Categorie

Georges Simenon

Traduttore: M. Romano
Editore: Adelphi
Anno edizione: 2008
Pagine: 146 p. , Brossura
  • EAN: 9788845922435

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    09/07/2016 18.32.35

    E' innegabile che fra le straordinarie qualità di narratore di Georges Simenon vi sia anche quella di portare alla ribalta personaggi di modesto spessore, degli uomini qualunque quindi, quasi sempre perfettamente anonimi. In genere sono membri della piccola borghesia, schiavi di abitudini al punto da rendere la vita un grigiore quotidiano, ed è questo anche il caso di Marcel, sposato con una donna prossima a partorire, padre di una bambina, proprietario di una villetta e artigiano che si occupa della riparazione di apparecchi radio, nonché della loro vendita. E' del resto sempre il caso che porta in luce questi mediocri protagonisti e in questa circostanza gioca un ruolo determinante l'invasione del Belgio, dove l'uomo risiede, da parte dei tedeschi agli inizi della seconda guerra mondiale. Tutti fuggono, anche lui, e come tutti senza una meta ben precisa, solo che nel treno con cui si muove avrà un incontro che potrebbe determinare una svolta nella sua vita, il risveglio da un sonno letargico che da sempre l'accompagna, la rottura definitiva con un mondo in cui si crogiola senza esserne pienamente soddisfatto. Non sarà così, nemmeno un atto d'amore con una sconosciuta profuga ebrea potrà disturbare il suo stile di vita e ognuno andrà per la sua strada, soprattutto lui che ritornerà a quel mondo asfittico, ma protettivo in cui ha sempre vissuto. E se la donna proverà dolore dalla separazione, Marcel invece finirà con il considerare quell'incontro come una parentesi, rinnegando la passione che lo aveva preso, rinunciando a un cambiamento, atteggiamento tipico di un uomo senza qualità.

  • User Icon

    susanna bottini

    11/01/2016 09.15.24

    Romanzo molto intenso, come al solito. Simenon qui, scrivendo in prima persona, racconta di un uomo scialbo e normalissimo, che vive un'esistenza sempre uguale e senza emozioni. Una breve esperienza da profugo, all'inizio dell'occupazione tedesca della Francia nel 1940, gli fa vivere un periodo di fugace passione, che lo cambia dentro per sempre, anche quando tornerà alla sua consueta , monotona vita. Libro da leggere.

  • User Icon

    luciano

    20/08/2015 22.40.50

    Come sempre Simenon fa vibrare le corde più profonde dell'anima tratteggiando, in questo romanzo, una figura di donna, Anna Kupfer, indimenticabile.

  • User Icon

    massimo

    25/11/2014 09.47.34

    Un scialbo commerciante di radio, sfollato durante l'invasione della Francia all'inizio della seconda guerra mondiale, si trova separato per caso dalla famiglia e vive una breve e cocente storia d'amore e di passione con una sconosciuta . E'sorprendente come Simenon riesca sempre, con una prosa semplice ed essenziale, a raccontare le pulsioni dell'animo e le sue contraddizioni, non trascurando mai anche la caratterizzazione dell'ambiente che circonda le vicende. Romanzo breve ed appassionante.

  • User Icon

    SaraB

    05/11/2014 11.55.54

    Estremamente profondo, passionale e struggente.

  • User Icon

    Sofia

    27/03/2014 10.35.07

    Simenon, con grande maestria, racconta l'impossibilità, pur rimanendo fedeli ai propri doveri, di non farsi travolgere da una passione bruciante e totalizzante, il cui ricordo è capace di infondere quel coraggio necessario per affrontare con serenità la quotidianità e monotonia dei giorni a seguire. Da leggere

  • User Icon

    ROBERTO

    22/01/2013 23.46.31

    sto (ri)leggendo tutti i romanzi di Simenon e questo e' molto diverso dagli altri mi e' particolarmente piaciuto l'ho divorato in una serata.

  • User Icon

    nadia

    16/11/2012 20.57.17

    Rispetto agli altri romanzi di Simenon che ho letto finora, questo mi è parso vacuo e inconsistente. Non c'è nulla che mi sia rimasto impresso nel cuore o nella mente.

  • User Icon

    Giuseppe

    30/11/2010 16.18.44

    Ancora un capolavoro firmato Simenon. Un romanzo indimenticabile. Adoro questo grande autore e questo gioiello della letteratura è uno dei miei preferiti tra i suoi. Recentemente ho letto "Il ranch della giumenta perduta" e anche quello è un capolavoro, tanto per cambiare.

  • User Icon

    Simone

    14/09/2010 14.10.30

    Grande Simenon, anche quando è alle prese con una storia di passione carnale nuda e cruda. L'idea alla base del libro è originale e sconvolgente nella sua semplicità: cosa accade a un uomo annoiato dal quotidiano quando la guerra lo separa dalla famiglia e lo conduce verso percorsi nuovi e intriganti? Si farà prendere dalle tentazioni o rimarrà un marito morigerato e fedele? Ovviamente la risposta è la prima, ma Simenon, con l'espediente del treno, avvolge tutto in un'atmosfera di mistero e irrealtà. Una delle migliori opere dell'autore letto fin qui.

  • User Icon

    franz

    20/02/2010 23.28.11

    il solito grande simenon. ma senza lode, perchè scrive un romanzo lento e appiccicoso, anche se i personaggi e la scrittura sono di un'eccellenza straordinaria. finale melenso, forse banale, tracciato in ripidi scoscesi.

  • User Icon

    Osky

    16/02/2010 14.36.47

    Ottimo libro, lineare e scorrevole, con una continua tensione interna che smuove la vicenda e affascina di pagina in pagina. C'è la guerra come punto di partenza e punto di svolta, c'è la guerra come sfondo di una storia di cambiamento interiore, la guerra che crea una situazione del tutto nuova, diversa, dove tutto è possibile. Per questo, per il protagonista la guerra è una gioia piuttosto che fonte di sofferenza. C'è una storia d'amore in primo piano, storia che porta conforto in un clima di paura e apre il cuore del protagonista alla speranza e alla felicità. Questo libro mi pare un inno al vivere il presente, senza farsi troppe illusioni e senza grandi progetti. La guerra è colta come necessità di vivere giorno per giorno e godere di quello che si ha, delle persone che s'incontrano, delle cose che si vedono, della libertà. D'altronde è lo stesso protagonista che a pag. 16 dice: "No! Quella guerra, scoppiata all'improvviso dopo un anno di calma apparente, era una faccenda personale tra me e il destino." By Osky

  • User Icon

    patricia

    27/04/2009 10.45.26

    Forse il più bello fino ad ora da me letto e sicuramente, anche il più triste. Il finale è straziante ma anche inevitabile.

  • User Icon

    paolo marengo

    09/04/2009 10.22.32

    Forse uno dei libri più belli di Simenon...Il finale voleva proprio scriverlo così?

  • User Icon

    maurizio

    01/03/2009 16.58.51

    Un bel libro, che mette in luce come qualcosa di assolutamente eccezionale può capitare a qualunque uomo normale. Il presente è l'unico tempo in cui il protagonista si trova a vivere, un presente dove opera la scissione fra passato e futuro.

  • User Icon

    giorgio chiarot

    21/01/2009 18.26.05

    Dei 33 romanzi non Maigret che ho letto, almeno la metà merita 5 stellette. Questo è uno di quelli.

  • User Icon

    Emanuele

    24/09/2008 22.57.08

    Grande è la passione che in questo libro non avvampa con lingue di fuoco ma con una semplicità disarmante.Si sbriciola il pregiudizio sotto un cuore a due tempi. 1 per la famiglia e l'altro per l'amante Anna.

  • User Icon

    vincenzo vsebastiano

    19/07/2008 17.47.57

    Un altra preziosa gemma di questo straordinario scrittore ed attento investigatore delle passioni umane. Nel triste e sconsolato scenario di guerra la passione, senza le convenzioni del normale ordine sociale, tra due profughi, con storie diverse, diventa la ricerca di una nuova esistenza e l'illusione di un nuovo inizio per entrambi. La figura di Anna nella sua semplicità, silenziosa e rassegnata, da al romanzo un taglio psicologico ed intimistico. Colpisce la minuziosa descrizione del treno e dei suoi passeggeri. Una lettura da non perdere. Con un finale che ti fa rimanere con il libro chiuso tra le mani per qualche minuto.

  • User Icon

    STEFANO

    26/06/2008 01.56.26

    da una parte la passione riscoperta con una sconosciuta e dall'altra gli affetti di famiglia... come sfondo la guerra a dividere e creare l'occasione di un tradimento che poi cresce in qualcosa di più maturo. il finale tutto da leggere...bel libro

  • User Icon

    francesca70

    17/06/2008 18.24.22

    Veramente bello.Come tutti i romanzi di Simenon.

Vedi tutte le 32 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione