Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Torneranno i prati

Con la tua recensione raccogli punti Premium

55° nella classifica Bestseller di IBS Film Film - Drammatico - Guerra

Salvato in 61 liste dei desideri

€ 9,99

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (8 offerte da 9,81 €)

Siamo sul fronte Nord-Est, dopo gli ultimi sanguinosi scontri del 1917 sugli Altipiani. Il racconto si svolge nel tempo di una sola nottata. Gli accadimenti si susseguono sempre imprevedibili: a volte sono lunghe attese dove la paura ti fa contare, attimo dopo attimo, fino al momento che toccherà anche a te. Tanto che la pace della montagna diventa un luogo dove si muore.
3,7
di 5
Totale 10
5
6
4
1
3
0
2
0
1
3
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    massimo

    09/12/2020 10:05:28

    Fotografia e regia a mio avviso eccezionali.. film doloroso e che fa riflettere.

  • User Icon

    Milu

    14/05/2020 20:02:31

    Il film mette in scena una storia vera che si svolge durante durante la prima guerra mondiale, in una lunga notte sul fronte italiano nordorientale, nel 1917, dopo un'estenuante serie di violenti e sanguinosi scontri sugli altipiani delle montagne contese tra Austria e Italia.

  • User Icon

    vt

    26/04/2020 20:05:01

    Ultimo capolavoro di Ermanno Olmi, esempio tangibile di come basti poco più di un'ora di pellicola per lasciare il segno nelle coscienze mostrando l'insensatezza della guerra. A chi lamenta in questo film la mancanza di grandi battaglie con tanti bravi soldatini che muoiono eroicamente per la patria andrebbe ricordato che tutte le guerre sono state combattute per lo più da gente semplice che avrebbe decisamente preferito fare dell'altro che andare a uccidere o farsi uccidere da un nemico contro cui non aveva nulla di personale e che la prima guerra mondiale fu fatta anche e soprattutto di attese infinite in trincee luride e piene di ratti affamati almeno quanto i soldati, fame e malattie. Splendidi i dialoghi in dialetto e l'inizio con il soldato italiano che esce dalla trincea per cantare al chiaro di luna applaudito anche dagli austriaci, a ricordarci che storicamente le guerre non sono state volute dai popoli. Più che un film una poesia.

  • User Icon

    Antonio

    27/08/2019 07:15:26

    La vera guerra, senza orpelli, falsità, retorica. Un film che non piacerà ai più; a tutti coloro che credono che la guerra sia quella dei videogiochi o dei filmoni americani, pregni di retorica patriottica e azioni inverosimili. Un film per gli amanti del cinema e della verità.

  • User Icon

    n.d.

    19/06/2019 21:53:04

    LO CONSIGLIEREI A CHI VUOLE OSSERVARE REALMENTE COSA ACCADEVA IN GUERRA

  • User Icon

    fabrizio

    02/02/2017 15:13:45

    Film lentissimo e noiosissimo e, a mio avviso, anche poco reale. Peccato, l'ho guardato con grandi speranze e mi ha profondamente deluso

  • User Icon

    ILSanto

    21/01/2017 11:43:51

    Un film sulla prima guerra mondiale, deve fare vedere le crude battaglie che i Nostri Soldati hanno combattuto eroicamente. Film inutile.

  • User Icon

    Armando

    28/07/2015 08:15:08

    Un bellissimo film. Le immagini delle montagne innevate e l'avamposto sperduto ti lasciano senza fiato. Nell'età dei film di Hollywood che imperano in tutto il globo inclusa l'Italia, la gentilezza e l'umanità del grande maestro Ermanno Olmi sono una lezione di poesia e grande cinema, qualcosa che la maggioranza del pubblico non sa più apprezzare.

  • User Icon

    Giuliano P.

    16/06/2015 16:47:22

    Un capolavoro. Per palati fini.

  • User Icon

    ac

    16/06/2015 07:49:03

    Lento lento lento lento lento...SOPORIFERO.... Puo' essere utilizzato come sonnifero...

Vedi tutte le 10 recensioni cliente

Un film epidermico, una ballata malinconica perfettamente centrata nel cuore di tenebra di una trincea

Trama
In un avamposto d'alta quota, verso la fine della prima guerra mondiale, un gruppo di militari combatte a pochi metri di distanza dalla trincea austriaca, "così vicina che pare di udire il loro respiro". Intorno, solo neve e silenzio. Dentro, il freddo, la paura, la stanchezza, la rassegnazione. E gli ordini insensati che arrivano da qualche scrivania lontana, al caldo. Ordini telefonati che mandano i soldati a farsi impallinare come tordi.

  • Produzione: 01 - Home Entertainment, 2015
  • Distribuzione: Eagle Pictures
  • Durata: 80 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Francese; Inglese; Italiano per non udenti; Spagnolo
  • Formato Schermo: 1,85:1
  • Area2
  • Contenuti: trailers; foto; speciale
  • Ermanno Olmi Cover

    Ermanno Olmi è stato uno dei più grandi registi del cinema italiano. Ha diretto, tra gli altri, L’albero degli zoccoli (Palma d’Oro 1978), La leggenda del santo bevitore (Leone d’Oro 1989), Il mestiere delle armi (David di Donatello 2001), Il villaggio di cartone (2011). Nel 2008 ha vinto il Leone d’Oro alla carriera.Olmi è stato anche autore di alcuni libri a carattere variamente autobiografico, fra i quali ricordiamo Ragazzo della Bovisa (2004), L'apocalissi è un lieto fine. Storie della mia vita e del nostro futuro (2014) e Il primo sguardo (Bompiani 2015). Nel 2013 Piemme ha pubblicato il suo saggio Lettera a una Chiesa che ha dimenticato Gesù. Approfondisci
  • Claudio Santamaria Cover

    Claudio Santamaria, attore di teatro e di cinema, è conosciuto soprattutto per essere stato protagonista di Lo chiamavano Jeeg Robot (2015, regia di Gabriele Mainetti). Nel 2006 vince il Nastro d’argento come miglior attore protagonista per il ruolo dell’esaltato bandito Dandi in Romanzo criminale (2005) di M. Placido. Ha lavorato con alcuni tra i migliori registi italiani, tra cui: Gabriele Salvatores, Ermanno Olmi, Gabriele Muccino, Michele Placido... Nel 2019 pubblica per Mondadori con Francesca Barra La giostra delle anime. Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali