un problema di cui si sa poco o niente: i nostri oceani sono solcati da migliaia di autentiche carrette del mare assolutamente inadatte a navigare. Le poche leggi che regolamentano il settore sono eluse dal fatto che la bandiera di una nave è meno di una formalità. Ottima la ricostruzione dell'affondamento del traghetto Estonia nel mar Baltico e la descrizione di Alang, spiaggia indiana dove le navi vanno a morire e dove un esercito di 100.000 disperati lavora 15 ore al giorno in condizioni disumane.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione