Categorie

Michelle Jaffe

Traduttore: S. Rega
Editore: Fanucci
Anno edizione: 2011
Pagine: 364 p. , Rilegato

Età di lettura: Young Adult.

Scopri tutti i libri per bambini e ragazzi

  • EAN: 9788834717967

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Rowan

    19/12/2014 20.12.13

    Michele Jaffe, autrice di diversi thriller e romanzi per adulti, ha creato una trama ricca di mistero, che però tanto originale non è.. mi ha ricordato tantissimo il primo lavoro di Lauren Kate, Princess, che avevo molto apprezzato. Il genere è lo stesso, un mix di Gossip Girl e Pretty Little Liars, inquietante e curioso al tempo stesso, ma avendo già letto il romanzo della Kate sapevo più o meno cosa aspettarmi. Tuttavia non sono rimasta delusa, anzi, l'autrice si è dimostrata bravissima a gestire gli intrecci narrativi e la sua cura per i dettagli ha reso tutta la storia avvincente, con una perfetta dose di suspense che mi ha tenuta incollata alle pagine, soprattutto durante il finale che, devo ammetterlo, mi ha lasciato a bocca aperta. Raccontata con uno stile narrativo semplice e immediato, la storia di Jane è ben costruita e ricca di colpi di scena, i personaggi sono ben caratterizzati e, soprattutto, sono bravissimi a far dubitare il lettore di tutto. A non convincermi sono stati i continui salti nel tempo per vedere i ricordi di Jane, che secondo me hanno rallentato la lettura rendendola un po' altalenante. The Gap ci mostra un mondo ben lontano dal nostro, quello dei ragazzi ricchi e annoiati che tra una festa e una macchina nuova perdono di vista la realtà e si estraniano in un ambiente tutto loro, dove ad avere importanza non sono l'amicizia e l'amore, ma i soldi, la popolarità e la moda e ogni passo falso può metterti in pericolo. Un mondo che purtroppo, molto spesso, è quello reale. Alcune parti del romanzo mi hanno letteralmente rapita, altre le ho lette con più lentezza, ma alla fine l'ho trovato un libro interessante e intrigante, ottimo se cercate una storia misteriosa ambientata nel tipico liceo americano, dove l'apparenza è tutto e i pettegolezzi possono essere.. mortali.

  • User Icon

    Franci

    20/09/2014 22.01.14

    E' una storia con un ritmo altalenante che alterna momenti molto coinvolgenti e pieni d'azione a momenti molto lenti. I personaggi si trovano nella fase dell'adolescenza in cui l'opinione dei pari è tutto, dove l'importante è divertirsi e fare le prime esperienze ed essendo anche ragazzi benestanti fanno a gara a chi ha il capo o la macchina più costosa, e lo status fa decidere se una persona è tra le più popolari o è out. Jane costretta a lasciare la sua casa, fonte di sicurezza e luogo di tanti momenti felici e alle prese con una nuova scuola, vuole essere amata, vuole ricevere attenzione, perché dopo la perdita del padre e della sua migliore amica non si sente più compresa e coccolata dalla madre che sembra completamente concentrata sul suo nuovo compagno. La vicenda si svolge nel giro di quattro giorni, dove Jane cercherà di ricostruire l'accaduto attraverso flashback e le versioni dei suoi amici, dove presunte allucinazioni la porteranno a dubitare su cosa è reale e cosa invece non lo è e un sogno ricorrente potrebbe portare alla risoluzione di una situazione risalente al passato. Gli elementi che mi sono piaciuti sono la caccia al colpevole, che potrebbe essere chiunque - un po' come in Pretty Little Liars- perché adoro calarmi nei panni di Sherlock, l'entrata in scena di Pete, un personaggio interessante, l'evoluzione della protagonista da superficiale a persona profonda, che arriva a capire ciò che è davvero importante e i momenti perfetti per un buon thriller; mentre i momenti in cui succedeva davvero poco e la presenza di molti personaggi da mettere a fuoco per rimanere al passo con le prove e ricostruire l'incidente sono gli elementi che rendono la lettura meno fluida.

  • User Icon

    Levy-chan

    19/07/2012 10.23.43

    The gap. Un thriller adolescenziale che mi è piaciuto molto. All'inizio il metodo di narrazione, che comprende improvvisi salti temporali nel tempo, rende più complesso capire lo svolgimento degli eventi. D'altra parte, una volta compreso il meccanismo di questi salti diventa tutto più interessante ed è questo il punto forte di questo libro. I personaggi sono ben caratterizzati, pensando soprattutto che l'iniziale superficialità con cui sono descritti, lascia poi spazio ad altre caratteristiche più profonde (e in alcuni casi più inquietanti). Molto bello.

  • User Icon

    Nefe

    09/11/2011 15.14.54

    La storia in sè trovo sia interessante nonostante tematiche comuni del genere thriller forse troppo evidenti: incidente,trauma che fa perdere la memoria, ricostruzione di quanto avvenuto passo dopo passo....originale però il finale ed il fatto che ogni personaggio con il proprio segreto è ben caratterizzato ed ha in qualche modo avuto un ruolo degno di nota nella vita della protagonista.... non so dire se personalmente lo consiglierei o meno: sicuramente ha destato il mio interesse nel continuare la storia per vedere dove l'autrice voleva andare a parare...credo che sostanzialmente sia questo l'obiettivo maggiore di un buon thriller....considerando poi che è indirizzato ad un pubblico di adolescenti direi che l'autrice è riuscita bene nel suo intento.... tuttavia non sono rimasta del tutto soddisfatta forse per lo stile usato per descrivere le azioni nei bruschi salti temporali appartenenti alla memoria della protagonista..... personalmente trovo sia stato troppo brusco, con cambi di scenario e di storia troppo repentini per passare da un personaggio all'altro.....a mio avviso ciò ha reso meno scorrevole il tutto...de gustibus!

  • User Icon

    Dj

    26/10/2011 20.40.45

    Buona prova, storia accattivante anche se a tratti davvero un po' troppo sfruttata in numerosi libri e film precedenti. Alcune situazioni surreali la collocano in una dimensione psichedelica che la rende meno banale di quanto potrebbe risultare. Dialoghi brillanti e ben costruiti. Alcuni luoghi comuni ne rovinano l'impatto narrativo ma il libro risulta comunque godibile e gustoso.

  • User Icon

    Yuko

    01/10/2011 14.54.36

    The gap è un thriller per ragazzi ambientato in una scuola superiore americana. A metà tra Gossip Girl, 90210 e teen drama vari, è inquietante e misterioso al punto giusto e mi ha fatto passare alcune ore piacevoli in cui mi sono alambiccata il cervello nelle più strane congetture per cercare di capire chi potesse essere il colpevole. Il titolo originale del romanzo è Rosebush, in italiano "cespuglio di rose": un titolo decisamente coerente con la narrazione, dal momento che Jane, la protagonista, viene ritrovata in fin di vita proprio all'interno di un cespuglio di rose. Il problema è che la ragazza non ricorda nulla di quello che le è successo, ma non vuole neppure dare credito alla teoria della polizia, che pensa che lei abbia tentato il suicidio. L'ultimo suo ricordo di quella tragica sera riguarda il suo arrivo, assieme alle sue migliori amiche Kate e Langley, a una festa con un delizioso costume da fatina. Stop. Il resto è tutto nero. Ma com'è passata dalla festa al cespuglio? Di certo non possono avere alcuna responsabilità i suoi compagni, tutti la amano e le vogliono bene, come testimoniano le decine di mazzi di fiori nella sua stanzetta di ospedale? O forse no? Jane porta una maschera, ma non riesce a rendersi conto del fatto che anche gli altri ne portino una. Si lascia ingannare dalla superficialità delle cose, senza indagare, ed è proprio per questo che finisce in un cespuglio di rose: perchè non ha saputo vedere la verità, non ha saputo capire davvero le persone, andare oltre le spacconerie e i belletti. Jane riflette tragicamente un modello adolescenziale piuttosto diffuso ai giorni nostri, e con lei tutti i suoi amici: conta l'apparire, non importa l'essere. Il problema è che sotto l'apparire può nascondersi di tutto, e la nostra protagonista lo impara a sue spese. Il personaggio di Jane, mano a mano che riprende l'uso del suo corpo paralizzato e ricorda frammenti di quella terribile serata, impara lezioni importanti e cresce.

  • User Icon

    LadyAileen

    24/09/2011 00.08.49

    The Gap è un thriller per adolescenti che ha per protagonista Jane (la vicenda è narrata in prima persona), dopo essere stata vittima di un grave incidente scopre di non ricordare più nulla di quanto è accaduto. A quel punto, Jane dovrà ricostruire la sera dell'incidente e quello che scoprirà sarà una verità sconvolgente. Ogni personaggio avrà qualcosa da nascondere e non sarà facile per Jane riuscire a capire chi le sta mentendo. La storia non segue una linea temporale lineare ma va avanti e indietro nel tempo attraverso i vari ricordi di Jane. La soluzione escogitata dall'autrice sorprenderà sicuramente il lettore, a mio avviso è originale e inaspettata. E' anche vero che non è nuova l'idea di un adolescente catapultata in un ambiente dove la popolarità è tutto e dove i ragazzi ricchi e viziati nascondono segreti incoffesabili ma l'autrice è riuscita a distinguersi in modo positivo. Il personaggio principale è ben caratterizzato (e non solo quello) infatti il lettore riesce ad immedesimarsi senza problemi, provando la stessa confusione e angoscia della protagonista. Jane è una ragazza come tante così desiderosa di essere popolare e accettata che soffoca il suo vero io, assecondando, invece, quelli che la circondano. Questa sua permanenza forzata in ospedale la porterà a riflettere di più su se stessa e su chi siano i suoi amici. Naturalmente non manca il risvolto romantico e le problematiche legate all'ambiente scolastico ma non c'è alcun elemento paranormale. Il mistero ti tiene davvero incollata alle pagine perché è davvero ben congeniato. Sono curiosa di leggere altri libri di quest'autrice.

  • User Icon

    Giulia

    08/09/2011 18.00.51

    Thriller young adult, "The gap" è una storia che si legge con facilità e ci mostra un mondo di adolescenti che, sebbene per certi versi stereotipato, mette in luce tutte le sottili trame intessute per riuscire ad essere sempre sulla cresta dell'onda. Riuscire in questo scopo, essere al vertice della piramide, ha condizionato la vita di Jane e l'ha portata a vivere in un mondo perfetto solo in superficie. Ora che la sua mente è rimasta vittima di un'amnesia causata dall'incidente di cui non ricorda nulla, Jane cerca di ricostruire i tasselli uno alla volta ed è costretta a fare i conti con i propri fantasmi. Ritrovarsi in un cespuglio di rose ora non ha niente del romanticismo delle fiabe e Jane è costretta a scoprirlo dolorosamente. Un thriller ben costruito che conduce il lettore su piste inesistenti per spostare la sua attenzione, con repentini cambi di scena, verso nuovi colpevoli e nuovi indizi. Ultimamente i romanzi young adult viaggiano verso altre tipologie di storie, The gap invece ci offre una storia che, sebbene ricorda un po' il mondo di Pretty little liars e Gossip Girl, ci mostra il percorso di una ragazza che sulla sua pelle impara cos'è l'amicizia e i veri sentimenti.

Vedi tutte le 8 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione