copertina

Toni Servillo. Il primo violino

Silvia Grande

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Bulzoni
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 1 maggio 2010
Pagine: 225 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788878704930
Salvato in 1 lista dei desideri

€ 17,10

€ 18,00
(-5%)

Punti Premium: 17

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA

Toni Servillo. Il primo violino

Silvia Grande

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Toni Servillo. Il primo violino

Silvia Grande

€ 18,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Toni Servillo. Il primo violino

Silvia Grande

€ 18,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 17,10 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La figura caratterizzata e possente, la maschera enigmatica dell'attore napoletano si è imposta negli ultimi anni con forza straordinaria, in Italia e all'estero, sull'onda della fortuna di alcuni film di successo che ne hanno diffusa l'immagine, catturata nelle inquadrature di Mario Martone, di Matteo Garrone, di Paolo Sorrentino. Ma la forza penetrante delle interpretazioni cinematografiche di Toni Servillo si nutre dell'intero percorso artistico compiuto, affonda le radici nel suo mestiere principale, quello a sua volta duplice e unitario di attore e regista teatrale, affermatosi nel corso di un itinerario esemplare, fra avanguardia e tradizione, scena sperimentale e ufficiale, metropoli e periferia, napoletanità e cultura europea; itinerario che segna l'unicità e peculiarità di questo artista nel panorama italiano.
Il bel libro di Silvia Grande ripercorre con slancio questa vicenda che si dipana tra la fine degli anni ottanta e il presente (si ferma al 2008), servendosi di una fitta documentazione, di cronache teatrali, recensioni, interviste, fotografie. La giovane studiosa era partita dalla folgorazione al Piccolo di Milano, dove oltre agli studi universitari si diplomava in recitazione, per una replica della messinscena più celebre di Servillo, quel Sabato, domenica e lunedì che con rigore, originalità e freschezza, riproponeva nel 2002 la commedia eduardiana. Fra lo stupore e l'entusiasmo della critica, il grande interprete e regista dimostrava la forza e la classicità di quel teatro, in grado di sopravvivere al suo autore, al modello fissato dalle riprese cinematografiche e televisive (ma proprio di questa commedia la registrazione non si è conservata, come nota Maria Letizia Compatangelo nella prefazione).
La formazione teatrale di Servillo era avvenuta ai margini della metropoli napoletana – tra Afragola, dove era nato nel 1959, e Caserta – e in modo estraneo alla tradizione scenica partenopea. Alla fine degli anni settanta, aveva fondato un gruppo sperimentale, il Teatro Studio di Caserta, che agiva all'insegna dei valori delle neoavanguardie, nel nome di Artaud e di una scena dove il corpo "scandaloso" dell'attore dialogava senza intermediari con le immagini, i suoni, le nuove tecnologie.
Il percorso di Silvia Grande muove dalla fine di questa esperienza (alla quale riconosce tutto il valore propedeutico), dalla fondazione, nel 1987, insieme a Mario Martone e Antonio Neiwiller, di Teatri Uniti, laboratorio teatrale in cui confluiscono gli sperimentalismi dei gruppi e si apre un dialogo non più interrotto con la tradizione napoletana, la grande drammaturgia europea e le rivoluzioni sceniche del Novecento. La formazione di Servillo prosegue nel lavoro comunitario, vissuto come in un affiatato ensemble orchestrale, dove il regista-attore è "primo violino in un'orchestra d'archi", come più volte si trova a precisare. E l'opera si perfeziona e vive sera dopo sera, sul palcoscenico, nel calore della performance e a stretto contatto con il pubblico. I maestri riconosciuti di Servillo sono ora il grande attore Louis Jouvet, Eduardo De Filippo e Leo De Berardinis, con il quale collabora nel segno di Eduardo per Ha da passà 'a nuttata, nel 1989. La lezione induce a un forte impegno artistico e morale, porta ad affrontare un lavoro senza precedenti sul linguaggio, la parola poetica, la voce. Un capitolo del libro è dedicato agli Spettacoli napoletani: oltre a Eduardo, Raffaele Viviani e la nuova drammaturgia di Enzo Moscato, come Partitura del 1988 e Rasoi del 1991. Un altro capitolo è dedicato a I classici europei, all'incontro di Servillo con il genio di Molière (Il Misantropo, 1995, Tartufo, 2000), nella traduzione vivissima di Cesare Garboli, e con Marivaux (Le false confidenze, 1998). La trilogia tutta francese è seguita quindi, nel 2007, dalla goldoniana Trilogia della villeggiatura, condensate le tre commedie in un'unica serata, come già aveva proposto Strehler anni prima. Ogni messinscena di Servillo è salutata da ampi riconoscimenti e successi decisivi in Italia e all'estero, la misura ternaria sembra sottolineare una cifra epicizzante che scandisce anche l'altro successo già citato, quel Sabato, domenica e lunedì in cui si articola la vicenda comicamente amara di Peppino Priore e della sua famiglia. Il passaggio al cinema nasce all'interno di Teatri Uniti, come naturale estensione di una pratica comunitaria e di un alto artigianato che si apre anche al linguaggio dello schermo, illustrato in un capitolo più breve.
Le voci molteplici della critica e degli studiosi, dei protagonisti di questa avventura, consentono a Silvia Grande di restituire frammenti intensi dell'operare di Servillo, tecniche e stili, temi e fili conduttori, nell'impasto davvero unico di alta tradizione, cura filologica che libera i testi da manierismi e convenzioni, nuova vitalità drammatica; senza dimenticare la lezione più malignamente oscura della contemporaneità, di una napoletanità ibrida e corrosiva, pervasa di umori cupi e nostalgiche manie.
Silvia Carandini
Note legali