Categorie

Petros Markaris

Traduttore: A. Di Gregorio
Editore: Bompiani
Collana: Vintage
Anno edizione: 2016
Formato: Tascabile
Pagine: 311 p. , Brossura
  • EAN: 9788845281105
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Mami53

    17/01/2017 18.55.50

    Mi è piaciuto un po' meno di "L'esattore" ma sempre una lettura piacevole e scorrevole.

  • User Icon

    patrizia b.

    13/01/2017 18.19.57

    Ho voluto riprovare Markaris, ma non ho fatto altro che confermare che non è lo scrittore per me. Libro lento, scritto in modo pesante e poco scorrevole e poco avvincente (e di ottima letteratura ne conosco tanta). Mi piacerebbe avere invece la ricetta dei fagiolini come li prepara Adriana, come si fa a renderli così appetitosi?

  • User Icon

    luciano

    06/03/2016 18.24.13

    La Grecia è in piena crisi economica e il commissario Kostas Charitos, a bordo dell'autopattuglia, constata amaramente che: " Atene di notte è come le nostre tasche vuote...Strade vuote, marciapiedi vuoti, trattorie semivuote. Se di giorno vedi la sofferenza di Atene, di notte ne cogli il lutto." Il commissario sta indagando su un suicidio sospetto e su una catena di omicidi tutti quanti eseguiti con una Smith & Wesson degli anni '50. Intanto la figlia è stata malmenata dai fascisti di " Alba Dorata". E' un libro deludente e per certi aspetti noioso.

  • User Icon

    giuliano

    27/06/2015 16.13.23

    Molto meglio dei tre precedenti ma nettamente inferiore ai capolavori di Markaris, ultimo "La balia" l'aspetto giallo passa quasi in secondo piano e rimane solo un generis per raccontare la crisi greca attuale. Rimane comunque un buon libro, di lettura scorrevole e piacevole. Un inciso; se mai mi capiterà di andare in macchina ad Atene sicuramente la girerò ad occhi chiusi viti i sempre molteplici riferimenti toponomastici cha infarciscono il racconto

  • User Icon

    Alessandra Salvaggio

    22/05/2015 14.31.43

    Markaris mi piace sempre. Non solo per il giallo e i personaggi così ben delineati, ma per come racconta la sua terra, quella Grecia così martoriata. In questo romanzo ci fa vedere la burocrazia che ti stritola... quella Grecia assomiglia troppo alla nostra Italia.

  • User Icon

    Davide

    09/05/2015 01.32.53

    Davvero molto bello e scorrevole. Mi ha conquistato. Da leggere.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione